Broken Boy Soldiers
Xl/Self

Confluenze e suggestioni: di questo si nutre “Broken Boy Soldiers”. Di affinità lontane eppure – creativamente – entusiasmanti. Si tratta di un lavoro già ampiamente annunciato, dell’incontro fra Brendan Benson, Jack White, Patrick Keeler (batteria), Jack Lawrence (basso) per la fondazione dei Raconteurs: non tanto un supergruppo, quanto un modo per confrontarsi con la canzone rock, con le sue strutture classiche e più trascinanti, siano esse narrative o semplicemente impressionistiche. Dieci episodi in cui succede quello che non pensavamo possibile, almeno oggi: il gusto per la melodia cristallina e appena alambiccata di Benson si sposa alla perfezione con le armonie intinte di nero di White. Risultato: pezzi come il vorticoso inizio di “Steady As She Goes”, impossibile da dimenticare, oppure la beatlesiana “Hands”, che si alternano con qualche virata heavy garage – la più sinistra è quella che dà il titolo al cd – sprazzi dichiaratamente e sommessamente folk come “Together” e qualche spruzzata psichedelica, senza dimenticare le dodici battute care a Jack di Level o il ruvido beat di “Store Bought Bones”, vicino agli Zeppelin degli esordi. Non è tanto importante, in ogni caso, il gioco dei rimandi e dei richiami incrociati, quanto le energie e la visceralità che emergono da ogni singola traccia: una freschezza con tutta probabilità legata a una produzione immediata, vivace, e a una carica che sul palco, siamo sicuri, darà grandissimi frutti.
Che tutto questo avvenga con strumentazioni sostanzialmente concrete, con uso calibrato di cori (incredibili quelli di “Call It A Day”, degni dei Pretty Things di “S.F. Sorrow”) e di intuizioni compositive rafforza l’idea di trovarsi di fronte a un manufatto, a una prova di artigianato soul/r’n’r come sempre meno di frequente capita di trovare. Nessuna nostalgia, sia chiaro: piuttosto, un modo di dare voce alla musica migliore del secolo scorso, senza voler strafare ma facendo parlare voci, chitarre e sezione ritmica. Un disco capace di volare davvero in alto, magari – ce lo auguriamo – pure in classifica.

Recensione tratta dal Mucchio 622 (maggio 2006)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...