UFABULUM
Warp/Self

Nettamente: un ritorno al passato. Nettamente: una cesura rispetto a dischi che erano diventati eleganti, troppo eleganti, occhieggianti persino alla – scusate la parola – fusion (“Just A Souvenir”) o alla electro modaiola (il progetto a nome Shobaleader One, di due anni fa). Non bisogna per forza fare i nostalgici, e in realtà a parere di chi scrive il disco migliore di Tom Jenkinson resta “Ultravisitor”, un caotico e grandioso raccoglitore delle sue mille anime, di sicuro molto diverso cronologicamente o stilisticamente da “Feed Me Weird Things” o “Hard Normal Daddy”. Però questo “Ufabulum” ha tutti i requisiti che occorrono per andare a situarsi nella zona nobile, se si ragiona in termini di scala qualitativa, della discografia squarepusheriana. Riesce infatti a sposare incisività e freschezza, e trattandosi di Tom Jenkinson incisività significa che è tagliente come un diamante, mentre freschezza vuol dire che per l’ascoltatore quasi ogni traccia è una gioia continua.
Parlando di nostalgia, ad aumentare la gioia di cui sopra ci sono le molte citazioni – melodiche e di arrangiamento – dello Squarepusher degli esordi, una specie di scheggia impazzita al tempo stesso gaglioffa e iperintellettuale nel mondo dei rave e dell’elettronica spinta. E se i più incontentabili sono ancora in attesa di un seguito di “Come On My Selector” (una delle sue tracce più famose ed estreme, quella arricchita da uno strepitoso video di Chris Cunningham), sappiano che con la “The Metallurgist” inclusa in questo nuovo lavoro probabilmente l’attesa è finita. C’è tutto, insomma. Non è il caso di gridare al capolavoro perché manca, inevitabilmente, l’effetto-sorpresa: non è che qui Squarepusher rinnovi il suo linguaggio o trovi inediti alfabeti. Tutt’altro. Però va sottolineato come i suoi “soliti” trucchi, quelli con cui si è fatto conoscere e adorare, sono adesso esaltati da una cura sonora che un tempo non avevano né potevano avere, perché allora non c’erano le possibilità tecniche che ci sono oggi. Nettamente: ottimo album.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...