La notte continua a impossessarsi della voce inquieta e profonda di Matt Berninger. Una notte in cui le stelle e la poesia sono assolutamente previste. Una notte in cui non ci si può nascondere: i guai finiscono per trovarti comunque, ma di notte si possono leggere a fondo i libri più oscuri e dolcemente deteriori dell’Ottocento, senza pagare pegno a nessuno, senza preoccuparsi del tempo che passa.
Nessuna fretta, nella produzione del disco e neppure nella costruzione dei suoni: le frenesie sono state messe fuori dalla porta dello studio, nonostante tour e stress assortiti. Una quiete ossessiva che si avverte fin dai primi rintocchi di I Should Live In Salt, capace di introdurre subito alcune caratteristiche ostinatamente presenti di Trouble Will Find Me: il bianco e nero, humus congeniale al gruppo di Broooklyn, le pulsazioni che ricordano la wave degli Ottanta (Sea Of Love, per esempio), ma che hanno un sapore più decisamente rock’n’roll. Non è una questione di ritmi o di impennate espressionistiche: ci sono sprazzi che vanno verso gli ultimi Velvet Underground, altri che guardano in faccia i Tindersticks privi di accondiscendenze romantiche, altri ancora che attingono da un folk che in personaggi come Fred Neil ha visto proprio New York diventare zona di promesse inattese nel cuore dei Sessanta.
L’arcano incantatore di brani come This Is The Last Time, Humiliation o Hard To Find sta nel loro spettrale nitore, nel lavoro sulla sottrazione che non rinnega gli altri cinque album, ma li sublima giocando ancora più a fondo sul dettaglio; si serve di ospiti eccellenti messi decisamente fuori campo per trovare un bandolo melodico che incanta come poche altre volte, nella storia dei National. Le tracce del cd vanno affrontate come un viaggio pieno di immaginazione nelle spirali di una musica luminosamente oscura, intimamente aperta alle emozioni personali di chi canta e di chi ascolta. Chi ha detto che il rock non può essere comunicazione alta, pardòn, arte?

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...