Endless Wire

Polydor/Universal

L’enciclopedia degli Who è fatta di grandi contraddizioni, così come di grande musica. Due membri originari della band se ne sono andati (tantissimo tempo fa Keith Moon, più di recente John Entwistle), senza che il gruppo cessasse davvero di esistere. Il commiato del 1982 ha lasciato posto a eterni ritorni della premiata sigla, dichiaratamente per i soldi, sul palco e quasi mai in studio, se si eccettuano due inediti apparsi nella recente compilazione “Then And Now! 1964-2004”. I fan di stretta osservanza penseranno che con “Endless Wire” il cerchio in qualche modo si chiuda: un inutile album per un soggetto oramai troppo vecchio per essere preso sul serio. Eppure. Fin dall’avvio dei sintetizzatori di “Fragments”, così paurosamente vicini a quelli di “Baba O’Reilly” (Who’s Next, 1971), si capisce che il cd è costruito con cura. Una scorsa ai testi ci fa ritrovare lo stile migliore di Townshend, narrativo, alienato, intimistico e poco propenso a piangersi addosso, soprattutto nella mini-opera che copre la seconda parte del dischetto, “Wire & Glass”. La musica poi, sostenuta dai due sopravvissuti con Pino Palladino al basso e Zak Starkey (sì, il solito figlio di Ringo), oltre a un nutrito numero di ospiti, evita l’effetto speciale. Anzi, pare sempre funzionale alle parole, preferendo, con qualche eccezione, dialoghi fra acustico ed elettronico, per arrivare a un senso di straniamento di sicuro studiato.

Registrato in un periodo che va dal 2002 al 2006, mixato nelle pause del tour europeo di quest’anno, “Endless Wire” è stato quindi meditato a dovere. In mezzo, il suo artefice ha subito anche un processo odioso, per possesso di materiale pedofilo, da cui è stato scagionato, a quanto pare, completamente. Così, la storia che viene raccontata parla ancora una volta di alienazione e difficoltà esistenziale, sceglie la strada del concept e si fa ascoltare. Mancano, per così dire, i vertici del passato; però si tratta di un lavoro serio, denso, che come tale va rispettato, a differenza di altri momenti della carriera degli Who.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...