In Our Bedroom After The War
City Slang-V2/Universal

Non si devono trovare troppo a proprio agio con la definizione di indie (per lo meno, quella che se ne dà oggi) gli Stars. Troppo limitante, troppo stretta per un gruppo il cui obiettivo finale sembra essere quello di arrivare a una forma musicale se non universale, per lo meno dal respiro infinitamente più ampio di qualsivoglia contesto alternativo. E, in un certo senso, con “In Our Bedroom After The War” ci sono riusciti. Se infatti fino ad oggi ogni loro disco sembrava rappresentare una sempre maggiore presa di coscienza dei propri mezzi, ora la formazione di stanza a Montreal (dove è parte integrante del collettivo dei Broken Social Scene) pare aver definitivamente rotto gli indugi. Librandosi alta fino al sole, e rischiando come Icaro di pagare per la propria tracotanza, ma finendo sempre per evitare il peggio, anche nei momenti meno convincenti. E non è solo questione di ambizione, ma anche di talento e coraggio. Il coraggio necessario per avventurarsi a testa alta in territori potenzialmente pericolosi e il talento indispensabile per uscirne magari un po’ ammaccati ma vivi.
Dovendo definire “In Our Bedroom After The War” con una sola parola, lo diremmo un disco drammatico. Non che alla band di Amy Millian e Torquil Campbell sia mai mancato il gusto per una certa intensità dei toni teatrali, ma ora sembra proprio essere questa il filo rosso che unisce i brani in scaletta: dalla esplosiva “Take Me To The Riot” a ballate cariche di trasporto come “Barricade” e la crepuscolare “Personal”, dall’epicità di “The Night Starts Here” e “Today Will Be Better, I Swear!” fino a una “title track” che prende Elton John e lo trasporta di peso a Broadway. Più pop che rock, allora; più pianoforti e tastiere che chitarre; senza tralasciare orchestrazioni e un tocco di elettronica alla New Order, falsetti sexy (“The Ghost Of Genova Heights”) e salti all’indietro, a dire il vero non riuscitissimi, negli anni 70 più raffinati e zuccherosi (“My Favourite Book”). Pur non privo di imperfezioni e kitscherie, un faro nella notte del conformismo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.640 – novembre 2007)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...