The Age Of Adz
Asthmatic Kitty/Goodfellas

C’è stato un momento in cui la creatività e la prolificità di Sufjan Stevens sembravano talmente inarrestabili da far credere che il progetto dei cinquanta dischi per cinquanta stati americani potesse essere effettivamente realizzabile; poi, però, di punto in bianco qualcosa è cambiato, e dal 2005 a oggi lo statunitense si è dedicato soprattutto ad attività in qualche modo collaterali (produzioni, collaborazioni, sonorizzazioni). Fino a quando, lo scorso agosto, è comparso in Rete – ma è prevista entro l’anno anche una sua versione fisica – il lungo ep “All Delighted People”, seguito nel giro di poche settimane da questo nuovo, atteso album.
In un certo senso, “The Age Of Adz” rappresenta il lavoro più coraggioso e difficile dell’artista, che per l’occasione ha voluto spingere il proprio spumeggiante pop orchestrale in una direzione diversa, ibridandolo e “sporcandolo” quanto più possibile con l’elettronica. Spesso infatti i brani nascono da battiti robotici, tappeti di tastiere o sintetizzatori al limite del rumore, per poi progressivamente umanizzarsi grazie a melodie ariose e all’uso massiccio di archi, fiati e cori. Lo stile compositivo, in sostanza, è lo stesso dei vari “Michigan” o “Illinoise”, ma con la differenza che ora convive con una fortissima componente sintetica, inizialmente straniante ma destinata col tempo a rivelarsi quantomai gustosa, a patto di non avere del tutto in odio certe “kitscherie” anni 80. Pur con qualche eccesso e caduta di tono, se il programma terminasse alla decima canzone staremmo qui a parlare di un ritorno pienamente soddisfacente, o quasi. E invece, a chiudere il discorso vi sono i venticinque minuti di “Impossible Soul”, sorta di disco dentro il disco in cui momenti di celestiale perfezione pop si alternano ad abissi inenarrabili di cattivo gusto (e un auto-tune da lavori forzati) che fanno inevitabilmente ritoccare il giudizio verso il basso. Perché anche il genio più puro, senza senso della misura, può farsi prendere la mano e combinare pasticci.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...