WINCING THE NIGHT AWAY
Sub Pop/Audioglobe

Quando con i primi due dischi si arriva a superare il milione di copie vendute, tentare di alzare un poco il tiro diventa non solo una esigenza, ma una pretesa legittima. Specie se si ha alle spalle una struttura – la Sub Pop – in grado di reggere l’impatto di numeri così elevati senza sacrificare in alcun modo la propria indipendenza. Non sorprende, dunque, che “Wincing The Night Away” sia in una certa misura più complesso rispetto a Oh, “Inverted World” (2001) e a “Chutes Too Narrow” (2003). Più ambizioso, forse, ma in una maniera sensata: nessuna deviazione clamorosa rispetto all’ormai inconfondibile pop chitarristico dalle sottili venature Sixties che ha reso giustamente il quartetto di Portland, Oregon uno dei nomi di punta della scena indie mondiale, ma una maggiore cura per la produzione e gli arrangiamenti unita a strutture compositive un poco più complesse. Meno istintività, allora, e meno sfuriate, e in cambio un suono più profondo e stratificato. Di conseguenza – nello stesso modo in cui l’iniziale “Sleeping Lessons” impiega più tempo di quel che ci si aspetta prima dell’inevitabile esplosione – sono necessari vari ascolti per entrare appieno in un lavoro a cui forse manca il brano davvero clamoroso, la “Kissing The Lipless” della situazione, ma che nell’insieme è molto più album e meno raccolta di brani di entrambi i suoi predecessori. Piano, quindi, coi giudizi affrettati, perché è solo ritornandoci sopra qualche volta – ma neanche troppe, alla fine – che si comincia ad apprezzare in pieno le melodie e gli intarsi elettroacustici di Australia, “Phantom Limb” e “Turn On Me”, le carezze languide di “Red Rabbits”, i sintetizzatori di “Spit Needles” e perfino una “Sea Legs” che divaga in territori hip e trip-hop. Un gran bel sentire, che si accompagna con la consapevolezza che per James Mercer e soci ora si aprono nuove porte, a livello sia artistico che di popolarità: il che giustifica la definizione di disco di passaggio, ma talmente shintillante da stare perfettamente in piedi anche da solo.

(Recensione tratta dal Mucchio n.630)

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...