The Invisible
Accidental/Family Affair

Pare che Dave, Leo e Tom siano stufi, molto stufi dei paragoni coi TV On The Radio che da più parti si stanno levando. Non dovrebbero però esserlo, secondo noi; prima di tutto perché è un paragone mica male, no?, ma poi soprattutto perché una volta accostati i due gruppi non è che The Invisible, in una sfida diretta, debbano, a nostro modo di vedere, per forza soccombere. Anzi. Tutt’altro. Andando subito dritti al punto: quest’omonimo album d’esordio è folgorante. Se non si perdono per strada, è nel loro destino essere uno dei migliori gruppi rock del prossimo decennio. Rock nella sua concezione più arty ovviamente, come i TV… ops, intendevamo come i migliori dEUS, quelli che erano in grado di frullare melodie e armonizzazioni sghembe e trovate particolari con una carnosa immediatezza r’n’r. Ci sono giusto un paio di passaggi a vuoto verso la metà della scaletta (“Ok”, “Jacob And The Angel”), ma praticamente quasi tutto il resto è una meraviglia di intelligente intensità, o di intensa intelligenza. Non deve sviare troppo il fatto che il disco esca per l’etichetta di Matthew Herbert e che da Herbert sia stato in parte prodotto; non c’è praticamente nulla del suo suono e dei suoi stilemi, non c’è elettronica, non ci sono campionamenti creativi. C’è al massimo la stranezza e la voglia di giocare originale, sì; ma la mano dei tre Invisibili è forte e riconoscibile, e tra i vari pregi ha anche quello assai importante di armonizzare benissimo strumenti acustici (contrabbassi, archi, chitarre) con quelli elettrici. Ultima ciliegina: con una dimostrazione di sicurezza in sé non da poco, quelli che probabilmente sono i pezzi migliori dell’album vengono piazzati in coda. Insomma, l’avete capito, potremmo parlar bene per ore di questa uscita targata Accidental, sperando tra l’altro che l’appartenere a una label così atipica e/o poco influente in campo rock non la penalizzi: vedremo la gente come reagirà, ma veramente sfidiamo chiunque a sentire – peschiamo a caso – “Constant” e a non innamorarsi di “The Invisibile”. TV On The Radio o meno.

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...