HIDDEN
Domino/Self

Era senza dubbio assimilabile al filone del neo-post-punk Beat Pyramid, l’esordio datato 2008 dei These New Puritans: nell’urgenza un po’ minacciosa e rabbiosa insieme, nelle chitarre spigolose e nel nervosismo di fondo. E tuttavia, al suo interno si poteva riscontrare anche una certa attenzione sia per l’elettronica che per paesaggi sonori ben lontani dagli steccati del pur non sempre definibile genere in questione. Un minimalismo glaciale che faceva intuire come i quattro giovani inglesi non fossero il solito gruppo di sbarbatelli pronto a saltare sul carro del trend più in voga, ma avessero in effetti qualcosa da dire. Da lì a immaginare che il seguito di quel pur incoraggiante debutto sarebbe stato un lavoro come questo, però, ce ne correva. Perché Hidden stordisce, attacca a suon di ritmiche ossessive, non dà alcun tipo di riferimento e talvolta fa persino paura. Nel descriverlo, il leader Jack Barnett chiama in causa tanto Benjamin Britten quanto Supa Dups, e pensando alle partiture classicheggianti (anzitutto dei fiati, spettrale filo rosso che collega un brano all’altro) e al trattamento dei suoni si capisce che non parla a vanvera. C’è però tanto altro qui dentro: inquietanti cori di bambini, inserti melodici improvvisi, clangori proto-industrial lungo l’asse Human League/Heaven 17, incubi post-apocalittici alla Xiu Xiu, notturni gotici degni dei Virgin Prunes, virate verso i Depeche Mode meno accomodanti e sì, pure parecchio post-punk, ma nello spirito più che nella forma. Le sei-corde rivestono un ruolo secondario, lasciando che siano percussioni, rumori di ogni sorta e sintetizzatori cupissimi a guidare le danze, in un gioco di sottrazioni, stratificazioni e reiterate de-costruzioni al termine del quale influenze ed eventuali rimandi escono quasi del tutto irriconoscibili, meri mattoni coi quali la band ha costruito un edificio ambiziosamente fuori dagli schemi, con coraggio e personalità. Denso, a tratti orrorifico, clamorosamente creativo: davvero un discone.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...