Havilah
ATP/Goodfellas

Per la seconda volta gli australiani Drones si sono isolati per realizzare un loro disco, e per la seconda volta detto disco si chiama come la – diciamo così – sede del ritiro. Se “Gala Mill”, Il titolo del loro precedente lavoro, altro non era che il nome del mulino in Tasmania in cui il tutto era stato registrato, “Havilah” è, oltre a una città citata dalla Bibbia per la sua abbondanza di oro, anche una vallata nello stato di Victoria: qui il cantante della band Gareth Liddiard e la sua compagna, la bassista Fiona Kitschin, hanno infatti comprato una casa in mezzo ai boschi, e vi hanno scritto e immortalato le canzoni contenute in questa loro quarta fatica, che peraltro sancisce l’ingresso in organico del chitarrista Dan Luscombe. Un album che, di primo acchito, sembra mancare di parte di quel senso di morbosa inquietudine che invece i suoi predecessori, specie quello più immediato, emanavano. Impressione, tuttavia, destinata a rivelarsi almeno in parte errata, perché la tensione è quella di sempre, e l’urgenza pure, solo che si esprimono in maniera appena meno diretta. Il che, comunque, non significa che il quartetto abbia modificato la propria cifra stilistica, debitrice tanto della scuola rock australiana a cavallo tra gli anni 70 e 80 e del Nick Cave più verboso e malsano quanto dei Velvet Underground e di Neil Young; mentre, quando i ritmi rallentano, emerge un’inequivocabile ascendenza stonesiana. In altre parole, se le (sei-)corde sfrigolano un po’ di meno e suonano un po’ meno rugginose, non mancano crescendo impetuosi, blues malati, assolo rumorosi, ballate dal retrogusto country languide ma tutt’altro che rassicuranti (specie se avvolte da una lieve coltre di dissonanze, come “The Drifting Housewife”), paesaggi notturni sia urbani che desertici illuminati da lampi improvvisi quanto minacciosi, ma anche riusciti squarci acustici (“Penumbra”). Non corrosivo e claustrofobico come “Gala Mill”, quindi, ma altrettanto sporco e vissuto; e, per questo, importante.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...