Nel 2004 lo scioglimento della Beta Band, con tre ep e tre album all’attivo, è stato un brutto colpo. Da allora Steve Mason ha fronteggiato depressioni e problemi economici, oltre a suonare con gli pseudonimi King Biscuit Time e Black Affair. Sino all’intimista esordio a suo nome del 2010, Boys Outside, composto alla chitarra acustica, prodotto da Richard X e accompagnato l’anno successivo dalla sua rivisitazione Ghosts Outside, cofirmata col guru del reggae britannico Dennis Bovell.

Il songwriter scozzese torna ora con un disco tanto complesso quanto avventuroso, che si concentra su tematiche sociopolitiche metabolizzando l’opposizione al governo Bush, il movimento Occupy Wall Street e le rivolte popolari. Il titolo Monkey Minds In The Devil’s Time è una citazione buddista per esprimere la paranoia, la dipendenza indotta dall’odierna tecnologia, che tutto rende iperveloce e superficiale. Si tratta di una piccola provocazione, dacché abbiamo a che fare con venti tracce per quasi un’ora di durata: nove di esse sono vere e proprie canzoni registrate a Londra con l’aiuto di Dan Carey – menzione per le splendide melodie sospese di Lie Awake e Seen It All Before – mentre le restanti undici sono frammenti sperimentali confezionati autonomamente in uno studio privato. Alla base vi è dunque il desiderio di esporsi e manifestare dissenso per i problemi che affliggono la situazione mondiale, così come di pari passo ci si sporca le mani con innumerevoli soluzioni di genere, anche per rendere più imprevedibile, piacevole l’ascolto, sulla scia di maestri dell’impegno ballabile quali Curtis Mayfield o James Brown. Si finisce per ribadire, estremizzare l’eclettismo della vecchia band-madre, rubricata sbrigativamente alla voce folktronica. Ci sono ballate psycho-spaziali e toni apocalittici, elettronica filo-dub e l’hip hop di Mystro in More Money, More Fire, le spumeggianti orchestrazioni funk di Fire! e brani di protesta come Fight Them Back. L’eterno, barricadero splendore di una mente immacolata.

Pubblicato sul Mucchio 704

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...