ARE THE ROARING NIGHT
Jagjaguwar/Goodfellas

Dove eravamo rimasti nella saga di Jace Lasek e Olga Goreas, i due giovani sposi di Montreal che da inizio decennio pubblicano a nome The Besnard Lakes? Al 2007, verosimilmente, quando in compagnia di musicisti di Goodspeed You! Black Emperor, Stars, The Dears e A Silver Mt. Zion avevano aggiornato, con assoluta maestria su Are The Dark Horse, le cognizioni che noi, comuni mortali, abbiamo di shoegazing, pop e post-rock. La titanica impresa viene oggi bissata dalla loro terza prova lunga, la cui copertina torna a celebrare il fuoco, elemento del coraggio e della passione: qualità che non si fatica a ritrovare nei meandri di dieci composizioni che esaltano ballate elettrificate con percussioni e parti vocali a dettare i tempi – che non dovrebbero lasciare insensibili i cultori dei Fleetwood Mac di Rumors (Chicago Train, And This Is What We Call Progress) – come pure la più celestiale esperienza psichedelica da provare nel 2010: provate a pensare cosa potrebbe venir fuori se i riverberi languidi e baciati da un pop introspettivo dei Mazzy Star si inserissero sulle linee di basso e chitarra su cui un’etichetta come la Constellation ha costruito le proprie fortune e non sarete distanti dalla magia di Albatross, quattrominutiequarantaduesecondi che se esistesse una Giustizia dovrebbero essere trasmessi per radio ogni quarto d’ora; assieme ad altre schegge eteree e oniriche, esaltate sia dalla voce della Goreas sia da quella di Lasek (Like The Ocean, Like The Innocent Pt. 2, Light Up The Night), che rimandano perfino alle esperienze del Paisley Underground. E così Glass Printer non soltanto è l’esempio di come la psichedelia sia un genere tutt’altro che passato di moda nel Terzo Millennio, ma The Lonely Moans, posta a conclusione dell’opera, certifica la fondatezza del tentativo di riuscire a costruire un percorso malinconico attorno a fiocchi d’introspezione, frammenti di bassa fedeltà ed una appena accennata voglia di elettronica che lascia senza fiato.

tratto dal Mucchio n°668

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...