The Spell
Touch & Go/Wide

Tutto arriva a chi sa attendere, dice il saggio. E così noi, che dai Black Heart Procession ormai disperavamo di avere novità discografiche, non possiamo che gioire – e molto – alla notizia della pubblicazione di “The Spell”. Che, tuttavia, nelle sue primissime battute lascia un senso di delusione misto a “dèja vù”, fatto del tutto insolito per una band che dell’originalità ha fatto il tratto distintivo di una storia iniziata nel 1997. Intendiamoci, “Tangled”non è affatto malvagio; è, semplicemente, un brano che nulla aggiunge o toglie a un’eccellente discografia. Ma proprio perché, come detto, tutto arriva a chi possiede la pazienza necessaria, ecco che già con la title track sopraggiunge il cambio di passo e la magia che, come un’inquietudine, ci aveva assaliti ai tempi di “1”, “2” e “Three”, inizia a rivivere pure con “Not Just Words”. Da quel momento l’album acquista una forza magnetica e un incedere deciso che magnifica la mente e dà conforto all’anima. Così “The Letter”, con gli archi in sottofondo, trova il tempo per trasformarsi in ballata crepuscolare, vagamente introspettiva, che evidenzia ancora una volta il timbro di Pall Jenkins, novello Caronte pronto a traghettare il nostro cuore dall’altra parte di un guado costruito con pochi ma esaltanti passaggi, ora acustici ora elettrici; è, “The Letter”, uno di quei movimenti che davvero non si fatica a definire fuori dal tempo nonostante la sua struttura con il passare dei minuti sempre più diventi dolorosa e claustrofobia. Tanto che le chitarre di “The Replacements” – come l’eccellente struttura post-rock di “The Fix” – sono il miglior antidoto per evitare di rimanere compressi all’interno di un pericoloso turbinio di emozioni. E, a proposito di ballate, “Placet” è poesia pura: i ritmi, di una lentezza al limite con la sofferenza, sono incorniciati dal senso di un tramonto invernale come solo chi ha notevole sintonia con il blues del Delta potrebbe azzardarsi ad immaginare. Toni perennemente alti, allora; l’incantesimo dei Black Heart Procession è destinato a durare, ancora.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...