91r6jKJy4TL._SL1400_
The Chemical Brothers

Born In The Echoes

Virgin EMI/Universal
8

Diciamolo chiaramente: il sospetto era che questo disco fosse giusto un pretesto per poter dire “OK, ora torniamo in tour”, e via a raccogliere un’altra messe di applausi e fatturati. Non lo diciamo con acrimonia, eh: i Chemical dal vivo sono una delle cose più eccitanti che si possano beccare in giro live, già da anni, ma pure a livello di output musicale non hanno mai deluso. Però, ecco, a un certo punto l’impressione era che si andasse avanti un col pilota automatico, trovando diverse declinazioni di una ricetta ben fissa e determinata (e ancora in grado di offrire prelibatezze e colpi ben assestati, certo). Che Born In The Echoes fosse poi presentato, come singolo in anteprima, da Go faceva sospettare il peggio: della serie, “Aoh, Galvanize ha funzionato, famo una cosa simile e passa la paura, lo senti tu Q-Tip se è libero dopodomani per incidere la voce?”. Anche la traccia d’apertura (Sometimes I Feel So Deserted), per quanto decisamente ottima e potente, era comunque qualcosa che andava sulla falsariga di, per dire, Horse Power. La presenza di featuring sfiziosi sulla carta ci lasciava un po’ indifferenti, e in effetti la traccia con S.Vincent (Under Neon Lights) e quella con Beck (Wide Open) sono i momenti meno convincenti dell’album, lontani mille miglia dai fasti di una Out Of Control con Bernard Sumner.

Eppure? Eppure, i Fratelli c’hanno spiazzato e hanno spazzato via la nostra sufficienza con un lavoro che a un certo punto prende delle pieghe pesantemente – e meravigliosamente – psichedeliche. Reflexion, Taste Of Honey e la title track sono un trittico pazzesco, messe una dietro l’altra; ma anche I’ll See You There è fenomenale, capace com’è di sviluppare in modo ancora più lisergico il discorso di una Let Forever Be. Insomma: molto, moltissimo in più di quanto potevamo aspettarci. Non solo un buon disco, anzi, un gran disco, ma un disco dove i due esplorano nuovi territori, dimostrano una vitalità artistica totale, rara. Altro che pilota automatico. Qua è puro delirio da acid test senza rete. Bellissimo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...