WINCING THE NIGHT AWAY
Sub Pop/Audioglobe

Quando con i primi due dischi si arriva a superare il milione di copie vendute, tentare di alzare un poco il tiro diventa non solo una esigenza, ma una pretesa legittima. Specie se si ha alle spalle una struttura – la Sub Pop – in grado di reggere l’impatto di numeri così elevati senza sacrificare in alcun modo la propria indipendenza. Non sorprende, dunque, che “Wincing The Night Away” sia in una certa misura più complesso rispetto a Oh, “Inverted World” (2001) e a “Chutes Too Narrow” (2003). Più ambizioso, forse, ma in una maniera sensata: nessuna deviazione clamorosa rispetto all’ormai inconfondibile pop chitarristico dalle sottili venature Sixties che ha reso giustamente il quartetto di Portland, Oregon uno dei nomi di punta della scena indie mondiale, ma una maggiore cura per la produzione e gli arrangiamenti unita a strutture compositive un poco più complesse. Meno istintività, allora, e meno sfuriate, e in cambio un suono più profondo e stratificato. Di conseguenza – nello stesso modo in cui l’iniziale “Sleeping Lessons” impiega più tempo di quel che ci si aspetta prima dell’inevitabile esplosione – sono necessari vari ascolti per entrare appieno in un lavoro a cui forse manca il brano davvero clamoroso, la “Kissing The Lipless” della situazione, ma che nell’insieme è molto più album e meno raccolta di brani di entrambi i suoi predecessori. Piano, quindi, coi giudizi affrettati, perché è solo ritornandoci sopra qualche volta – ma neanche troppe, alla fine – che si comincia ad apprezzare in pieno le melodie e gli intarsi elettroacustici di Australia, “Phantom Limb” e “Turn On Me”, le carezze languide di “Red Rabbits”, i sintetizzatori di “Spit Needles” e perfino una “Sea Legs” che divaga in territori hip e trip-hop. Un gran bel sentire, che si accompagna con la consapevolezza che per James Mercer e soci ora si aprono nuove porte, a livello sia artistico che di popolarità: il che giustifica la definizione di disco di passaggio, ma talmente shintillante da stare perfettamente in piedi anche da solo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.630)

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...