In Our Bedroom After The War
City Slang-V2/Universal

Non si devono trovare troppo a proprio agio con la definizione di indie (per lo meno, quella che se ne dà oggi) gli Stars. Troppo limitante, troppo stretta per un gruppo il cui obiettivo finale sembra essere quello di arrivare a una forma musicale se non universale, per lo meno dal respiro infinitamente più ampio di qualsivoglia contesto alternativo. E, in un certo senso, con “In Our Bedroom After The War” ci sono riusciti. Se infatti fino ad oggi ogni loro disco sembrava rappresentare una sempre maggiore presa di coscienza dei propri mezzi, ora la formazione di stanza a Montreal (dove è parte integrante del collettivo dei Broken Social Scene) pare aver definitivamente rotto gli indugi. Librandosi alta fino al sole, e rischiando come Icaro di pagare per la propria tracotanza, ma finendo sempre per evitare il peggio, anche nei momenti meno convincenti. E non è solo questione di ambizione, ma anche di talento e coraggio. Il coraggio necessario per avventurarsi a testa alta in territori potenzialmente pericolosi e il talento indispensabile per uscirne magari un po’ ammaccati ma vivi.
Dovendo definire “In Our Bedroom After The War” con una sola parola, lo diremmo un disco drammatico. Non che alla band di Amy Millian e Torquil Campbell sia mai mancato il gusto per una certa intensità dei toni teatrali, ma ora sembra proprio essere questa il filo rosso che unisce i brani in scaletta: dalla esplosiva “Take Me To The Riot” a ballate cariche di trasporto come “Barricade” e la crepuscolare “Personal”, dall’epicità di “The Night Starts Here” e “Today Will Be Better, I Swear!” fino a una “title track” che prende Elton John e lo trasporta di peso a Broadway. Più pop che rock, allora; più pianoforti e tastiere che chitarre; senza tralasciare orchestrazioni e un tocco di elettronica alla New Order, falsetti sexy (“The Ghost Of Genova Heights”) e salti all’indietro, a dire il vero non riuscitissimi, negli anni 70 più raffinati e zuccherosi (“My Favourite Book”). Pur non privo di imperfezioni e kitscherie, un faro nella notte del conformismo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.640 – novembre 2007)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...