AELITA
Morr/Wide

È il gruppo delle contraddizioni, il Tied + Tickled Trio: il nome è inglese ma musicisti più tedeschi di loro (per luogo di nascita e per influenze) in giro non ce ne sono; nella ragione sociale si dà conto di tre elementi quando, in realtà, i componenti della band, attiva ormai da quasi una decina di anni, sono un numero indefinito che varia dalle quattro alle dieci unità (su “Aelita”, ad esempio, sono in cinque). Si tratta, insomma, di un progetto in perenne divenire al cui interno trova posto e convive l’anima del jazz con quella dell’indie, il post-rock e le colonne sonore a seconda dei musicisti che si alternano in sala di incisione. E sul palco. Perché la genesi di queste otto composizioni avviene dal vivo, lo scorso ottobre, quando il gruppo si esibisce a un festival a Monaco e propone, per la prima volta, i provini di “Chlebnikov” e “A Rocket Debris Cloud Drifts”. Poi, tre giorni di lavoro in studio ed il gioco è fatto. Senza eccessi e spese folli ma con una sorta di trip-jazz notturno che farà proseliti sia nei cultori della scena di Bristol che nei seguaci del Miles Davis più estremo oppure dell’Ornette Coleman meno convenzionale. E se c’è una cosa che non manca al Tied + Tickled Trio, quella è l’ispirazione: altissima il più delle volte se è vero che dietro a ”Other Voices Other Rooms” (otto minuti di indietronica in cui si alternano silenzi e percussioni ovattate) c’è Truman Capote mentre la musa di “Tamaghis” (scratch, frammenti di pura improvvisazione e qualcosa di molto vicino ad una sincopata drum-machine finché tutto sfocia nell’avvolgente suono di uno xilofono) è niente meno che W.S. Burroughs; la titletrack, nelle sue tre differenti versioni, si rifà, invece, a un film sovietico ma, allo stesso tempo, potrebbe essere un sentito omaggio alla scuola krauta che nei Settanta dettava legge in Germania. Con un occhio verso il futuro e l’altro attento a non tradire, appunto, la tradizione con cui sono cresciuti, Caspar Brandner e Andreas Gerth sono tornati. E stavolta, c’è da scommetterci, non faranno prigionieri.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...