I’M GOING AWAY
Thrill Jockey/Self

Destabilizzanti, multiformi, camaleontici. In sette anni di intensa carriera discografica, i Fiery Furnaces hanno sempre na?vigato in acque inclassificabili, mantenendo comunque ben saldo il timone di una fortissima personalità. Riassunto dei precedenti capitoli di studio: le sperimentazioni schizoidi di Bitter Tea e il rock tagliente, geometrico di Widow City avevano rappresentato un’autentica boccata d’aria fresca. A dispetto del titolo, I’m Going Away dimostra che i fratelli Friedberger ci sono ancora. I dodici brani sono stati composti fianco a fianco, con Eleanor concentrata sui testi e Matthew maggiormente votato alle musiche nonché responsabile della produzione. Jason Loewenstein dei Sebadoh ha imbracciato il basso occupandosi di registrazione e missaggio, mentre Robert D’Amico si è seduto ancora una volta alla batteria. Lo sguardo si focalizza sul pop, affrontato con una (pur relativa) semplicità rétro che non va mai a discapito della deviazione, di quella follia che alimenta un travolgente ottovolante di note. Ci si imbatte in una meraviglia di melodie e trame sonore snellite rispetto al passato, ma non mancano rocamboleschi intrecci vocali/strumentali così come prepotenti svisate di tastiere e chitarre.
Il disco più classico del duo americano allinea così traditional stravolti da ritmiche tarantolate (la title track), cabaret crepuscolare (Drive To Dallas), ballate dalle armonie cristalline (Cut The Cake, The End Is Near, Ray Bouvier e Lost At Sea), gemme di scrittura atemporale (Even In The Rain), proiettili di groove centrifugo (Staring At The Steeple), orecchiabilità d’alta classe scandita da schiocchi di dita sbarazzini o coretti contagiosi (Keep Me In The Dark e Cups And Punches), numeri al limite dello scioglilingua (Charmaine Champagne e l’estesa Take Me Round Again). Perché farlo strano è difficile oggigiorno, ma sapersi cimentare alla perfezione con la forma-canzone non è impresa alla portata di tutti. Beato chi riesce a centrare entrambi i bersagli con tale naturalezza. Dopodichè, beato ovviamente chi ascolta.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...