The Invisible
Accidental/Family Affair

Pare che Dave, Leo e Tom siano stufi, molto stufi dei paragoni coi TV On The Radio che da più parti si stanno levando. Non dovrebbero però esserlo, secondo noi; prima di tutto perché è un paragone mica male, no?, ma poi soprattutto perché una volta accostati i due gruppi non è che The Invisible, in una sfida diretta, debbano, a nostro modo di vedere, per forza soccombere. Anzi. Tutt’altro. Andando subito dritti al punto: quest’omonimo album d’esordio è folgorante. Se non si perdono per strada, è nel loro destino essere uno dei migliori gruppi rock del prossimo decennio. Rock nella sua concezione più arty ovviamente, come i TV… ops, intendevamo come i migliori dEUS, quelli che erano in grado di frullare melodie e armonizzazioni sghembe e trovate particolari con una carnosa immediatezza r’n’r. Ci sono giusto un paio di passaggi a vuoto verso la metà della scaletta (“Ok”, “Jacob And The Angel”), ma praticamente quasi tutto il resto è una meraviglia di intelligente intensità, o di intensa intelligenza. Non deve sviare troppo il fatto che il disco esca per l’etichetta di Matthew Herbert e che da Herbert sia stato in parte prodotto; non c’è praticamente nulla del suo suono e dei suoi stilemi, non c’è elettronica, non ci sono campionamenti creativi. C’è al massimo la stranezza e la voglia di giocare originale, sì; ma la mano dei tre Invisibili è forte e riconoscibile, e tra i vari pregi ha anche quello assai importante di armonizzare benissimo strumenti acustici (contrabbassi, archi, chitarre) con quelli elettrici. Ultima ciliegina: con una dimostrazione di sicurezza in sé non da poco, quelli che probabilmente sono i pezzi migliori dell’album vengono piazzati in coda. Insomma, l’avete capito, potremmo parlar bene per ore di questa uscita targata Accidental, sperando tra l’altro che l’appartenere a una label così atipica e/o poco influente in campo rock non la penalizzi: vedremo la gente come reagirà, ma veramente sfidiamo chiunque a sentire – peschiamo a caso – “Constant” e a non innamorarsi di “The Invisibile”. TV On The Radio o meno.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...