The Five Ghosts
Vagrant/Goodfellas

La grande novità del quinto album degli Stars, almeno a quanto si legge, è che, a differenza del passato, stavolta tutti e cinque i membri del gruppo hanno preso parte alla composizione dei pezzi. Sono loro, forse, i “Five Ghosts” del titolo, anche se a dire il vero il fantasma che è più facile scorgere al suo interno è quello degli anni 80. Il che non rappresenta una sorpresa, visto come l’ensemble canadese abbia sempre flirtato con il pop sintetico di quel decennio; forse però mai l’aveva fatto con una tale continuità. Drum-machine, sintetizzatori ed effetti tipicamente Eighties sono protagonisti nel bene e nel male di una discreta parte dei brani in scaletta, a discapito delle chitarre – da segnalare, a proposito, la presenza come ospite di Andrew Whiteman, alias Apostle Of Hustle, a cementare ancora una volta il legame col giro dei Broken Social Scene – in qualche caso relegate al ruolo di comprimarie. L’iniziale “Dead Hearts”, di contro, mette in luce un’altra faccia del disco, maggiormente rivolta allo scorso decennio, suonando come potrebbero farlo gli Arcade Fire alle prese con un brano dei New Pornographers; un nome, quest’ultimo, che torna alla mente anche in altri episodi, nei quali emerge un piglio maggiormente indie/power pop.
Pur non mancando di momenti ombrosi e di meno agevole fruizione (la notturna “He Dreams He’s Awake”, per dirne uno), e fermo restando il ruolo centrale dell’interazione tra le voci di Amy Millan e Torquil Campbell nell’economia della proposta della band, l’album nel complesso non dispiace, ma rispetto ai suoi più vicini predecessori finisce per sfigurare. Manca infatti tanto dell’ambizione di “In Our Bedroom After The War” quanto della drammaticità di “Set Yourself On Fire”, apparendo così destinato a una fruizione meno totalizzante e intensa. Niente di male, per carità, ma ci riesce comunque difficile non considerarlo come un – piccolo, per fortuna – passo indietro.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...