I’M GOING AWAY
Thrill Jockey/Self

Destabilizzanti, multiformi, camaleontici. In sette anni di intensa carriera discografica, i Fiery Furnaces hanno sempre na?vigato in acque inclassificabili, mantenendo comunque ben saldo il timone di una fortissima personalità. Riassunto dei precedenti capitoli di studio: le sperimentazioni schizoidi di Bitter Tea e il rock tagliente, geometrico di Widow City avevano rappresentato un’autentica boccata d’aria fresca. A dispetto del titolo, I’m Going Away dimostra che i fratelli Friedberger ci sono ancora. I dodici brani sono stati composti fianco a fianco, con Eleanor concentrata sui testi e Matthew maggiormente votato alle musiche nonché responsabile della produzione. Jason Loewenstein dei Sebadoh ha imbracciato il basso occupandosi di registrazione e missaggio, mentre Robert D’Amico si è seduto ancora una volta alla batteria. Lo sguardo si focalizza sul pop, affrontato con una (pur relativa) semplicità rétro che non va mai a discapito della deviazione, di quella follia che alimenta un travolgente ottovolante di note. Ci si imbatte in una meraviglia di melodie e trame sonore snellite rispetto al passato, ma non mancano rocamboleschi intrecci vocali/strumentali così come prepotenti svisate di tastiere e chitarre.
Il disco più classico del duo americano allinea così traditional stravolti da ritmiche tarantolate (la title track), cabaret crepuscolare (Drive To Dallas), ballate dalle armonie cristalline (Cut The Cake, The End Is Near, Ray Bouvier e Lost At Sea), gemme di scrittura atemporale (Even In The Rain), proiettili di groove centrifugo (Staring At The Steeple), orecchiabilità d’alta classe scandita da schiocchi di dita sbarazzini o coretti contagiosi (Keep Me In The Dark e Cups And Punches), numeri al limite dello scioglilingua (Charmaine Champagne e l’estesa Take Me Round Again). Perché farlo strano è difficile oggigiorno, ma sapersi cimentare alla perfezione con la forma-canzone non è impresa alla portata di tutti. Beato chi riesce a centrare entrambi i bersagli con tale naturalezza. Dopodichè, beato ovviamente chi ascolta.

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...