High Violet
4AD/Self

Il bello della musica dei National è che, nel suo essere palesemente e intimamente classica, è frutto di un coacervo tale di influenze da far girare la testa (dal cantautorato classico statunitense all’indie-rock britannico, dai Joy Division all’alt.country, da Leonard Cohen ai Tindersticks); facile da riconoscere, grazie anche alla timbrica della voce di Matt Berninger, ma al contempo di non semplice definizione. Problema, quest’ultimo, che sembra non doversi più porre, visto come, grazie ai buoni riscontri raccolti dagli ultimi album del quintetto newyorkese (ma originario di Cincinnati, Ohio) e al successo della compilation benefica “Dark Was The Night” (assemblata dai chitarristi gemelli della band, Aaron e Bryce Dessner), al momento l’ensemble non sembra più avere bisogno di chissà quali paragoni per presentarsi. E anzi, forte dei risultati ottenuti, con “High Violet” si prende volutamente qualche piccolo rischio. Senza scardinare la propria identità sonora, ma sporcandola grazie a registrazioni a qualità non sempre delle più alte e, insieme, dando uno spazio sempre maggiore alle partiture orchestrali.
Il risultato è quindi un lavoro più estremo rispetto ai suoi predecessori, più epico nelle melodie e nelle atmosfere, più drammatico ma anche all’occorrenza più ruvido, senza che vengano meno il gusto per gli intrecci tra chitarre acustiche ed elettriche e la cura certosina per i dettagli. Come già era successo col precedente “Boxer”, occorre un po’ di pazienza perché il mondo qui racchiuso si riveli in tutta la sua pienezza, ma quando ciò avviene è un fluire continuo di emozioni delle più profonde e vere, destinato a crescere di intensità mano a mano che aumenta la confidenza con esse. Anche per questo è difficile stabilire già adesso graduatorie di merito con gli altri capitoli della produzione dei suoi autori, e francamente non è neppure importante farlo: ciò che conta è goderselo fino all’ultima nota, ancora e ancora, sicuri che col passare del tempo non verrà a noia.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...