The Five Ghosts
Vagrant/Goodfellas

La grande novità del quinto album degli Stars, almeno a quanto si legge, è che, a differenza del passato, stavolta tutti e cinque i membri del gruppo hanno preso parte alla composizione dei pezzi. Sono loro, forse, i “Five Ghosts” del titolo, anche se a dire il vero il fantasma che è più facile scorgere al suo interno è quello degli anni 80. Il che non rappresenta una sorpresa, visto come l’ensemble canadese abbia sempre flirtato con il pop sintetico di quel decennio; forse però mai l’aveva fatto con una tale continuità. Drum-machine, sintetizzatori ed effetti tipicamente Eighties sono protagonisti nel bene e nel male di una discreta parte dei brani in scaletta, a discapito delle chitarre – da segnalare, a proposito, la presenza come ospite di Andrew Whiteman, alias Apostle Of Hustle, a cementare ancora una volta il legame col giro dei Broken Social Scene – in qualche caso relegate al ruolo di comprimarie. L’iniziale “Dead Hearts”, di contro, mette in luce un’altra faccia del disco, maggiormente rivolta allo scorso decennio, suonando come potrebbero farlo gli Arcade Fire alle prese con un brano dei New Pornographers; un nome, quest’ultimo, che torna alla mente anche in altri episodi, nei quali emerge un piglio maggiormente indie/power pop.
Pur non mancando di momenti ombrosi e di meno agevole fruizione (la notturna “He Dreams He’s Awake”, per dirne uno), e fermo restando il ruolo centrale dell’interazione tra le voci di Amy Millan e Torquil Campbell nell’economia della proposta della band, l’album nel complesso non dispiace, ma rispetto ai suoi più vicini predecessori finisce per sfigurare. Manca infatti tanto dell’ambizione di “In Our Bedroom After The War” quanto della drammaticità di “Set Yourself On Fire”, apparendo così destinato a una fruizione meno totalizzante e intensa. Niente di male, per carità, ma ci riesce comunque difficile non considerarlo come un – piccolo, per fortuna – passo indietro.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....