The Spell
Touch & Go/Wide

Tutto arriva a chi sa attendere, dice il saggio. E così noi, che dai Black Heart Procession ormai disperavamo di avere novità discografiche, non possiamo che gioire – e molto – alla notizia della pubblicazione di “The Spell”. Che, tuttavia, nelle sue primissime battute lascia un senso di delusione misto a “dèja vù”, fatto del tutto insolito per una band che dell’originalità ha fatto il tratto distintivo di una storia iniziata nel 1997. Intendiamoci, “Tangled”non è affatto malvagio; è, semplicemente, un brano che nulla aggiunge o toglie a un’eccellente discografia. Ma proprio perché, come detto, tutto arriva a chi possiede la pazienza necessaria, ecco che già con la title track sopraggiunge il cambio di passo e la magia che, come un’inquietudine, ci aveva assaliti ai tempi di “1”, “2” e “Three”, inizia a rivivere pure con “Not Just Words”. Da quel momento l’album acquista una forza magnetica e un incedere deciso che magnifica la mente e dà conforto all’anima. Così “The Letter”, con gli archi in sottofondo, trova il tempo per trasformarsi in ballata crepuscolare, vagamente introspettiva, che evidenzia ancora una volta il timbro di Pall Jenkins, novello Caronte pronto a traghettare il nostro cuore dall’altra parte di un guado costruito con pochi ma esaltanti passaggi, ora acustici ora elettrici; è, “The Letter”, uno di quei movimenti che davvero non si fatica a definire fuori dal tempo nonostante la sua struttura con il passare dei minuti sempre più diventi dolorosa e claustrofobia. Tanto che le chitarre di “The Replacements” – come l’eccellente struttura post-rock di “The Fix” – sono il miglior antidoto per evitare di rimanere compressi all’interno di un pericoloso turbinio di emozioni. E, a proposito di ballate, “Placet” è poesia pura: i ritmi, di una lentezza al limite con la sofferenza, sono incorniciati dal senso di un tramonto invernale come solo chi ha notevole sintonia con il blues del Delta potrebbe azzardarsi ad immaginare. Toni perennemente alti, allora; l’incantesimo dei Black Heart Procession è destinato a durare, ancora.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...