Broken Boy Soldiers
Xl/Self

Confluenze e suggestioni: di questo si nutre “Broken Boy Soldiers”. Di affinità lontane eppure – creativamente – entusiasmanti. Si tratta di un lavoro già ampiamente annunciato, dell’incontro fra Brendan Benson, Jack White, Patrick Keeler (batteria), Jack Lawrence (basso) per la fondazione dei Raconteurs: non tanto un supergruppo, quanto un modo per confrontarsi con la canzone rock, con le sue strutture classiche e più trascinanti, siano esse narrative o semplicemente impressionistiche. Dieci episodi in cui succede quello che non pensavamo possibile, almeno oggi: il gusto per la melodia cristallina e appena alambiccata di Benson si sposa alla perfezione con le armonie intinte di nero di White. Risultato: pezzi come il vorticoso inizio di “Steady As She Goes”, impossibile da dimenticare, oppure la beatlesiana “Hands”, che si alternano con qualche virata heavy garage – la più sinistra è quella che dà il titolo al cd – sprazzi dichiaratamente e sommessamente folk come “Together” e qualche spruzzata psichedelica, senza dimenticare le dodici battute care a Jack di Level o il ruvido beat di “Store Bought Bones”, vicino agli Zeppelin degli esordi. Non è tanto importante, in ogni caso, il gioco dei rimandi e dei richiami incrociati, quanto le energie e la visceralità che emergono da ogni singola traccia: una freschezza con tutta probabilità legata a una produzione immediata, vivace, e a una carica che sul palco, siamo sicuri, darà grandissimi frutti.
Che tutto questo avvenga con strumentazioni sostanzialmente concrete, con uso calibrato di cori (incredibili quelli di “Call It A Day”, degni dei Pretty Things di “S.F. Sorrow”) e di intuizioni compositive rafforza l’idea di trovarsi di fronte a un manufatto, a una prova di artigianato soul/r’n’r come sempre meno di frequente capita di trovare. Nessuna nostalgia, sia chiaro: piuttosto, un modo di dare voce alla musica migliore del secolo scorso, senza voler strafare ma facendo parlare voci, chitarre e sezione ritmica. Un disco capace di volare davvero in alto, magari – ce lo auguriamo – pure in classifica.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...