91sqAJFwmJL._SL1400_
Tame Impala

Currents

Fiction/Interscope/Universal
5.5

Che Kevin Parker stia cercando di far diventare i Tame Impala qualcosa in più di una semplice (benché formidabile) band di puro psych-rock, lo si era già intuito con l’uscita di Lonerism. Un’evoluzione naturale, in un certo senso, quella di prendere i labirinti acidi (e spesso pure onirici) di Innerspeaker per insediarli in sonorità diverse, estendendo il raggio d’azione per andare a smussare gli angoli più integralisti dell’esordio. L’evoluzione di cui sopra è ancora in atto, e con Currents la sensazione è che il combo australiano ambisca a lanciarsi definitivamente negli accomodanti ambienti della musica mainstream, monetizzando le attenzioni che gravitano sul progetto di Parker (l’uomo solo al comando della situazione) e soci.

Passati in tre soli anni da fenomeno di nicchia a oggetto di culto su larga scala, i Tame Impala provano insomma a calare l’asso. E qui veniamo al dunque. Sulle capacità di Parker di scrivere e arrangiare i pezzi, di spingere più in là la produzione, di far tornare i conti, non sussistono dubbi di sorta. Ciò che non quadra, con Currents, è semmai il tentativo di snaturare il tutto adattandolo – in modo un po’ troppo stiracchiato – alle tendenze del momento. Ecco allora i sentori funk e R’n’B, il soul che fa capolino in ‘Cause I’m a Man, le metriche dub di Eventually, l’uptempo plasticoso di The Moment e The Less I Know The Better, la ballad sintetica Love Paranoia: tutte canzoni dal piglio più o meno smaccatamente pop, talvolta quasi protese verso territori disco-oriented (l’avreste mai detto?). Dello psych-rock della prima ora rimangono sparute tracce nell’ossessività ieratica di Let It Happen e nelle sfumature soniche di Past Life. Al terzo album, in buona sostanza, gli australiani mirano a fare il grande salto nelle top ten inglese e americana. Che ci riescano o meno, Currents sembra tracciare una linea di non ritorno rispetto alle origini: e per chi, come noi, ha consumato a forza di ascolti i primi due dischi, potrebbe non essere una buonissima notizia.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...