AELITA
Morr/Wide

È il gruppo delle contraddizioni, il Tied + Tickled Trio: il nome è inglese ma musicisti più tedeschi di loro (per luogo di nascita e per influenze) in giro non ce ne sono; nella ragione sociale si dà conto di tre elementi quando, in realtà, i componenti della band, attiva ormai da quasi una decina di anni, sono un numero indefinito che varia dalle quattro alle dieci unità (su “Aelita”, ad esempio, sono in cinque). Si tratta, insomma, di un progetto in perenne divenire al cui interno trova posto e convive l’anima del jazz con quella dell’indie, il post-rock e le colonne sonore a seconda dei musicisti che si alternano in sala di incisione. E sul palco. Perché la genesi di queste otto composizioni avviene dal vivo, lo scorso ottobre, quando il gruppo si esibisce a un festival a Monaco e propone, per la prima volta, i provini di “Chlebnikov” e “A Rocket Debris Cloud Drifts”. Poi, tre giorni di lavoro in studio ed il gioco è fatto. Senza eccessi e spese folli ma con una sorta di trip-jazz notturno che farà proseliti sia nei cultori della scena di Bristol che nei seguaci del Miles Davis più estremo oppure dell’Ornette Coleman meno convenzionale. E se c’è una cosa che non manca al Tied + Tickled Trio, quella è l’ispirazione: altissima il più delle volte se è vero che dietro a ”Other Voices Other Rooms” (otto minuti di indietronica in cui si alternano silenzi e percussioni ovattate) c’è Truman Capote mentre la musa di “Tamaghis” (scratch, frammenti di pura improvvisazione e qualcosa di molto vicino ad una sincopata drum-machine finché tutto sfocia nell’avvolgente suono di uno xilofono) è niente meno che W.S. Burroughs; la titletrack, nelle sue tre differenti versioni, si rifà, invece, a un film sovietico ma, allo stesso tempo, potrebbe essere un sentito omaggio alla scuola krauta che nei Settanta dettava legge in Germania. Con un occhio verso il futuro e l’altro attento a non tradire, appunto, la tradizione con cui sono cresciuti, Caspar Brandner e Andreas Gerth sono tornati. E stavolta, c’è da scommetterci, non faranno prigionieri.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...