The Way Out
Temporary Residence/Goodfellas

A differenza di molti gruppi finiti sotto l’ampio ombrello dell’“indietronica” al principio del nuovo millennio, i Books hanno sempre fatto categoria a sé. Invece di coltivare un proprio orticello a base di “glitch”, strumenti acustici, frammenti vocali e carillon di ritmi, Nick Zammuto e Paul De Jong hanno sempre dato l’impressione di considerare il collage sonoro come puro e semplice mezzo dalle opportunità potenzialmente illimitate, non fascinazione estetica progressivamente codificabile in linee guida più o meno standard. Parliamo di un percorso che ad ogni episodio (“The Way Out” è il quarto album del duo, a ben cinque anni di distanza dal precedente “Lost And Safe”) ha ricalibrato i propri passi, inglobando poco alla volta il formato canzone all’interno di ingegnose catene di accostamenti.
Se però in “Lost And Safe” la voce di Zammuto era quasi sempre presente, il più delle volte intenta a doppiare frammenti vocali recuperati in qualche oscuro antro della coscienza collettiva americana, qui c’è un nuovo e salutare rimescolamento degli ingredienti che ravviva la formula, introducendo cospicue dosi di elettricità e addirittura, in più di un brano, una veste che verrebbe da definire rock. È il caso di “I Am Who I Am”, che sembra una continuazione con altri mezzi di “Thela Hun Ginjeet”, brano dei King Crimson presente su “Discipline”. E viene fuori anche l’eredità di certo post rock, poiché “Free Translator” potrebbe facilmente appartenere al repertorio di David Grubbs. Ma sono solo alcune fra le molteplici facce del progetto: se “A Cold Freezin’ Night” è una pura e semplice variazione sul tema dell’accostamento bizzarro, il sense of humour che sostiene il progetto fin dall’inizio si manifesta in tutta la sua forza nella brillante “The Story Of Hip Hop”, una specie di stralunato omaggio al genere omonimo costruito a partire da una storia per bambini degli anni 50 che narra le vicende di una cavalletta. “Tout se tient”, come si dice in questi casi.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...