91sqAJFwmJL._SL1400_
Tame Impala

Currents

Fiction/Interscope/Universal
5.5

Che Kevin Parker stia cercando di far diventare i Tame Impala qualcosa in più di una semplice (benché formidabile) band di puro psych-rock, lo si era già intuito con l’uscita di Lonerism. Un’evoluzione naturale, in un certo senso, quella di prendere i labirinti acidi (e spesso pure onirici) di Innerspeaker per insediarli in sonorità diverse, estendendo il raggio d’azione per andare a smussare gli angoli più integralisti dell’esordio. L’evoluzione di cui sopra è ancora in atto, e con Currents la sensazione è che il combo australiano ambisca a lanciarsi definitivamente negli accomodanti ambienti della musica mainstream, monetizzando le attenzioni che gravitano sul progetto di Parker (l’uomo solo al comando della situazione) e soci.

Passati in tre soli anni da fenomeno di nicchia a oggetto di culto su larga scala, i Tame Impala provano insomma a calare l’asso. E qui veniamo al dunque. Sulle capacità di Parker di scrivere e arrangiare i pezzi, di spingere più in là la produzione, di far tornare i conti, non sussistono dubbi di sorta. Ciò che non quadra, con Currents, è semmai il tentativo di snaturare il tutto adattandolo – in modo un po’ troppo stiracchiato – alle tendenze del momento. Ecco allora i sentori funk e R’n’B, il soul che fa capolino in ‘Cause I’m a Man, le metriche dub di Eventually, l’uptempo plasticoso di The Moment e The Less I Know The Better, la ballad sintetica Love Paranoia: tutte canzoni dal piglio più o meno smaccatamente pop, talvolta quasi protese verso territori disco-oriented (l’avreste mai detto?). Dello psych-rock della prima ora rimangono sparute tracce nell’ossessività ieratica di Let It Happen e nelle sfumature soniche di Past Life. Al terzo album, in buona sostanza, gli australiani mirano a fare il grande salto nelle top ten inglese e americana. Che ci riescano o meno, Currents sembra tracciare una linea di non ritorno rispetto alle origini: e per chi, come noi, ha consumato a forza di ascolti i primi due dischi, potrebbe non essere una buonissima notizia.

Commenti

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...