91r6jKJy4TL._SL1400_
The Chemical Brothers

Born In The Echoes

Virgin EMI/Universal
8

Diciamolo chiaramente: il sospetto era che questo disco fosse giusto un pretesto per poter dire “OK, ora torniamo in tour”, e via a raccogliere un’altra messe di applausi e fatturati. Non lo diciamo con acrimonia, eh: i Chemical dal vivo sono una delle cose più eccitanti che si possano beccare in giro live, già da anni, ma pure a livello di output musicale non hanno mai deluso. Però, ecco, a un certo punto l’impressione era che si andasse avanti un col pilota automatico, trovando diverse declinazioni di una ricetta ben fissa e determinata (e ancora in grado di offrire prelibatezze e colpi ben assestati, certo). Che Born In The Echoes fosse poi presentato, come singolo in anteprima, da Go faceva sospettare il peggio: della serie, “Aoh, Galvanize ha funzionato, famo una cosa simile e passa la paura, lo senti tu Q-Tip se è libero dopodomani per incidere la voce?”. Anche la traccia d’apertura (Sometimes I Feel So Deserted), per quanto decisamente ottima e potente, era comunque qualcosa che andava sulla falsariga di, per dire, Horse Power. La presenza di featuring sfiziosi sulla carta ci lasciava un po’ indifferenti, e in effetti la traccia con S.Vincent (Under Neon Lights) e quella con Beck (Wide Open) sono i momenti meno convincenti dell’album, lontani mille miglia dai fasti di una Out Of Control con Bernard Sumner.

Eppure? Eppure, i Fratelli c’hanno spiazzato e hanno spazzato via la nostra sufficienza con un lavoro che a un certo punto prende delle pieghe pesantemente – e meravigliosamente – psichedeliche. Reflexion, Taste Of Honey e la title track sono un trittico pazzesco, messe una dietro l’altra; ma anche I’ll See You There è fenomenale, capace com’è di sviluppare in modo ancora più lisergico il discorso di una Let Forever Be. Insomma: molto, moltissimo in più di quanto potevamo aspettarci. Non solo un buon disco, anzi, un gran disco, ma un disco dove i due esplorano nuovi territori, dimostrano una vitalità artistica totale, rara. Altro che pilota automatico. Qua è puro delirio da acid test senza rete. Bellissimo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...