Veils cop
The Veils

Time Stays, We Go

PITCH BEAST/AUDIOGLOBE
6

Giunta al quarto album, la band capitanata dall’istrionico Finn Andrews sembra aver perso un po’ la dritta via. Caratterizzati finora da un sound viscerale e dalla voce fortemente comunicativa del frontman, con Time Stays, We Go i Veils si imbarcano su una nave chiamata banalità, sospinta da un vento di riff e pattern sonori la cui forza  è, ahimè, pari a pochi nodi. Through the Deep, Dark Wood è una ballatona in cui chitarra, batteria, basso e hammond si intrecciano in uno sfavillare indie-rock orecchiabile e tecnicamente impeccabile, che però rimane in superficie. La melodia portante di Train With No Name è un sottile plagio di Back In The Day di Erykah Badu. So che suona assurdo, ma ascoltate e valutate voi stessi.

La desertica Candy Apple Red si salva per la sua essenzialità, con la voce di Andrews che sembra riacquistare spessore. Dancing With The Tornado ammicca a Nick Cave e Jack White, senza però riuscire a raggiungerli, sia nella forma che nel cantato. The Pearl odora di Patti Smith in salsa rosé, con riff cadenzati e batteria potente. Si procede annoiati fino ad Another Night On Earth, unico brano dell’album che riesce a catturare veramente, forse anche perché è quello che più riprende la produzione precedente del gruppo inglese. In realtà brilla anche Out From The Valley & Into The Sun, fugace stella polare che aiuta la nave chiamata banalità a smuoversi e rintracciare la rotta verso un porto sicuro. Non è un disco brutto. Non è un disco bello. È un disco di passaggio, in attesa di mari più caldi e ricchi di sorprese.

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...