The Age Of Adz
Asthmatic Kitty/Goodfellas

C’è stato un momento in cui la creatività e la prolificità di Sufjan Stevens sembravano talmente inarrestabili da far credere che il progetto dei cinquanta dischi per cinquanta stati americani potesse essere effettivamente realizzabile; poi, però, di punto in bianco qualcosa è cambiato, e dal 2005 a oggi lo statunitense si è dedicato soprattutto ad attività in qualche modo collaterali (produzioni, collaborazioni, sonorizzazioni). Fino a quando, lo scorso agosto, è comparso in Rete – ma è prevista entro l’anno anche una sua versione fisica – il lungo ep “All Delighted People”, seguito nel giro di poche settimane da questo nuovo, atteso album.
In un certo senso, “The Age Of Adz” rappresenta il lavoro più coraggioso e difficile dell’artista, che per l’occasione ha voluto spingere il proprio spumeggiante pop orchestrale in una direzione diversa, ibridandolo e “sporcandolo” quanto più possibile con l’elettronica. Spesso infatti i brani nascono da battiti robotici, tappeti di tastiere o sintetizzatori al limite del rumore, per poi progressivamente umanizzarsi grazie a melodie ariose e all’uso massiccio di archi, fiati e cori. Lo stile compositivo, in sostanza, è lo stesso dei vari “Michigan” o “Illinoise”, ma con la differenza che ora convive con una fortissima componente sintetica, inizialmente straniante ma destinata col tempo a rivelarsi quantomai gustosa, a patto di non avere del tutto in odio certe “kitscherie” anni 80. Pur con qualche eccesso e caduta di tono, se il programma terminasse alla decima canzone staremmo qui a parlare di un ritorno pienamente soddisfacente, o quasi. E invece, a chiudere il discorso vi sono i venticinque minuti di “Impossible Soul”, sorta di disco dentro il disco in cui momenti di celestiale perfezione pop si alternano ad abissi inenarrabili di cattivo gusto (e un auto-tune da lavori forzati) che fanno inevitabilmente ritoccare il giudizio verso il basso. Perché anche il genio più puro, senza senso della misura, può farsi prendere la mano e combinare pasticci.

tratto dal Mucchio n°675

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...