Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle piene del Nilo. I figli di Kemet, capitanati da qual mattacchione tuttofare di Shabaka Hutchings, traggono a loro volta ispirazione da una delle civiltà più antiche della storia dell’uomo, ricongiungendosi idealmente al passato più remoto. Un amplesso a ritroso che diventa anche musicale, visto che il quartetto inglese punta dritto a una mescola afrojazz stracolma di richiami funk, afrobeat, trip hop, reggaeton e chi più ne ha, più ne metta. Questo super gruppo di strumentisti assolutamente formidabili – con alle spalle due album prodotti nel 2013 e nel 2015 – ha deciso per l’occasione di darsi persino un tono punk, attribuendo a Your Queen Is A Reptile un obiettivo ben preciso: individuare delle regine alternative, che vanno dalla bisnonna di Shabaka alla baronessa Doreen Lawrence, passando per Angela Davis e Yaa Asantewaa, quest’ultima regina madre e reggente di Ejisu, situata nella regione di Ashanti nel Ghana, nonché idolo indiscusso nella seconda metà del diciannovesimo secolo della resistenza agli invasori anglosassoni, i quali faticarono non poco per deporla.

Questo è, dunque, un disco dall’attitudine riottosa, tribale fino al midollo. Il sax e il clarinetto di Shabaka fungono allo stesso tempo da condottieri e umili servitori dei vari Theon Croce (alla tuba), Tom Skinner e Seb Rochford (entrambi alle percussioni), ai quali si aggiungono di volta in volta i vocalist Joshua Idehen e Congo Natty, la sassofonista Nubya Garcia e il collega Pete Wareham, i batteristi Eddie Hick e Moses Boyd. In pratica una squadra pazzesca, che Hutchings guida con saggezza, muovendosi in territori jazz prossimi sia alle navi madre Sun Ra Arkestra e Art Ensemble Of Chicago, sia alle luminescenze midtempo proposte di recente attraverso i suoi The Comet Is Coming. Un mix che ben inquadra i nove movimenti di Your Queen Is A Reptile, ciascuno dei quali vibrante di passione propria. Prendiamo ad esempio la splendida My Queen Is Albertina Sisulu – dedicata alla celebre attivista sudafricana – e il suo crescendo irresistibile, con Shabaka in stato di grazia esplosiva nella seconda parte; oppure la ritmica adrenalinica di My Queen Is Harriet Tubman – in omaggio alla storica attivista statunitense dell’abolizionismo della schiavitù, conosciuta ai più come “Mosè della gente near” – con i suoi saliscendi da capogiro di pelli e ottoni; così come il tema di Space Is Carnival, brano dei sopracitati The Comet Is Coming, posto in apertura di My Queen is Doreen Lawrence, rallentato e strizzato a dovere in una sorta di groove psichedelico, con Idehen che canta a metà tra Jimmy Cliff e un MC old school a caso. Se i vari Heliocentrics e Yussef Kamaal hanno bussato alle nostre porte quasi in punta di piedi, i kemetici del jazz entrano fragorosamente e senza troppe cerimonie, santificando una tradizione che continua a stuzzicare persino le contee musicofile solitamente più distanti.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio 766

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...