thee-silver-zion-Fuck-Off-Get-e1385730994213
Thee Silver Mt. Zion

Fuck Off Get Free...

Constellation/Goodfellas
8.5

Quella volta che Lester Bangs seminò il terrore in un banchetto radical chic di NY posando White Light White Heat sul piatto con il volume alzato a stecca, tanto per vedere quanti dei fighetti che ronzavano intorno alla Factory fossero davvero pronti per quella roba. Somministrare lo stesso trattamento punitivo oggigiorno sarebbe doveroso ancorché maledettamente complicato: troppe le feste da guastare e troppi pochi i candidati a gruppi-antidoto. I Thee Silver Mt Zion potrebbero fare al caso nostro, così grezzi, alieni, diversi da tutto il resto che diviene lecito chiedersi se non siano effettivamente – pericolosi. Ciascuno dei loro dischi potrebbe servire altrettanto bene la causa, eccetto forse il precedente Kollaps Tradixionales, che rendeva esile lo stile dei nostri nel tentativo di alleggerirlo. Fuck Off Get Free We Pour Light On Everything ritrova la giusta coesione, con l’organico ridotto a cinque, un solo volume anziché due (in termini vinilici), sei tracce distribuite lungo due lati e cinquanta minuti e spiccioli. Misure restrittive, perfino riduttive se avvicinate alle proporzioni gargantuesche che appartengono ai Godspeed You! Black Emperor. Ma non è più tempo per i complessi di inferiorità: nato da quella scapola, il collettivo è cresciuto per altre strade, i testi e le voci fanno da valore aggiunto.

Take Away These Early Grave Blues è un anatema da gridare in coro, Little Ones Run una litanìa travestita da ninna nanna, in Rains Thru The Roof… suona uno struggente requiem per Capital Steez, rapper dei Pro Era morto suicida a diciannove anni; Austerity Blues mantiene la promessa del titolo e innalza un mantra ad una Terra stanca: “Lord let my son live long enough to see that mountain torn down”. Difficile imbattersi in qualcosa di altrettanto poetico, politico, apocalittico insieme. Roba così forte non si trova facilmente in circolazione, e di sicuro non agli apericena: portatecela voi, e suonatela finché anche l’ultimo invitato non avrà lasciato la festa.

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...