GOODBIKE
Ala Bianca/Warner

Un cantastorie – Andrea Satta – e una band, i Têtes De Bois, che sanno musicare e raccontare partendo dal basso e arrivando talvolta molto in alto. Hanno cominciato il loro cammino sulle orme di Leo Ferré, hanno sempre preferito entrare in contatto con i rivoli delle vicende umane, piuttosto che essere autoriali a tutti i costi, in un amalgama che lambisce rock, jazz e il nostro mai abbastanza rispettato folk. Qui non c’è l’irruenza magari festosa – o comunque coinvolgente – di Avanti Pop; c’è invece un chiaroscuro che Alfonsina e la bici o La bicicletta (Yves Montand) rendono poesia, oppure ci sono le dichiarazioni di identità non troppo felici di Noi siamo il traffico. Un nitore dei suoni che colpisce al cuore, permettendo alla voce di Andrea di arrivare alle altezze a cui accennavamo prima. La vita del gregario, come è immortalata da Mia cara Miss e da La canzone del ciclista, già apprezzata in passato: un’ode insomma, alla bicicletta e al suo mondo senza fine, a cui il gruppo fornisce uno spirito libertario e privo di urla gratuite. Parecchi, come nella tradizione, i compagni di viaggio, per non perdere quel senso corale che i Têtes De Bois possono sfoggiare senza vergogna, un fiore all’occhiello che qui si accompagna al meglio della loro produzione. Al di là dell’ipertesto finale di Goodbike Extra (ventun minuti con interventi di Alfredo Martini, Marc Augé, Margherita Hack, Chris Carlsson, in tema ciclistico), il nucleo di un album del genere va oltre la (vita da) bici che elogia, che descrive e da cui fuoriesce per gettarsi in mezzo alla strada. Sono favole reali e ritratti, più che immaginari, trasfigurati, per trovare un senso di resistenza a questo tempo che tutto vorrebbe macinare. Grazie a Satta e compagni non è perduto ancora nulla: si può sognare con una Coppi di Gino Paoli e una Le bal des cols con versi regalati dall’amico Gianni Mura. E poi, ripartire, perché la salita è dura. Per tutti. Grazie, ragazzi, alla prossima curva troverete anche noi a fare il tifo.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...