HIDDEN
Domino/Self

Era senza dubbio assimilabile al filone del neo-post-punk Beat Pyramid, l’esordio datato 2008 dei These New Puritans: nell’urgenza un po’ minacciosa e rabbiosa insieme, nelle chitarre spigolose e nel nervosismo di fondo. E tuttavia, al suo interno si poteva riscontrare anche una certa attenzione sia per l’elettronica che per paesaggi sonori ben lontani dagli steccati del pur non sempre definibile genere in questione. Un minimalismo glaciale che faceva intuire come i quattro giovani inglesi non fossero il solito gruppo di sbarbatelli pronto a saltare sul carro del trend più in voga, ma avessero in effetti qualcosa da dire. Da lì a immaginare che il seguito di quel pur incoraggiante debutto sarebbe stato un lavoro come questo, però, ce ne correva. Perché Hidden stordisce, attacca a suon di ritmiche ossessive, non dà alcun tipo di riferimento e talvolta fa persino paura. Nel descriverlo, il leader Jack Barnett chiama in causa tanto Benjamin Britten quanto Supa Dups, e pensando alle partiture classicheggianti (anzitutto dei fiati, spettrale filo rosso che collega un brano all’altro) e al trattamento dei suoni si capisce che non parla a vanvera. C’è però tanto altro qui dentro: inquietanti cori di bambini, inserti melodici improvvisi, clangori proto-industrial lungo l’asse Human League/Heaven 17, incubi post-apocalittici alla Xiu Xiu, notturni gotici degni dei Virgin Prunes, virate verso i Depeche Mode meno accomodanti e sì, pure parecchio post-punk, ma nello spirito più che nella forma. Le sei-corde rivestono un ruolo secondario, lasciando che siano percussioni, rumori di ogni sorta e sintetizzatori cupissimi a guidare le danze, in un gioco di sottrazioni, stratificazioni e reiterate de-costruzioni al termine del quale influenze ed eventuali rimandi escono quasi del tutto irriconoscibili, meri mattoni coi quali la band ha costruito un edificio ambiziosamente fuori dagli schemi, con coraggio e personalità. Denso, a tratti orrorifico, clamorosamente creativo: davvero un discone.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...