Havilah
ATP/Goodfellas

Per la seconda volta gli australiani Drones si sono isolati per realizzare un loro disco, e per la seconda volta detto disco si chiama come la – diciamo così – sede del ritiro. Se “Gala Mill”, Il titolo del loro precedente lavoro, altro non era che il nome del mulino in Tasmania in cui il tutto era stato registrato, “Havilah” è, oltre a una città citata dalla Bibbia per la sua abbondanza di oro, anche una vallata nello stato di Victoria: qui il cantante della band Gareth Liddiard e la sua compagna, la bassista Fiona Kitschin, hanno infatti comprato una casa in mezzo ai boschi, e vi hanno scritto e immortalato le canzoni contenute in questa loro quarta fatica, che peraltro sancisce l’ingresso in organico del chitarrista Dan Luscombe. Un album che, di primo acchito, sembra mancare di parte di quel senso di morbosa inquietudine che invece i suoi predecessori, specie quello più immediato, emanavano. Impressione, tuttavia, destinata a rivelarsi almeno in parte errata, perché la tensione è quella di sempre, e l’urgenza pure, solo che si esprimono in maniera appena meno diretta. Il che, comunque, non significa che il quartetto abbia modificato la propria cifra stilistica, debitrice tanto della scuola rock australiana a cavallo tra gli anni 70 e 80 e del Nick Cave più verboso e malsano quanto dei Velvet Underground e di Neil Young; mentre, quando i ritmi rallentano, emerge un’inequivocabile ascendenza stonesiana. In altre parole, se le (sei-)corde sfrigolano un po’ di meno e suonano un po’ meno rugginose, non mancano crescendo impetuosi, blues malati, assolo rumorosi, ballate dal retrogusto country languide ma tutt’altro che rassicuranti (specie se avvolte da una lieve coltre di dissonanze, come “The Drifting Housewife”), paesaggi notturni sia urbani che desertici illuminati da lampi improvvisi quanto minacciosi, ma anche riusciti squarci acustici (“Penumbra”). Non corrosivo e claustrofobico come “Gala Mill”, quindi, ma altrettanto sporco e vissuto; e, per questo, importante.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...