High Violet
4AD/Self

Il bello della musica dei National è che, nel suo essere palesemente e intimamente classica, è frutto di un coacervo tale di influenze da far girare la testa (dal cantautorato classico statunitense all’indie-rock britannico, dai Joy Division all’alt.country, da Leonard Cohen ai Tindersticks); facile da riconoscere, grazie anche alla timbrica della voce di Matt Berninger, ma al contempo di non semplice definizione. Problema, quest’ultimo, che sembra non doversi più porre, visto come, grazie ai buoni riscontri raccolti dagli ultimi album del quintetto newyorkese (ma originario di Cincinnati, Ohio) e al successo della compilation benefica “Dark Was The Night” (assemblata dai chitarristi gemelli della band, Aaron e Bryce Dessner), al momento l’ensemble non sembra più avere bisogno di chissà quali paragoni per presentarsi. E anzi, forte dei risultati ottenuti, con “High Violet” si prende volutamente qualche piccolo rischio. Senza scardinare la propria identità sonora, ma sporcandola grazie a registrazioni a qualità non sempre delle più alte e, insieme, dando uno spazio sempre maggiore alle partiture orchestrali.
Il risultato è quindi un lavoro più estremo rispetto ai suoi predecessori, più epico nelle melodie e nelle atmosfere, più drammatico ma anche all’occorrenza più ruvido, senza che vengano meno il gusto per gli intrecci tra chitarre acustiche ed elettriche e la cura certosina per i dettagli. Come già era successo col precedente “Boxer”, occorre un po’ di pazienza perché il mondo qui racchiuso si riveli in tutta la sua pienezza, ma quando ciò avviene è un fluire continuo di emozioni delle più profonde e vere, destinato a crescere di intensità mano a mano che aumenta la confidenza con esse. Anche per questo è difficile stabilire già adesso graduatorie di merito con gli altri capitoli della produzione dei suoi autori, e francamente non è neppure importante farlo: ciò che conta è goderselo fino all’ultima nota, ancora e ancora, sicuri che col passare del tempo non verrà a noia.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...