Thurston-Moore-The-Best-Day
Thurston Moore

The Best Day

Matador/Self
7.5

Definire la carriera di Thurston Moore dopo la separazione dei Sonic Youth un brusco risveglio sarebbe dire poco. Da quell’Ottobre 2011, quando in un colpo solo finivano trent’anni di vita di gruppo e ventisette di matrimonio (per colpa sua, dicono i beninformati), non ha fatto altro che tenersi impegnato. È corso a cercare conforto tra le braccia dell’Avanguardia per un paio di progetti da una botta e via, ha tentato una disperata sostituzione in corsa con quel bignami di controcultura del Novecento in formato rock band che erano i Chelsea Light Moving, ha sfogato le rabbie post-separazione dandosi al death metal con lo stesso spirito con cui un uomo di mezz’età tornato scapolo corre a comprarsi una Harley Davidson. A suggello di questa confusa ripartenza giunge ora la solenne decisione di fare da sé, pubblicare sotto le proprie generalità accompagnato solo da una backing band di fiducia. Da queste parti ritroviamo Steve Shelley, l’ex Nought James Newards e Deb Googe dei My Bloody Valentine, in una formazione di professionisti del noise che promette sfaceli. Di fatto The Best Day potrebbe rappresentare per Moore ciò che Another Day fu per Paul McCartney: un punto e a capo, un primo passo ufficiale fuori dalla vecchia vita ma con l’ambizione di portarne avanti l’eredità, riprendendo il discorso là dove il suo gruppo lo aveva interrotto. A differenza delle altre prove in solitaria, infatti, qui non ci si muove in territori limitrofi (sperimentalismo elettrico e/o canzone unplugged), ma si attenta senza paure al campo da gioco principale: la trovata vincente è portare una dodici corde acustica nel bel mezzo della festa e piegarla ai registri della composizione sonica, come accade in Tape. Non tragga in inganno la semplicità del singolo eponimo o la faciloneria rock’n’roll di Detonation: spirito vecchio e “nuovo” si accordano al meglio in brani come Forevermore, nove minuti per qualche ironia dedicati all’amore eterno. È rumore che gioca con i sentimenti, questo, a cominciare dai nostri.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...