This Will Destroy You
Magic Bullet

Chi segue la scena alternativa americana si sarà accorto, un paio di anni fa, di un eccellente esordio che rispondeva al nome di Young Mountain; gli autori – i This Will Destroy You, giovane quartetto con moltissimi punti di contatto con gli Explosions In The Sky (non ultimi la terra di provenienza e il produttore di questa seconda prova, quel John Congleton noto per le collaborazioni con Modest Mouse e Polyphonic Spree) – lasciavano intravedere tutte le potenzialità che trovano compiutissima e splendida espressione in sette composizioni semplicemente perfette per chi ama quelle atmosfere che Mogwai, da questa parte dell’Oceano, e Isis, dall’altra, sanno rendere come nessun altro. Lunghi strumentali, cioè, che alternano passaggi costruiti attorno a tappeti di chitarre dalle strutture orientate verso l’ambient (Villa del Refugio) a suite in cui i tipici movimenti post-rock, quelli che attingono il loro magnetismo dall’incrocio tra percussioni e basso, si prendono la libertà di colorarsi di dark e tensione e di rendere epiche atmosfere che cambiano di ritmo con la velocità del pensiero (Threads, A Three-Legged Workhorse, oltre nove minuti che a tratti commuovono tanta l’intensità che trasmettono). E volendo insistere con i paragoni famosi, è il caso di scomodare pure i Sigur Ros: in effetti sia Leather Wings – che del lotto è la più radiofonica: neppure quattro minuti – sia The Mighty Rio Grande, esaltata dalle percussioni e dagli archi (come pure la conclusiva Burial On The Presidio Bank), dimostrano che opere come ( ) e Takk non sono affatto passate sotto silenzio dalle parti del Texas. Insomma, cinquantadue minuti all’interno dei quali, grazie anche a una vena elettronica appena accennata (They Move On Tracks…), è impossibile trovare difetti; al contrario, tantissimi pregi che esaltano capacità di scrittura di molto superiori alla media. Ad oggi, assieme a In The Future dei Black Mountain, il mio disco dell’anno.

Recensione tratta dal Mucchio 644

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...