Game Theory
Def Jam/Universal

Coi Roots, ancor prima di “Phrenology” e soprattutto nonostante il successo del suo singolo di punta (la liason con Cody Chesnutt li ha portati fino al Festivalbar, ricordate?), si era entrati in area beatificazione: loro erano gli eroi dell’hip-hop buono, i nostri eroi!, quelli fedeli alla qualità, ai testi conscious, all’underground, quelli che non avevano paura di crossoverare (il fatto di suonare con gli strumenti, o di flirtare col rock o altri generi). Tutto bello; peccato che, per questo, non tanti abbiano avuto il coraggio di dire chiaramente che “Phrenology” non era un disco poi ispiratissimo, e ancora meno lo era il successivo “Tipping Poin”t. Certo: parafrasando Totò, a ?uestlove e compagni si poteva e può dire “Con quell’attitudine lì, potete fare quel che volete” .(…i nostri eroi, i nostri eroi!); così come bisogna riconoscergli che anche quando si sono trovati in debito di idee non sono mai arrivati a fare porcate. Questo preambolo però è fondamentale per capire la nostra gioia nell’ascoltare “Game Theory”: gioia a scoppio ritardato, perché non subito ne abbiamo capito il valore, forse anche perché partivamo sottilmente scettici (vedi di nuovo il preambolo), forse perché a un ascolto superficiale (quello che magari si concentra prima di tutto sul flow del rap, coi dischi hip-hop si guarda prima a questo) il tutto ci era parso buono, solido, ma non eccezionale. Invece “Game Theory” ha un sacco di preziosissime qualità da esporre. Come forse nessun lavoro hip-hop di questi ultimi anni, riesce a trovare la quadratura del cerchio tra varietà e compattezza: ogni singolo brano ha più parti, più suoni, crescendi d’intensità, un lavoro sulle dinamiche che è accuratissimo e di gran classe perché non si ha mai l’impressione di essere di fronte a qualcosa di sfilacciato o dispersivo. Un esempio per tutti, la finale “Can’t Stop This” (otto minuti e mezzo in cui accede di tutto). Aggiungendo testi intelligenti, onesti, capaci di centrare l’obiettivo, si avrà quello che forse è il miglior disco dei Roots. Mica poco.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...