This Will Destroy You
Magic Bullet

Chi segue la scena alternativa americana si sarà accorto, un paio di anni fa, di un eccellente esordio che rispondeva al nome di Young Mountain; gli autori – i This Will Destroy You, giovane quartetto con moltissimi punti di contatto con gli Explosions In The Sky (non ultimi la terra di provenienza e il produttore di questa seconda prova, quel John Congleton noto per le collaborazioni con Modest Mouse e Polyphonic Spree) – lasciavano intravedere tutte le potenzialità che trovano compiutissima e splendida espressione in sette composizioni semplicemente perfette per chi ama quelle atmosfere che Mogwai, da questa parte dell’Oceano, e Isis, dall’altra, sanno rendere come nessun altro. Lunghi strumentali, cioè, che alternano passaggi costruiti attorno a tappeti di chitarre dalle strutture orientate verso l’ambient (Villa del Refugio) a suite in cui i tipici movimenti post-rock, quelli che attingono il loro magnetismo dall’incrocio tra percussioni e basso, si prendono la libertà di colorarsi di dark e tensione e di rendere epiche atmosfere che cambiano di ritmo con la velocità del pensiero (Threads, A Three-Legged Workhorse, oltre nove minuti che a tratti commuovono tanta l’intensità che trasmettono). E volendo insistere con i paragoni famosi, è il caso di scomodare pure i Sigur Ros: in effetti sia Leather Wings – che del lotto è la più radiofonica: neppure quattro minuti – sia The Mighty Rio Grande, esaltata dalle percussioni e dagli archi (come pure la conclusiva Burial On The Presidio Bank), dimostrano che opere come ( ) e Takk non sono affatto passate sotto silenzio dalle parti del Texas. Insomma, cinquantadue minuti all’interno dei quali, grazie anche a una vena elettronica appena accennata (They Move On Tracks…), è impossibile trovare difetti; al contrario, tantissimi pregi che esaltano capacità di scrittura di molto superiori alla media. Ad oggi, assieme a In The Future dei Black Mountain, il mio disco dell’anno.

Recensione tratta dal Mucchio 644

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...