In Our Bedroom After The War
City Slang-V2/Universal

Non si devono trovare troppo a proprio agio con la definizione di indie (per lo meno, quella che se ne dà oggi) gli Stars. Troppo limitante, troppo stretta per un gruppo il cui obiettivo finale sembra essere quello di arrivare a una forma musicale se non universale, per lo meno dal respiro infinitamente più ampio di qualsivoglia contesto alternativo. E, in un certo senso, con “In Our Bedroom After The War” ci sono riusciti. Se infatti fino ad oggi ogni loro disco sembrava rappresentare una sempre maggiore presa di coscienza dei propri mezzi, ora la formazione di stanza a Montreal (dove è parte integrante del collettivo dei Broken Social Scene) pare aver definitivamente rotto gli indugi. Librandosi alta fino al sole, e rischiando come Icaro di pagare per la propria tracotanza, ma finendo sempre per evitare il peggio, anche nei momenti meno convincenti. E non è solo questione di ambizione, ma anche di talento e coraggio. Il coraggio necessario per avventurarsi a testa alta in territori potenzialmente pericolosi e il talento indispensabile per uscirne magari un po’ ammaccati ma vivi.
Dovendo definire “In Our Bedroom After The War” con una sola parola, lo diremmo un disco drammatico. Non che alla band di Amy Millian e Torquil Campbell sia mai mancato il gusto per una certa intensità dei toni teatrali, ma ora sembra proprio essere questa il filo rosso che unisce i brani in scaletta: dalla esplosiva “Take Me To The Riot” a ballate cariche di trasporto come “Barricade” e la crepuscolare “Personal”, dall’epicità di “The Night Starts Here” e “Today Will Be Better, I Swear!” fino a una “title track” che prende Elton John e lo trasporta di peso a Broadway. Più pop che rock, allora; più pianoforti e tastiere che chitarre; senza tralasciare orchestrazioni e un tocco di elettronica alla New Order, falsetti sexy (“The Ghost Of Genova Heights”) e salti all’indietro, a dire il vero non riuscitissimi, negli anni 70 più raffinati e zuccherosi (“My Favourite Book”). Pur non privo di imperfezioni e kitscherie, un faro nella notte del conformismo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.640 – novembre 2007)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...