91sqAJFwmJL._SL1400_
Tame Impala

Currents

Fiction/Interscope/Universal
5.5

Che Kevin Parker stia cercando di far diventare i Tame Impala qualcosa in più di una semplice (benché formidabile) band di puro psych-rock, lo si era già intuito con l’uscita di Lonerism. Un’evoluzione naturale, in un certo senso, quella di prendere i labirinti acidi (e spesso pure onirici) di Innerspeaker per insediarli in sonorità diverse, estendendo il raggio d’azione per andare a smussare gli angoli più integralisti dell’esordio. L’evoluzione di cui sopra è ancora in atto, e con Currents la sensazione è che il combo australiano ambisca a lanciarsi definitivamente negli accomodanti ambienti della musica mainstream, monetizzando le attenzioni che gravitano sul progetto di Parker (l’uomo solo al comando della situazione) e soci.

Passati in tre soli anni da fenomeno di nicchia a oggetto di culto su larga scala, i Tame Impala provano insomma a calare l’asso. E qui veniamo al dunque. Sulle capacità di Parker di scrivere e arrangiare i pezzi, di spingere più in là la produzione, di far tornare i conti, non sussistono dubbi di sorta. Ciò che non quadra, con Currents, è semmai il tentativo di snaturare il tutto adattandolo – in modo un po’ troppo stiracchiato – alle tendenze del momento. Ecco allora i sentori funk e R’n’B, il soul che fa capolino in ‘Cause I’m a Man, le metriche dub di Eventually, l’uptempo plasticoso di The Moment e The Less I Know The Better, la ballad sintetica Love Paranoia: tutte canzoni dal piglio più o meno smaccatamente pop, talvolta quasi protese verso territori disco-oriented (l’avreste mai detto?). Dello psych-rock della prima ora rimangono sparute tracce nell’ossessività ieratica di Let It Happen e nelle sfumature soniche di Past Life. Al terzo album, in buona sostanza, gli australiani mirano a fare il grande salto nelle top ten inglese e americana. Che ci riescano o meno, Currents sembra tracciare una linea di non ritorno rispetto alle origini: e per chi, come noi, ha consumato a forza di ascolti i primi due dischi, potrebbe non essere una buonissima notizia.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....