My Father Will Guide Me…
Young God/Goodfellas

Mette giustamente le mani avanti Michael Gira, ché l’accusa di sfruttamento del marchio è dietro l’angolo, quando dice che quella degli Swans non è affatto una reunion. Anche perché, dell’organico della band che lo statunitense ha guidato tra il 1982 e il 1997 (e alla quale deve gran parte della sua fama) ci sono solo i chitarristi Norman Westberg e Christoph Hahn, quest’ultimo peraltro arrivato a gruppo già attivo e presente al fianco del titolare anche negli Angels Of Light, dalle cui fila proviene quasi tutto il resto del personale qui coinvolto (rimpinguato da ospiti come Grasshopper dei Mercury Rev e Bill Rieflin). Una line-up mista che in un certo senso anticipa quanto si può ascoltare in “My Father Will Guide Me Up A Rope To The Sky”: una sorta di coerente e riuscitissima sintesi delle istanze tipiche delle due formazioni, la cui unione pare essere la migliore risposta all’esigenza del leader di trovare nuovi stimoli e nuove strade dopo un periodo di apparenti secche creative.
L’apertura, con la minacciosa marcia da giorno del giudizio “No Words/No Thoughts”, è in perfetto stile Swans, così come l’assalto di “My Birth”; di contro, la ballata desertica “Reeling The Liars In” e il gospel-folk cosmico della conclusiva “Little Mouth” sono più vicini alla sensibilità messa in mostra dagli Angels Of Light. Episodi di grande fascino e intensità, che però passano in secondo piano rispetto a quelli in cui i due mondi si compenetrano maggiormente: la cavalcata elettrica che si fa folk crepuscolare in “Inside Madeline”, una “Eden Prison” prossima alla spiritualità febbrile di David Eugene Edwards, le atmosfere spettrali e insieme intime di una “You Fucking People Make Me Sick” (con alla voce Devendra Banhart e la figlia di tre anni di Gira) squarciate da una coda che suggerisce un’ipotesi di doom per fiati e pianoforte, e soprattutto l’elegiaca e nerissima “Jim”, tra Leadbelly, Nick Cave e Tom Waits. In sintesi, un disco “enorme”, dal fascino scomodo quanto irresistibile.

tratto dal Mucchio n°676

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...