AELITA
Morr/Wide

È il gruppo delle contraddizioni, il Tied + Tickled Trio: il nome è inglese ma musicisti più tedeschi di loro (per luogo di nascita e per influenze) in giro non ce ne sono; nella ragione sociale si dà conto di tre elementi quando, in realtà, i componenti della band, attiva ormai da quasi una decina di anni, sono un numero indefinito che varia dalle quattro alle dieci unità (su “Aelita”, ad esempio, sono in cinque). Si tratta, insomma, di un progetto in perenne divenire al cui interno trova posto e convive l’anima del jazz con quella dell’indie, il post-rock e le colonne sonore a seconda dei musicisti che si alternano in sala di incisione. E sul palco. Perché la genesi di queste otto composizioni avviene dal vivo, lo scorso ottobre, quando il gruppo si esibisce a un festival a Monaco e propone, per la prima volta, i provini di “Chlebnikov” e “A Rocket Debris Cloud Drifts”. Poi, tre giorni di lavoro in studio ed il gioco è fatto. Senza eccessi e spese folli ma con una sorta di trip-jazz notturno che farà proseliti sia nei cultori della scena di Bristol che nei seguaci del Miles Davis più estremo oppure dell’Ornette Coleman meno convenzionale. E se c’è una cosa che non manca al Tied + Tickled Trio, quella è l’ispirazione: altissima il più delle volte se è vero che dietro a ”Other Voices Other Rooms” (otto minuti di indietronica in cui si alternano silenzi e percussioni ovattate) c’è Truman Capote mentre la musa di “Tamaghis” (scratch, frammenti di pura improvvisazione e qualcosa di molto vicino ad una sincopata drum-machine finché tutto sfocia nell’avvolgente suono di uno xilofono) è niente meno che W.S. Burroughs; la titletrack, nelle sue tre differenti versioni, si rifà, invece, a un film sovietico ma, allo stesso tempo, potrebbe essere un sentito omaggio alla scuola krauta che nei Settanta dettava legge in Germania. Con un occhio verso il futuro e l’altro attento a non tradire, appunto, la tradizione con cui sono cresciuti, Caspar Brandner e Andreas Gerth sono tornati. E stavolta, c’è da scommetterci, non faranno prigionieri.

(Recensione tratta dal Mucchio n.636-637 – luglio/agosto 2007)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...