Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo di Swans. Forse la band migliore, o almeno più potente, che si possa ammirare oggigiorno in concerto (prossime occasioni, in Italia, a novembre: Bologna e Roma). E non solo: un cantiere musicale aperto, visto che – a differenza della stragrande maggioranza dei colleghi – modellano i propri dischi plasmandone prima i contenuti sul palco e immortalandoli successivamente in studio. L’episodio che intesta ad esempio il nuovo album – quarto dopo la ricostituzione del 2009 e ultimo della serie con questa configurazione del gruppo, Michael Gira dixit – ha preso forma durante il tour seguito a To Be Kind dall’evoluzione di Bring The Sun, fulcro di quel lavoro, avendo per convenzione come titolo Black Hole Man. E altrettanto si può dire a proposito di Frankie M, anch’esso moloch sonoro eccedente la soglia dei venti minuti di durata.

In entrambi i casi Gira e i suoi complici espongono una volta ancora la loro idea del rock tramutato in sinfonia spontanea, perciò epico e solenne, oltre che violento e addirittura feroce: il capobanda in veste di sciamanico oratore/direttore d’orchestra e intorno a lui gli strumentisti, discepoli devoti alla causa. Mesi fa, preannunciando The Glowing Man a “Mojo”, Gira lo aveva definito: “L’equivalente musicale di Ben Hur, accoppiato a Ran di Kurosawa”. L’entità dell’opera (un paio d’ore scarse su doppio cd o tre dischi in vinile) ne avvera la descrizione. Ad aprirla sono – parole sue – “due preghiere”: Cloud Of Forgetting e Cloud Of Unknowing. Poi cita se stesso, riprendendo i versi di The World Looks Red, regalati trentatre anni fa ai Sonic Youth di Confusion Is Sex, e sviluppandoli nel trapasso dal rosso al nero (The World Looks Black). Le avvisaglie del congedo imminente arrivano sulle note dell’austera ed essenziale People Like Us: “Inviamo il nostro addio da una nube color ruggine”. E in chiusura l’eloquente Finally Peace celebra l’epilogo con inusitata luminosità: il Canto dei Cigni.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...