This Will Destroy You
Magic Bullet

Chi segue la scena alternativa americana si sarà accorto, un paio di anni fa, di un eccellente esordio che rispondeva al nome di Young Mountain; gli autori – i This Will Destroy You, giovane quartetto con moltissimi punti di contatto con gli Explosions In The Sky (non ultimi la terra di provenienza e il produttore di questa seconda prova, quel John Congleton noto per le collaborazioni con Modest Mouse e Polyphonic Spree) – lasciavano intravedere tutte le potenzialità che trovano compiutissima e splendida espressione in sette composizioni semplicemente perfette per chi ama quelle atmosfere che Mogwai, da questa parte dell’Oceano, e Isis, dall’altra, sanno rendere come nessun altro. Lunghi strumentali, cioè, che alternano passaggi costruiti attorno a tappeti di chitarre dalle strutture orientate verso l’ambient (Villa del Refugio) a suite in cui i tipici movimenti post-rock, quelli che attingono il loro magnetismo dall’incrocio tra percussioni e basso, si prendono la libertà di colorarsi di dark e tensione e di rendere epiche atmosfere che cambiano di ritmo con la velocità del pensiero (Threads, A Three-Legged Workhorse, oltre nove minuti che a tratti commuovono tanta l’intensità che trasmettono). E volendo insistere con i paragoni famosi, è il caso di scomodare pure i Sigur Ros: in effetti sia Leather Wings – che del lotto è la più radiofonica: neppure quattro minuti – sia The Mighty Rio Grande, esaltata dalle percussioni e dagli archi (come pure la conclusiva Burial On The Presidio Bank), dimostrano che opere come ( ) e Takk non sono affatto passate sotto silenzio dalle parti del Texas. Insomma, cinquantadue minuti all’interno dei quali, grazie anche a una vena elettronica appena accennata (They Move On Tracks…), è impossibile trovare difetti; al contrario, tantissimi pregi che esaltano capacità di scrittura di molto superiori alla media. Ad oggi, assieme a In The Future dei Black Mountain, il mio disco dell’anno.

Recensione tratta dal Mucchio 644

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...