Havilah
ATP/Goodfellas

Per la seconda volta gli australiani Drones si sono isolati per realizzare un loro disco, e per la seconda volta detto disco si chiama come la – diciamo così – sede del ritiro. Se “Gala Mill”, Il titolo del loro precedente lavoro, altro non era che il nome del mulino in Tasmania in cui il tutto era stato registrato, “Havilah” è, oltre a una città citata dalla Bibbia per la sua abbondanza di oro, anche una vallata nello stato di Victoria: qui il cantante della band Gareth Liddiard e la sua compagna, la bassista Fiona Kitschin, hanno infatti comprato una casa in mezzo ai boschi, e vi hanno scritto e immortalato le canzoni contenute in questa loro quarta fatica, che peraltro sancisce l’ingresso in organico del chitarrista Dan Luscombe. Un album che, di primo acchito, sembra mancare di parte di quel senso di morbosa inquietudine che invece i suoi predecessori, specie quello più immediato, emanavano. Impressione, tuttavia, destinata a rivelarsi almeno in parte errata, perché la tensione è quella di sempre, e l’urgenza pure, solo che si esprimono in maniera appena meno diretta. Il che, comunque, non significa che il quartetto abbia modificato la propria cifra stilistica, debitrice tanto della scuola rock australiana a cavallo tra gli anni 70 e 80 e del Nick Cave più verboso e malsano quanto dei Velvet Underground e di Neil Young; mentre, quando i ritmi rallentano, emerge un’inequivocabile ascendenza stonesiana. In altre parole, se le (sei-)corde sfrigolano un po’ di meno e suonano un po’ meno rugginose, non mancano crescendo impetuosi, blues malati, assolo rumorosi, ballate dal retrogusto country languide ma tutt’altro che rassicuranti (specie se avvolte da una lieve coltre di dissonanze, come “The Drifting Housewife”), paesaggi notturni sia urbani che desertici illuminati da lampi improvvisi quanto minacciosi, ma anche riusciti squarci acustici (“Penumbra”). Non corrosivo e claustrofobico come “Gala Mill”, quindi, ma altrettanto sporco e vissuto; e, per questo, importante.

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...