First Impression Of Earth
Rca/Sony Bmg

“Un fuoco di paglia”: lo diceva un amico al sottoscritto quattro anni fa, ai tempi dell’uscita di “Is This It”, il big bang degli Strokes e di una scena “moderatamente” underground che in molti hanno subito bollato come “fighetta” perché univa tutti gli ingredienti giusti per vendere parecchie copie di dischi senza vergognarsene granché. All’epoca i pezzi del quintetto newyorkese lasciarono interdetti gli appassionati più in età: vicini ai Velvet Underground meno cerebrali, sfrontati come una punk band ma di estrazione sociale tutt’altro che proletaria, avevano la colpa di non complicare troppo le strutture sonore, di risultare ammiccanti all’eccesso e di suonare dal vivo con una noncuranza quasi leggendaria. La serietà non è di questo mondo, si sa: chissà se i primi Beatles, con il loro caschetto e le “canzoncine” da un minuto e mezzo l’una, avranno avuto lo stesso effetto sugli appassionati del rock delle origini. Eppure entrambi i soggetti, con le distanze doverose fra padri fondatori ed epigoni, possedevano e posseggono il dono della melodia e dell’obliquità: un modo di costruire i propri brani non banale e nello stesso tempo la capacità di trovare la giusta chiave per essere cantati ed entrare nella testa, con versi tutt’altro che rassicuranti, eppure impossibili da dimenticare (Strokes). Un dono, insomma, di cui in cinque anni Julian Casablancas e soci hanno fatto buona amministrazione, evitando sovraesposizioni e sovrapproduzioni: di loro si è scritto e parlato, alla fine, tanto ma non troppo rispetto alla grande macchina promozionale che si è adoperata fin dal primo vagito perché non passassero inosservati. Gossip e denigrazioni, anche da parte degli stessi colleghi, fino alle rotture con Damon Albarn o con Nigel Godrich durante la lavorazione del secondo album, sono rimaste un contorno e non la “sostanza” del loro essere musicisti.
“First Impressions Of Earth” arriva sul lettore dopo un rincorrersi di notizie sulle registrazioni e sul nuovo produttore, David Kahne (Sugar Ray), di nuovo una pedina piuttosto manovrabile per chi vuole avere il controllo finale sul proprio prodotto. Annunciato dai diretti interessati come un lavoro di svolta, si potrebbe definire il disco della loro dorata imperfezione: le nuove canzoni sono più slabbrate di quanto era lecito aspettarsi e finiscono per rompere la continuità fra un cd e l’altro che sembrava un marchio della fabbrica Strokes. La compressione che aveva toccato il culmine in pezzi come “Reptilia” o “12:51” in “Room On Fire” ha lasciato spazio, per esempio, alle divagazioni oblique di “Razorblade”, con chitarra elettrica sghemba e una voce indolente ma non più così ferocemente filtrata, com’era capitato in passato. La – parziale – nudità del cantato è la prima, notevole novità del disco, che prosegue fra tracce classiche e coinvolgenti (“On The Other Side”), tirate però decisamente per le lunghe, l’altrettanto composita “Vision Of Division”, quasi barocca negli interludi strumentali, e la spettrale e circolare “Ask Me Anything” che sembra presa direttamente da “Songs For Drella” del binomio Reed/Cale. Altrove c’è spazio per inni che echeggeranno sicuramente sotto il palco questa estate, in particolare l’apertura di “You Only Live Once” e la chiusura di “Red Light”. Rimangono però più impresse il vortice semipsichedelico di “Electrictyscape” o la rugginosa “Juicebox”, tributo nemmeno tanto nascosto a un classico come “Roadrunner”. Non c’è più spazio per l’algebra che sosteneva gli spunti meglio riusciti dei cinque, insomma: l’imperfezione a cui si accennava è, nello stesso tempo, veramente dorata, perché evita i manierismi e salva il gruppo dallo stereotipo. Il risultato finale non è omogeneo, è capace di scarti, non approfondisce il lato pop degli Strokes, ne accentua semmai l’attitudine puramente r’n’r e, magicamente, permette all’ascoltatore di divertirsi e di emozionarsi, in virtù ancora una volta di un pugno di melodie che covano sotto le distorsioni. Già. Quel fuoco di paglia, guarda un po’, brucia ancora, e non sembra nemmeno tanto tenue come i denigratori si auguravano: di sicuro “First Impressions Of Earth” apre la porta a nuove avventure, di cui ignoriamo per ora la portata, ma che potrebbero essere tutt’altro che scontate.

Recensione tratta dal Mucchio n.618

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...