Endless Wire

Polydor/Universal

L’enciclopedia degli Who è fatta di grandi contraddizioni, così come di grande musica. Due membri originari della band se ne sono andati (tantissimo tempo fa Keith Moon, più di recente John Entwistle), senza che il gruppo cessasse davvero di esistere. Il commiato del 1982 ha lasciato posto a eterni ritorni della premiata sigla, dichiaratamente per i soldi, sul palco e quasi mai in studio, se si eccettuano due inediti apparsi nella recente compilazione “Then And Now! 1964-2004”. I fan di stretta osservanza penseranno che con “Endless Wire” il cerchio in qualche modo si chiuda: un inutile album per un soggetto oramai troppo vecchio per essere preso sul serio. Eppure. Fin dall’avvio dei sintetizzatori di “Fragments”, così paurosamente vicini a quelli di “Baba O’Reilly” (Who’s Next, 1971), si capisce che il cd è costruito con cura. Una scorsa ai testi ci fa ritrovare lo stile migliore di Townshend, narrativo, alienato, intimistico e poco propenso a piangersi addosso, soprattutto nella mini-opera che copre la seconda parte del dischetto, “Wire & Glass”. La musica poi, sostenuta dai due sopravvissuti con Pino Palladino al basso e Zak Starkey (sì, il solito figlio di Ringo), oltre a un nutrito numero di ospiti, evita l’effetto speciale. Anzi, pare sempre funzionale alle parole, preferendo, con qualche eccezione, dialoghi fra acustico ed elettronico, per arrivare a un senso di straniamento di sicuro studiato.

Registrato in un periodo che va dal 2002 al 2006, mixato nelle pause del tour europeo di quest’anno, “Endless Wire” è stato quindi meditato a dovere. In mezzo, il suo artefice ha subito anche un processo odioso, per possesso di materiale pedofilo, da cui è stato scagionato, a quanto pare, completamente. Così, la storia che viene raccontata parla ancora una volta di alienazione e difficoltà esistenziale, sceglie la strada del concept e si fa ascoltare. Mancano, per così dire, i vertici del passato; però si tratta di un lavoro serio, denso, che come tale va rispettato, a differenza di altri momenti della carriera degli Who.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...