I’M GOING AWAY
Thrill Jockey/Self

Destabilizzanti, multiformi, camaleontici. In sette anni di intensa carriera discografica, i Fiery Furnaces hanno sempre na?vigato in acque inclassificabili, mantenendo comunque ben saldo il timone di una fortissima personalità. Riassunto dei precedenti capitoli di studio: le sperimentazioni schizoidi di Bitter Tea e il rock tagliente, geometrico di Widow City avevano rappresentato un’autentica boccata d’aria fresca. A dispetto del titolo, I’m Going Away dimostra che i fratelli Friedberger ci sono ancora. I dodici brani sono stati composti fianco a fianco, con Eleanor concentrata sui testi e Matthew maggiormente votato alle musiche nonché responsabile della produzione. Jason Loewenstein dei Sebadoh ha imbracciato il basso occupandosi di registrazione e missaggio, mentre Robert D’Amico si è seduto ancora una volta alla batteria. Lo sguardo si focalizza sul pop, affrontato con una (pur relativa) semplicità rétro che non va mai a discapito della deviazione, di quella follia che alimenta un travolgente ottovolante di note. Ci si imbatte in una meraviglia di melodie e trame sonore snellite rispetto al passato, ma non mancano rocamboleschi intrecci vocali/strumentali così come prepotenti svisate di tastiere e chitarre.
Il disco più classico del duo americano allinea così traditional stravolti da ritmiche tarantolate (la title track), cabaret crepuscolare (Drive To Dallas), ballate dalle armonie cristalline (Cut The Cake, The End Is Near, Ray Bouvier e Lost At Sea), gemme di scrittura atemporale (Even In The Rain), proiettili di groove centrifugo (Staring At The Steeple), orecchiabilità d’alta classe scandita da schiocchi di dita sbarazzini o coretti contagiosi (Keep Me In The Dark e Cups And Punches), numeri al limite dello scioglilingua (Charmaine Champagne e l’estesa Take Me Round Again). Perché farlo strano è difficile oggigiorno, ma sapersi cimentare alla perfezione con la forma-canzone non è impresa alla portata di tutti. Beato chi riesce a centrare entrambi i bersagli con tale naturalezza. Dopodichè, beato ovviamente chi ascolta.

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...