816VyDmSlEL._SL1500_
Tindersticks

The Waiting Room

City Slang
8

Ci sono tante voci capaci di evocare uno spiraglio di luce anche nel più abbruttito dei mondi, ma nessuna è come quella di Stuart Staples, così intrisa di fumo e di spleen, una voce che si insinua in tremuli paesaggi noir facendosi strumento di conforto e balsamo di salvezza. Il cantante di Nottingham ha iniziato a fare proseliti venticinque anni fa, avendo Nick Cave come faro e raccogliendo le suggestioni che venivano tanto dalla canzone d’autore francese quanto da ideali colonne sonore di cinema dilatato ed esistenziale. I suoi Tindersticks hanno definito un suono immediatamente riconoscibile, distillando bellezza sin dall’imprevedibile album d’esordio, passando per il raffinato Simple Pleasure fino ad arrivare ai percorsi liquidi di The Something Rain.

Malinconico senza essere retrò, lento e cedevole senza essere indolente, anche il nuovo The Waiting Room eccelle in quello che è uno dei tratti più distintivi della band: riuscire a creare un’atmosfera. Malata, ebbra, notturna, così è l’aria che si respira da queste parti. Tra le undici tracce troviamo il crocevia di culture di Help Yourself, il dolore assoluto della title track e della strumentale  Planting Holes, la saturazione ciondolante di We Are Dreamers! (con la partecipazione canora di Jehnny Beth delle Savages), il romanticismo senza patria di Like Only Lovers Can; troviamo persino una cover di Bronislau Kaper, Follow Me, tratta dalla soundtrack de Gli ammutinati del Bounty; e una sensuale e commovente Hey Lucinda, in cui Stuart duetta ancora una volta con Llhasa de Sela, cantautrice americana spesso vicina al gruppo inglese e prematuramente scomparsa nel 2010. In ognuno di questi momenti finiamo per essere vinti da una fascinazione senza tempo evocata con gli elementi di sempre, ma mescolati meglio che mai. Perché ancora oggi, dopo venticinque anni di carriera, in pochi sanno cantare l’amore e il suo contrario, il dolore e la sua cura, la perdizione e l’estasi con la stessa autorevolezza dei Tindersticks.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...