1,000 YEARS
Kill Rock Stars/Goodfellas.

È indubbio che le Sleater-Kinney, formazione cruciale per l’indie-rock degli ultimi decenni, ci manchino tantissimo. Se Carrie Brownstein si è dedicata alla scrittura e Janet Weiss si mantiene attiva nei Quasi, Corin Tucker esordisce ora come solista, accompagnata da Seth Lorinczi dei Golden Bears e dall’ex Unwound Sara Lund. Le affinità con la band originaria non vengono meno, per cui sarebbe fuorviante aspettarsi un lavoro pacificato, intimista, filo-cantautorale. Del resto, l’elemento immediatamente riconoscibile resta una voce cristallina, acuta e in grado di coprire ben otto ottave, sebbene utilizzata in maniera più eclettica rispetto al passato… perché più eclettiche sono senz’altro le undici tracce in programma, eseguite con l’impiego di chitarra acustica, tastiere, percussioni, violoncelli e violini, oltre agli immancabili strumenti elettrici. I cambiamenti, dunque, non mancano e sono il naturale riflesso di un’evoluzione in primis umana: l’artista americana è ormai moglie e madre di due bimbi e ha acquisito, a suo dire, una nuova maturità che traspare da testi in equilibrio tra privato e sociale, ma soprattutto da un songwriting solido e ispirato, da musiche che giocano sapientemente con le sfumature: si senta il raffinato, stratificato groove della title track, il bizzarro, esoticheggiante andamento ritmico di “Half A World Away”, gli archi struggenti e le atmosfere al confine col folk di “It’s Always Summer” e “Dragon”, la graffiante, più energica vena sghemba di “Doubt” e “Riley”, ballate modernissime (l’adorabile “Handed Love”) e dallo stampo classico (la conclusiva “Miles Away”) oppure numeri, tipo “Pulling Pieces” e “Big Goodbye”, giocati sull’alternanza schizofrenica fra pieni e vuoti, adagi e improvvise accelerazioni.Eppure, in qualche maniera, il cerchio si chiude se 1,000 Years esce per l’etichetta che aveva pubblicato ben quattro album delle stesse Sleater-Kinney. Cento di questi giorni, Ms. Tucker. Anzi, se solo fosse possibile, mille di questi anni.

tratto dal Mucchio n° 675

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...