The Spell
Touch & Go/Wide

Tutto arriva a chi sa attendere, dice il saggio. E così noi, che dai Black Heart Procession ormai disperavamo di avere novità discografiche, non possiamo che gioire – e molto – alla notizia della pubblicazione di “The Spell”. Che, tuttavia, nelle sue primissime battute lascia un senso di delusione misto a “dèja vù”, fatto del tutto insolito per una band che dell’originalità ha fatto il tratto distintivo di una storia iniziata nel 1997. Intendiamoci, “Tangled”non è affatto malvagio; è, semplicemente, un brano che nulla aggiunge o toglie a un’eccellente discografia. Ma proprio perché, come detto, tutto arriva a chi possiede la pazienza necessaria, ecco che già con la title track sopraggiunge il cambio di passo e la magia che, come un’inquietudine, ci aveva assaliti ai tempi di “1”, “2” e “Three”, inizia a rivivere pure con “Not Just Words”. Da quel momento l’album acquista una forza magnetica e un incedere deciso che magnifica la mente e dà conforto all’anima. Così “The Letter”, con gli archi in sottofondo, trova il tempo per trasformarsi in ballata crepuscolare, vagamente introspettiva, che evidenzia ancora una volta il timbro di Pall Jenkins, novello Caronte pronto a traghettare il nostro cuore dall’altra parte di un guado costruito con pochi ma esaltanti passaggi, ora acustici ora elettrici; è, “The Letter”, uno di quei movimenti che davvero non si fatica a definire fuori dal tempo nonostante la sua struttura con il passare dei minuti sempre più diventi dolorosa e claustrofobia. Tanto che le chitarre di “The Replacements” – come l’eccellente struttura post-rock di “The Fix” – sono il miglior antidoto per evitare di rimanere compressi all’interno di un pericoloso turbinio di emozioni. E, a proposito di ballate, “Placet” è poesia pura: i ritmi, di una lentezza al limite con la sofferenza, sono incorniciati dal senso di un tramonto invernale come solo chi ha notevole sintonia con il blues del Delta potrebbe azzardarsi ad immaginare. Toni perennemente alti, allora; l’incantesimo dei Black Heart Procession è destinato a durare, ancora.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....