these-new-puritans-album-field-of-reeds
These New Puritans

Fields Of Reeds

Infectious/Pias
7.5

Fanno proprio bene i These New Puritans a tenersi lontani dall’hype, standosene tranquilli nel cono d’ombra mediatico che regolarmente si cuciono addosso tra un album e l’altro. È un metodo che funziona, tiene lontani i pericoli tipici della sovraesposizione (aspettative e delusioni annesse) e crea quell’efficace alone di mistero circa la fase di maturazione del disco, che puntualmente porta con sé la plateale svolta estetica. Tutto già accaduto per l’ultimo Hidden, che ha segnato un passaggio decisivo dal post-punk revival di Beat Pyramid a un sound marziale e tendente all’epico, una mossa a sorpresa che ha dato soddisfazione agli ascoltatori e liberato le elucubrazioni della critica (si è parlato di art-rock, indie folk, neoclassica, persino dubstep e trip-hop). E le probabilità che le cose si ripetano anche oggi ci sono tutte: Field Of Reeds viene fuori dal nulla, annunciato solo due mesi prima dell’uscita, e si fa carico di una nuova trasformazione, allentando la tensione e spostandosi su una linea più minimale, cantautorale, complessivamente adulta.

L’idea di base è generare la distensione emotiva necessaria dopo un album di energia mascolina come Hidden, aggiornando nel frattempo la formula a una melodicità alternativa, sempre abbondantemente fuori schema, a tratti quasi free jazz. Se in We Want War si andava in battaglia, Fragment Two è il meritato riposo del guerriero: pianoforte e linea vocale sono i protagonisti della nuova fase, l’essenzialità di certe strutture (Dream) si avvicina al primo James Blake, mentre l’approccio intimista e classico di pezzi come The Light In Your Name e Field Of Reeds vale come blues di classe, passionale e sentito, e ricorda le fasi più ispirate del David Sylvian solista. Il risultato è un disco magari non di impatto immediato come il precedente, ma sicuramente più ragionato, affascinante per il suo essere fuori dal tempo e artsy come mai prima d’ora. A un pubblico allenato alle sorprese non potrà che piacere.

Pubblicato sul Mucchio 707

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...