THE DEVIL, YOU + ME
City Slang/Self

Il tempo, si dice, è galantuomo. O, per lo meno, aiuta a vedere – nel nostro caso, a sentire – le cose nella giusta prospettiva. All’epoca della sua uscita nel 2002, “Neon Golden”, il precedente e fortunatissimo lavoro dei Notwist, aveva colpito soprattutto per la sua miscela di sonorità tipicamente alternative con soluzioni e battiti sintetici, divenendo di fatto uno dei capisaldi della nascente indietronica; ora che invece certe sonorità non sono soltanto assimilate ma anche, in una certa misura, desuete, se il valore di quel disco risulta immutato è in virtù non dei suoni, bensì delle canzoni. Un po’ quello che la formazione tedesca sembra voler dimostrare – riuscendovi pienamente, peraltro – con la scelta di aprire l’attesissimo “The Devil, You + Me” con una traccia come “Good Lies”, costruita quasi interamente su intrecci di natura elettroacustica e con la tecnologia nel ruolo di riempitivo discreto. Come a dire che, ancor prima che abili manipolatori sonori, i fratelli Acher e Martin “Console” Gretschmann erano e rimangono artigiani musicali umanissimi, che non hanno paura di mettere in mostra la loro più intima fragilità; quella che emerge in misura diversa da tutti e dieci i rimanenti brani del disco, anche quando la componente sperimentale si fa maggiormente evidente.
Da qualsiasi punto di vista li si voglia guardare, insomma, i Notwist hanno realizzato un lavoro destinato a farsi ricordare anche fra parecchio tempo: per gli inconsueti interventi orchestrali e i cut-up sonori di “Where In This World” e “Hands On Us”, per le atmosfere plumbee e minacciose di “On Planet Off”, l’equilibrio tra melodie e rumori di “Alphabet” e le cadenze kraut che affiorano qua e là, ma pure – allo stesso modo – per la limpida semplicità di “Boneless” e della delicata “Gone Gone Gone”. Visti i risultati, valeva senz’altro la pena aspettare tutti questi anni, proprio come per gli altri grandi redivivi del 2008, i Portishead. Prossimo appuntamento nel 2014?

 

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...