Endless Wire

Polydor/Universal

L’enciclopedia degli Who è fatta di grandi contraddizioni, così come di grande musica. Due membri originari della band se ne sono andati (tantissimo tempo fa Keith Moon, più di recente John Entwistle), senza che il gruppo cessasse davvero di esistere. Il commiato del 1982 ha lasciato posto a eterni ritorni della premiata sigla, dichiaratamente per i soldi, sul palco e quasi mai in studio, se si eccettuano due inediti apparsi nella recente compilazione “Then And Now! 1964-2004”. I fan di stretta osservanza penseranno che con “Endless Wire” il cerchio in qualche modo si chiuda: un inutile album per un soggetto oramai troppo vecchio per essere preso sul serio. Eppure. Fin dall’avvio dei sintetizzatori di “Fragments”, così paurosamente vicini a quelli di “Baba O’Reilly” (Who’s Next, 1971), si capisce che il cd è costruito con cura. Una scorsa ai testi ci fa ritrovare lo stile migliore di Townshend, narrativo, alienato, intimistico e poco propenso a piangersi addosso, soprattutto nella mini-opera che copre la seconda parte del dischetto, “Wire & Glass”. La musica poi, sostenuta dai due sopravvissuti con Pino Palladino al basso e Zak Starkey (sì, il solito figlio di Ringo), oltre a un nutrito numero di ospiti, evita l’effetto speciale. Anzi, pare sempre funzionale alle parole, preferendo, con qualche eccezione, dialoghi fra acustico ed elettronico, per arrivare a un senso di straniamento di sicuro studiato.

Registrato in un periodo che va dal 2002 al 2006, mixato nelle pause del tour europeo di quest’anno, “Endless Wire” è stato quindi meditato a dovere. In mezzo, il suo artefice ha subito anche un processo odioso, per possesso di materiale pedofilo, da cui è stato scagionato, a quanto pare, completamente. Così, la storia che viene raccontata parla ancora una volta di alienazione e difficoltà esistenziale, sceglie la strada del concept e si fa ascoltare. Mancano, per così dire, i vertici del passato; però si tratta di un lavoro serio, denso, che come tale va rispettato, a differenza di altri momenti della carriera degli Who.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...