THE SOFT PACK
Heavenly/Self

Prima di chiamarsi Soft Pack, questi quattro ragazzi di San Diego avevano scelto come ragione sociale The Muslims. Dopo una raffica di stupidi insulti razzisti, decidevano di cambiare nome e lasciare la loro vecchia identità come titolo del loro primo ep (pubblicato l’anno scorso dalle 1928 Records come il successivo Extinction). Anche negli Stati Uniti hanno i loro bei problemi di tolleranza e idiozia. Bisogna però dire che se una sigla più “accessibile” riesce ad avvicinare più persone alla loro musica, allora ben venga il becero ostruzionismo redneck. Chiaramente se tra i video preferiti sul tuo sito Internet metti I Am The Cosmos di Chris Bell, citi espressamente i Velvet Undergound e le tue canzoni sembrano un mix riuscitissimo di Feelies, R.E.M. e Replacements, hai già vinto in partenza. Il problema è un altro. Farsi ascoltare. The Soft Pack non è un disco che cambia la vita: quella te l’hanno già cambiata i dischi cui si ispira. Però, quando parte C’mon con quel basso incalzante, quelle schitarrate piene di jingle-jangle e quel ritornello corale un po’ Paisley, capisci che stai ascoltando un album pieno di cuore, di passione e di ascolti giusti. Un atto d’amore per la (nostra) musica: ragazzi che suonano quello che vorrebbero sentire in radio con la massima onestà e un trasporto genuino. Down On Loving e More Or Less sono omaggio ai giorni di Athens sotto I.R.S. riecheggianti Radio Free Europe; Pull Out è un Westerberg tornato ragazzo sul tetto di casa sua che va a braccetto con Glenn Mercer; Parasites è la dimostrazione di come certi giovani d’oggi passino ancora le giornate sui solchi di White Light/White Heat e così via per dieci canzoni e trenta minuti di assoluta estasi nostalgica retroattiva. Chi negli ’80 sperava nei bastards of young, troverà queste madeleine irresistibili; chi invece avrebbe voluto viversi quelle musiche in tempo reale può confortarsi di non essere solo e che certe cose durano davvero per sempre. Eh sì, forse non cambierà la vita, ma se non riesci a togliere il disco dal lettore qualcosa vorrà pur dire.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...