Endless Wire

Polydor/Universal

L’enciclopedia degli Who è fatta di grandi contraddizioni, così come di grande musica. Due membri originari della band se ne sono andati (tantissimo tempo fa Keith Moon, più di recente John Entwistle), senza che il gruppo cessasse davvero di esistere. Il commiato del 1982 ha lasciato posto a eterni ritorni della premiata sigla, dichiaratamente per i soldi, sul palco e quasi mai in studio, se si eccettuano due inediti apparsi nella recente compilazione “Then And Now! 1964-2004”. I fan di stretta osservanza penseranno che con “Endless Wire” il cerchio in qualche modo si chiuda: un inutile album per un soggetto oramai troppo vecchio per essere preso sul serio. Eppure. Fin dall’avvio dei sintetizzatori di “Fragments”, così paurosamente vicini a quelli di “Baba O’Reilly” (Who’s Next, 1971), si capisce che il cd è costruito con cura. Una scorsa ai testi ci fa ritrovare lo stile migliore di Townshend, narrativo, alienato, intimistico e poco propenso a piangersi addosso, soprattutto nella mini-opera che copre la seconda parte del dischetto, “Wire & Glass”. La musica poi, sostenuta dai due sopravvissuti con Pino Palladino al basso e Zak Starkey (sì, il solito figlio di Ringo), oltre a un nutrito numero di ospiti, evita l’effetto speciale. Anzi, pare sempre funzionale alle parole, preferendo, con qualche eccezione, dialoghi fra acustico ed elettronico, per arrivare a un senso di straniamento di sicuro studiato.

Registrato in un periodo che va dal 2002 al 2006, mixato nelle pause del tour europeo di quest’anno, “Endless Wire” è stato quindi meditato a dovere. In mezzo, il suo artefice ha subito anche un processo odioso, per possesso di materiale pedofilo, da cui è stato scagionato, a quanto pare, completamente. Così, la storia che viene raccontata parla ancora una volta di alienazione e difficoltà esistenziale, sceglie la strada del concept e si fa ascoltare. Mancano, per così dire, i vertici del passato; però si tratta di un lavoro serio, denso, che come tale va rispettato, a differenza di altri momenti della carriera degli Who.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...