La notte continua a impossessarsi della voce inquieta e profonda di Matt Berninger. Una notte in cui le stelle e la poesia sono assolutamente previste. Una notte in cui non ci si può nascondere: i guai finiscono per trovarti comunque, ma di notte si possono leggere a fondo i libri più oscuri e dolcemente deteriori dell’Ottocento, senza pagare pegno a nessuno, senza preoccuparsi del tempo che passa.
Nessuna fretta, nella produzione del disco e neppure nella costruzione dei suoni: le frenesie sono state messe fuori dalla porta dello studio, nonostante tour e stress assortiti. Una quiete ossessiva che si avverte fin dai primi rintocchi di I Should Live In Salt, capace di introdurre subito alcune caratteristiche ostinatamente presenti di Trouble Will Find Me: il bianco e nero, humus congeniale al gruppo di Broooklyn, le pulsazioni che ricordano la wave degli Ottanta (Sea Of Love, per esempio), ma che hanno un sapore più decisamente rock’n’roll. Non è una questione di ritmi o di impennate espressionistiche: ci sono sprazzi che vanno verso gli ultimi Velvet Underground, altri che guardano in faccia i Tindersticks privi di accondiscendenze romantiche, altri ancora che attingono da un folk che in personaggi come Fred Neil ha visto proprio New York diventare zona di promesse inattese nel cuore dei Sessanta.
L’arcano incantatore di brani come This Is The Last Time, Humiliation o Hard To Find sta nel loro spettrale nitore, nel lavoro sulla sottrazione che non rinnega gli altri cinque album, ma li sublima giocando ancora più a fondo sul dettaglio; si serve di ospiti eccellenti messi decisamente fuori campo per trovare un bandolo melodico che incanta come poche altre volte, nella storia dei National. Le tracce del cd vanno affrontate come un viaggio pieno di immaginazione nelle spirali di una musica luminosamente oscura, intimamente aperta alle emozioni personali di chi canta e di chi ascolta. Chi ha detto che il rock non può essere comunicazione alta, pardòn, arte?

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...