High Violet
4AD/Self

Il bello della musica dei National è che, nel suo essere palesemente e intimamente classica, è frutto di un coacervo tale di influenze da far girare la testa (dal cantautorato classico statunitense all’indie-rock britannico, dai Joy Division all’alt.country, da Leonard Cohen ai Tindersticks); facile da riconoscere, grazie anche alla timbrica della voce di Matt Berninger, ma al contempo di non semplice definizione. Problema, quest’ultimo, che sembra non doversi più porre, visto come, grazie ai buoni riscontri raccolti dagli ultimi album del quintetto newyorkese (ma originario di Cincinnati, Ohio) e al successo della compilation benefica “Dark Was The Night” (assemblata dai chitarristi gemelli della band, Aaron e Bryce Dessner), al momento l’ensemble non sembra più avere bisogno di chissà quali paragoni per presentarsi. E anzi, forte dei risultati ottenuti, con “High Violet” si prende volutamente qualche piccolo rischio. Senza scardinare la propria identità sonora, ma sporcandola grazie a registrazioni a qualità non sempre delle più alte e, insieme, dando uno spazio sempre maggiore alle partiture orchestrali.
Il risultato è quindi un lavoro più estremo rispetto ai suoi predecessori, più epico nelle melodie e nelle atmosfere, più drammatico ma anche all’occorrenza più ruvido, senza che vengano meno il gusto per gli intrecci tra chitarre acustiche ed elettriche e la cura certosina per i dettagli. Come già era successo col precedente “Boxer”, occorre un po’ di pazienza perché il mondo qui racchiuso si riveli in tutta la sua pienezza, ma quando ciò avviene è un fluire continuo di emozioni delle più profonde e vere, destinato a crescere di intensità mano a mano che aumenta la confidenza con esse. Anche per questo è difficile stabilire già adesso graduatorie di merito con gli altri capitoli della produzione dei suoi autori, e francamente non è neppure importante farlo: ciò che conta è goderselo fino all’ultima nota, ancora e ancora, sicuri che col passare del tempo non verrà a noia.

tratto dal Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...