The Invisible
Accidental/Family Affair

Pare che Dave, Leo e Tom siano stufi, molto stufi dei paragoni coi TV On The Radio che da più parti si stanno levando. Non dovrebbero però esserlo, secondo noi; prima di tutto perché è un paragone mica male, no?, ma poi soprattutto perché una volta accostati i due gruppi non è che The Invisible, in una sfida diretta, debbano, a nostro modo di vedere, per forza soccombere. Anzi. Tutt’altro. Andando subito dritti al punto: quest’omonimo album d’esordio è folgorante. Se non si perdono per strada, è nel loro destino essere uno dei migliori gruppi rock del prossimo decennio. Rock nella sua concezione più arty ovviamente, come i TV… ops, intendevamo come i migliori dEUS, quelli che erano in grado di frullare melodie e armonizzazioni sghembe e trovate particolari con una carnosa immediatezza r’n’r. Ci sono giusto un paio di passaggi a vuoto verso la metà della scaletta (“Ok”, “Jacob And The Angel”), ma praticamente quasi tutto il resto è una meraviglia di intelligente intensità, o di intensa intelligenza. Non deve sviare troppo il fatto che il disco esca per l’etichetta di Matthew Herbert e che da Herbert sia stato in parte prodotto; non c’è praticamente nulla del suo suono e dei suoi stilemi, non c’è elettronica, non ci sono campionamenti creativi. C’è al massimo la stranezza e la voglia di giocare originale, sì; ma la mano dei tre Invisibili è forte e riconoscibile, e tra i vari pregi ha anche quello assai importante di armonizzare benissimo strumenti acustici (contrabbassi, archi, chitarre) con quelli elettrici. Ultima ciliegina: con una dimostrazione di sicurezza in sé non da poco, quelli che probabilmente sono i pezzi migliori dell’album vengono piazzati in coda. Insomma, l’avete capito, potremmo parlar bene per ore di questa uscita targata Accidental, sperando tra l’altro che l’appartenere a una label così atipica e/o poco influente in campo rock non la penalizzi: vedremo la gente come reagirà, ma veramente sfidiamo chiunque a sentire – peschiamo a caso – “Constant” e a non innamorarsi di “The Invisibile”. TV On The Radio o meno.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...