WINCING THE NIGHT AWAY
Sub Pop/Audioglobe

Quando con i primi due dischi si arriva a superare il milione di copie vendute, tentare di alzare un poco il tiro diventa non solo una esigenza, ma una pretesa legittima. Specie se si ha alle spalle una struttura – la Sub Pop – in grado di reggere l’impatto di numeri così elevati senza sacrificare in alcun modo la propria indipendenza. Non sorprende, dunque, che “Wincing The Night Away” sia in una certa misura più complesso rispetto a Oh, “Inverted World” (2001) e a “Chutes Too Narrow” (2003). Più ambizioso, forse, ma in una maniera sensata: nessuna deviazione clamorosa rispetto all’ormai inconfondibile pop chitarristico dalle sottili venature Sixties che ha reso giustamente il quartetto di Portland, Oregon uno dei nomi di punta della scena indie mondiale, ma una maggiore cura per la produzione e gli arrangiamenti unita a strutture compositive un poco più complesse. Meno istintività, allora, e meno sfuriate, e in cambio un suono più profondo e stratificato. Di conseguenza – nello stesso modo in cui l’iniziale “Sleeping Lessons” impiega più tempo di quel che ci si aspetta prima dell’inevitabile esplosione – sono necessari vari ascolti per entrare appieno in un lavoro a cui forse manca il brano davvero clamoroso, la “Kissing The Lipless” della situazione, ma che nell’insieme è molto più album e meno raccolta di brani di entrambi i suoi predecessori. Piano, quindi, coi giudizi affrettati, perché è solo ritornandoci sopra qualche volta – ma neanche troppe, alla fine – che si comincia ad apprezzare in pieno le melodie e gli intarsi elettroacustici di Australia, “Phantom Limb” e “Turn On Me”, le carezze languide di “Red Rabbits”, i sintetizzatori di “Spit Needles” e perfino una “Sea Legs” che divaga in territori hip e trip-hop. Un gran bel sentire, che si accompagna con la consapevolezza che per James Mercer e soci ora si aprono nuove porte, a livello sia artistico che di popolarità: il che giustifica la definizione di disco di passaggio, ma talmente shintillante da stare perfettamente in piedi anche da solo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.630)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...