Game Theory
Def Jam/Universal

Coi Roots, ancor prima di “Phrenology” e soprattutto nonostante il successo del suo singolo di punta (la liason con Cody Chesnutt li ha portati fino al Festivalbar, ricordate?), si era entrati in area beatificazione: loro erano gli eroi dell’hip-hop buono, i nostri eroi!, quelli fedeli alla qualità, ai testi conscious, all’underground, quelli che non avevano paura di crossoverare (il fatto di suonare con gli strumenti, o di flirtare col rock o altri generi). Tutto bello; peccato che, per questo, non tanti abbiano avuto il coraggio di dire chiaramente che “Phrenology” non era un disco poi ispiratissimo, e ancora meno lo era il successivo “Tipping Poin”t. Certo: parafrasando Totò, a ?uestlove e compagni si poteva e può dire “Con quell’attitudine lì, potete fare quel che volete” .(…i nostri eroi, i nostri eroi!); così come bisogna riconoscergli che anche quando si sono trovati in debito di idee non sono mai arrivati a fare porcate. Questo preambolo però è fondamentale per capire la nostra gioia nell’ascoltare “Game Theory”: gioia a scoppio ritardato, perché non subito ne abbiamo capito il valore, forse anche perché partivamo sottilmente scettici (vedi di nuovo il preambolo), forse perché a un ascolto superficiale (quello che magari si concentra prima di tutto sul flow del rap, coi dischi hip-hop si guarda prima a questo) il tutto ci era parso buono, solido, ma non eccezionale. Invece “Game Theory” ha un sacco di preziosissime qualità da esporre. Come forse nessun lavoro hip-hop di questi ultimi anni, riesce a trovare la quadratura del cerchio tra varietà e compattezza: ogni singolo brano ha più parti, più suoni, crescendi d’intensità, un lavoro sulle dinamiche che è accuratissimo e di gran classe perché non si ha mai l’impressione di essere di fronte a qualcosa di sfilacciato o dispersivo. Un esempio per tutti, la finale “Can’t Stop This” (otto minuti e mezzo in cui accede di tutto). Aggiungendo testi intelligenti, onesti, capaci di centrare l’obiettivo, si avrà quello che forse è il miglior disco dei Roots. Mica poco.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...