PHANTOM PUNCH
Virgin/Emi

Le Duper Sessions dello scorso anno lo avevano visto secondo alcuni sbiadito, perso nel jazz d’atmosfera. Semplicemente, l’ancor giovane Sondre Lerche stava approfondendo una delle sue metà: quella legata all’intrattenimento, appena malinconico, al crepuscolo della nostalgia. In realtà, chi ogni tanto è sembrato un cucciolo di Bacharach o di Cole Porter può in altre circostanze rivelare quanto volentieri Chuck Berry, Beatles e persino Sonic Youth abbiano partecipato al battesimo della sua vita artistica. Ecco che così Phantom Punch è la cavalcata più intensa e ben assortita di un personaggio che fa del pop la sua fede, per poi sposarla con rock e attitudine indie. Con l’aiuto dei fidi Faces Down e la mano produttiva di un mago come Tony Hoffer, fin dalla title track Sondre pare citare direttamente l’ultimo Robyn Hitchcock, piuttosto che rispolverare l’abito del crooner. Certo, fra le trame mai così elettriche di Say It All e l’ossessiva Happy Birthday Girl rimane un saldo senso della melodia, mai del tutto sommerso dagli effetti, e il cantato dell’artista norvegese, poi, non è certo di quelli che fanno paura. Qui però, invece di essere accogliente e confidenziale (vedi sopra), viaggia su un versante di squilibrio, di stramberia costante, ed esplode nelle spire di Face The Blood o in quelle, più intriganti di John, Let Me Go. Non manca il dono dell’eleganza, come dimostrano Well Well Well, o il pizzicato di Tragic Mirror: si scontra però costantemente con un senso di maggior movimento, rispetto a un passato che fa capolino ancora, per esempio nel giro classico di After All o nella solarità di She’s Fantastic.
A far le somme, questo cd fa smettere a Lerche i panni dell’apprendista melodico e gli offre quelli, maggiormente appropriati, del rocker moderno. Uno in cui riescono a coincidere e confluire ascolti che negli anni si sono fatti variegati e magari ancora più frenetici. Essenziale, affilato e vagamente spettrale, è tornato per mostrare una classe che pochi della sua generazione hanno. Fortuna a lui e ottimo ascolto a voi.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...