Game Theory
Def Jam/Universal

Coi Roots, ancor prima di “Phrenology” e soprattutto nonostante il successo del suo singolo di punta (la liason con Cody Chesnutt li ha portati fino al Festivalbar, ricordate?), si era entrati in area beatificazione: loro erano gli eroi dell’hip-hop buono, i nostri eroi!, quelli fedeli alla qualità, ai testi conscious, all’underground, quelli che non avevano paura di crossoverare (il fatto di suonare con gli strumenti, o di flirtare col rock o altri generi). Tutto bello; peccato che, per questo, non tanti abbiano avuto il coraggio di dire chiaramente che “Phrenology” non era un disco poi ispiratissimo, e ancora meno lo era il successivo “Tipping Poin”t. Certo: parafrasando Totò, a ?uestlove e compagni si poteva e può dire “Con quell’attitudine lì, potete fare quel che volete” .(…i nostri eroi, i nostri eroi!); così come bisogna riconoscergli che anche quando si sono trovati in debito di idee non sono mai arrivati a fare porcate. Questo preambolo però è fondamentale per capire la nostra gioia nell’ascoltare “Game Theory”: gioia a scoppio ritardato, perché non subito ne abbiamo capito il valore, forse anche perché partivamo sottilmente scettici (vedi di nuovo il preambolo), forse perché a un ascolto superficiale (quello che magari si concentra prima di tutto sul flow del rap, coi dischi hip-hop si guarda prima a questo) il tutto ci era parso buono, solido, ma non eccezionale. Invece “Game Theory” ha un sacco di preziosissime qualità da esporre. Come forse nessun lavoro hip-hop di questi ultimi anni, riesce a trovare la quadratura del cerchio tra varietà e compattezza: ogni singolo brano ha più parti, più suoni, crescendi d’intensità, un lavoro sulle dinamiche che è accuratissimo e di gran classe perché non si ha mai l’impressione di essere di fronte a qualcosa di sfilacciato o dispersivo. Un esempio per tutti, la finale “Can’t Stop This” (otto minuti e mezzo in cui accede di tutto). Aggiungendo testi intelligenti, onesti, capaci di centrare l’obiettivo, si avrà quello che forse è il miglior disco dei Roots. Mica poco.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...