Tristi_Tropici_Cover_web
SUS

Tristi Tropici

Technicolor Dischi
7

Il gruppo dei SUS (Succede Una Sega), emerso dall’underground toscano, torna con Tristi Tropici, secondo lavoro dopo Il cavallo di Troia del 2010. Il disco vede la produzione di Fabio Magistrali, che ha voluto escludere dal processo di registrazione e missaggio l’utilizzo di computer. Il risultato è un sound che si è fatto più elegante, una psichedelia sofisticata e un po’ retrò che regala al disco una veste intensa e pastosa. Un album da cui farsi avvolgere per dimenticare o viceversa ricordare i dolori dell’anima. In tre parole, un onesto spleen d’autore. La demenzialità lascia in questo caso il passo a un’incertezza del vivere che si tinge di colori malinconici. Versi come “Dovrei cambiar vita, forse vado ai Caraibi ma sono sempre stanco e ho poco tempo” e le nuance orientaleggianti della title track ricordano il giovane Battiato alle prese con Un’altra vita. Sono stralunati questi SUS, un po’ come Nanni Moretti in Bianca. Non si capisce cosa vogliano o dove vadano, forse sono qui solo per regalarci i loro squarci di vite perdenti, personaggi impagabili come il venditore di vibratori di Lungomare vuoto di Follonica. Un punto di vista ungarettiano su una realtà che sembra sempre più faticosa. L’ultima spiaggia è immaginare esistenze alternative, sogni che sappiamo già non si avvereranno mai. Tristi Tropici, appunto.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...