PHANTOM PUNCH
Virgin/Emi

Le Duper Sessions dello scorso anno lo avevano visto secondo alcuni sbiadito, perso nel jazz d’atmosfera. Semplicemente, l’ancor giovane Sondre Lerche stava approfondendo una delle sue metà: quella legata all’intrattenimento, appena malinconico, al crepuscolo della nostalgia. In realtà, chi ogni tanto è sembrato un cucciolo di Bacharach o di Cole Porter può in altre circostanze rivelare quanto volentieri Chuck Berry, Beatles e persino Sonic Youth abbiano partecipato al battesimo della sua vita artistica. Ecco che così Phantom Punch è la cavalcata più intensa e ben assortita di un personaggio che fa del pop la sua fede, per poi sposarla con rock e attitudine indie. Con l’aiuto dei fidi Faces Down e la mano produttiva di un mago come Tony Hoffer, fin dalla title track Sondre pare citare direttamente l’ultimo Robyn Hitchcock, piuttosto che rispolverare l’abito del crooner. Certo, fra le trame mai così elettriche di Say It All e l’ossessiva Happy Birthday Girl rimane un saldo senso della melodia, mai del tutto sommerso dagli effetti, e il cantato dell’artista norvegese, poi, non è certo di quelli che fanno paura. Qui però, invece di essere accogliente e confidenziale (vedi sopra), viaggia su un versante di squilibrio, di stramberia costante, ed esplode nelle spire di Face The Blood o in quelle, più intriganti di John, Let Me Go. Non manca il dono dell’eleganza, come dimostrano Well Well Well, o il pizzicato di Tragic Mirror: si scontra però costantemente con un senso di maggior movimento, rispetto a un passato che fa capolino ancora, per esempio nel giro classico di After All o nella solarità di She’s Fantastic.
A far le somme, questo cd fa smettere a Lerche i panni dell’apprendista melodico e gli offre quelli, maggiormente appropriati, del rocker moderno. Uno in cui riescono a coincidere e confluire ascolti che negli anni si sono fatti variegati e magari ancora più frenetici. Essenziale, affilato e vagamente spettrale, è tornato per mostrare una classe che pochi della sua generazione hanno. Fortuna a lui e ottimo ascolto a voi.

(recensione tratta dal Mucchio 631 – Febbraio 2007)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...