In Our Bedroom After The War
City Slang-V2/Universal

Non si devono trovare troppo a proprio agio con la definizione di indie (per lo meno, quella che se ne dà oggi) gli Stars. Troppo limitante, troppo stretta per un gruppo il cui obiettivo finale sembra essere quello di arrivare a una forma musicale se non universale, per lo meno dal respiro infinitamente più ampio di qualsivoglia contesto alternativo. E, in un certo senso, con “In Our Bedroom After The War” ci sono riusciti. Se infatti fino ad oggi ogni loro disco sembrava rappresentare una sempre maggiore presa di coscienza dei propri mezzi, ora la formazione di stanza a Montreal (dove è parte integrante del collettivo dei Broken Social Scene) pare aver definitivamente rotto gli indugi. Librandosi alta fino al sole, e rischiando come Icaro di pagare per la propria tracotanza, ma finendo sempre per evitare il peggio, anche nei momenti meno convincenti. E non è solo questione di ambizione, ma anche di talento e coraggio. Il coraggio necessario per avventurarsi a testa alta in territori potenzialmente pericolosi e il talento indispensabile per uscirne magari un po’ ammaccati ma vivi.
Dovendo definire “In Our Bedroom After The War” con una sola parola, lo diremmo un disco drammatico. Non che alla band di Amy Millian e Torquil Campbell sia mai mancato il gusto per una certa intensità dei toni teatrali, ma ora sembra proprio essere questa il filo rosso che unisce i brani in scaletta: dalla esplosiva “Take Me To The Riot” a ballate cariche di trasporto come “Barricade” e la crepuscolare “Personal”, dall’epicità di “The Night Starts Here” e “Today Will Be Better, I Swear!” fino a una “title track” che prende Elton John e lo trasporta di peso a Broadway. Più pop che rock, allora; più pianoforti e tastiere che chitarre; senza tralasciare orchestrazioni e un tocco di elettronica alla New Order, falsetti sexy (“The Ghost Of Genova Heights”) e salti all’indietro, a dire il vero non riuscitissimi, negli anni 70 più raffinati e zuccherosi (“My Favourite Book”). Pur non privo di imperfezioni e kitscherie, un faro nella notte del conformismo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.640 – novembre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...