THE SOFT PACK
Heavenly/Self

Prima di chiamarsi Soft Pack, questi quattro ragazzi di San Diego avevano scelto come ragione sociale The Muslims. Dopo una raffica di stupidi insulti razzisti, decidevano di cambiare nome e lasciare la loro vecchia identità come titolo del loro primo ep (pubblicato l’anno scorso dalle 1928 Records come il successivo Extinction). Anche negli Stati Uniti hanno i loro bei problemi di tolleranza e idiozia. Bisogna però dire che se una sigla più “accessibile” riesce ad avvicinare più persone alla loro musica, allora ben venga il becero ostruzionismo redneck. Chiaramente se tra i video preferiti sul tuo sito Internet metti I Am The Cosmos di Chris Bell, citi espressamente i Velvet Undergound e le tue canzoni sembrano un mix riuscitissimo di Feelies, R.E.M. e Replacements, hai già vinto in partenza. Il problema è un altro. Farsi ascoltare. The Soft Pack non è un disco che cambia la vita: quella te l’hanno già cambiata i dischi cui si ispira. Però, quando parte C’mon con quel basso incalzante, quelle schitarrate piene di jingle-jangle e quel ritornello corale un po’ Paisley, capisci che stai ascoltando un album pieno di cuore, di passione e di ascolti giusti. Un atto d’amore per la (nostra) musica: ragazzi che suonano quello che vorrebbero sentire in radio con la massima onestà e un trasporto genuino. Down On Loving e More Or Less sono omaggio ai giorni di Athens sotto I.R.S. riecheggianti Radio Free Europe; Pull Out è un Westerberg tornato ragazzo sul tetto di casa sua che va a braccetto con Glenn Mercer; Parasites è la dimostrazione di come certi giovani d’oggi passino ancora le giornate sui solchi di White Light/White Heat e così via per dieci canzoni e trenta minuti di assoluta estasi nostalgica retroattiva. Chi negli ’80 sperava nei bastards of young, troverà queste madeleine irresistibili; chi invece avrebbe voluto viversi quelle musiche in tempo reale può confortarsi di non essere solo e che certe cose durano davvero per sempre. Eh sì, forse non cambierà la vita, ma se non riesci a togliere il disco dal lettore qualcosa vorrà pur dire.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...