THE SOFT PACK
Heavenly/Self

Prima di chiamarsi Soft Pack, questi quattro ragazzi di San Diego avevano scelto come ragione sociale The Muslims. Dopo una raffica di stupidi insulti razzisti, decidevano di cambiare nome e lasciare la loro vecchia identità come titolo del loro primo ep (pubblicato l’anno scorso dalle 1928 Records come il successivo Extinction). Anche negli Stati Uniti hanno i loro bei problemi di tolleranza e idiozia. Bisogna però dire che se una sigla più “accessibile” riesce ad avvicinare più persone alla loro musica, allora ben venga il becero ostruzionismo redneck. Chiaramente se tra i video preferiti sul tuo sito Internet metti I Am The Cosmos di Chris Bell, citi espressamente i Velvet Undergound e le tue canzoni sembrano un mix riuscitissimo di Feelies, R.E.M. e Replacements, hai già vinto in partenza. Il problema è un altro. Farsi ascoltare. The Soft Pack non è un disco che cambia la vita: quella te l’hanno già cambiata i dischi cui si ispira. Però, quando parte C’mon con quel basso incalzante, quelle schitarrate piene di jingle-jangle e quel ritornello corale un po’ Paisley, capisci che stai ascoltando un album pieno di cuore, di passione e di ascolti giusti. Un atto d’amore per la (nostra) musica: ragazzi che suonano quello che vorrebbero sentire in radio con la massima onestà e un trasporto genuino. Down On Loving e More Or Less sono omaggio ai giorni di Athens sotto I.R.S. riecheggianti Radio Free Europe; Pull Out è un Westerberg tornato ragazzo sul tetto di casa sua che va a braccetto con Glenn Mercer; Parasites è la dimostrazione di come certi giovani d’oggi passino ancora le giornate sui solchi di White Light/White Heat e così via per dieci canzoni e trenta minuti di assoluta estasi nostalgica retroattiva. Chi negli ’80 sperava nei bastards of young, troverà queste madeleine irresistibili; chi invece avrebbe voluto viversi quelle musiche in tempo reale può confortarsi di non essere solo e che certe cose durano davvero per sempre. Eh sì, forse non cambierà la vita, ma se non riesci a togliere il disco dal lettore qualcosa vorrà pur dire.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...