Buttefly House
Coop/Self

Hanno attraversato per intero lo scorso decennio, incarnandone a meraviglia l’indole più retroattiva, ma nello stesso tempo toccando i cuori di molti ascoltatori, soprattutto Oltremanica. I Coral, dal Merseyside (Hoylake, per la precisione), hanno alle spalle sei album e un’antologia. Nessun loro disco è da buttare, anzi: “Magic And Medicine” (2003) e “Roots & Echoes” raggiungono vertici di eccellenza. Chi scrive ha sempre amato il tono della voce di James Skelly, l’organo liquido di Nick Power, il tono sospeso fra beat e folk. Ora, con “Buttefly House” e senza più l’apporto di Bill Ryder-Jones, la band punta a fare ancora meglio: lo stile accentua i toni autunnali, le melodie sono ancora più ricercate, le atmosfere avvolgono, come una giornata di pioggia londinese di mezza estate. Un piccolo fabbricato lontano dalla pazza folla, un produttore come John Leckie, prestigioso ma non chiacchieratissimo, e la voglia – dichiarata – di far piazza pulita di ciò che avevano già suonato, ha fatto il resto.
Non si tratta di una rivoluzione, chiaro. Fra le pieghe di pezzi come “Rowing Jewel” o “Sandhills” si rischia di perdere il senso del tempo: scorrono i decenni, ma certi sentimenti rimangono fermi, certe armonie sposano America e Inghilterra alla perfezione, senza litigi. La canzone, byrdsiana che dà il titolo all’album si sposa con la psichedelia in dissolvenza di “Green Is The Colour” in un rimando a nomi come Fred Neil, Remains, gli immancabili Beatles di “Rubber Soul”. Veri maestri nell’arte della nostalgia, capaci di un nerbo che non sfoggiano gratuitamente, ma che allontana dalla maniera, i Coral sono un piccolo monumento all’energia del pop più sotterraneo. Il disco, meglio sarebbe se fosse un vinile, è un salvagente importante rispetto all’oblio contemporaneo: usatelo per creare nuovi adepti alla storia del rock meno evidente, partendo magari dalla sinuosa “She’s Comin’ Around”. Se la critica che vi muoveranno sarà quella del già sentito, l’unica risposta possibile è “mai abbastanza”, soprattutto oggi.

tratto dal Mucchio n° 672/673

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...