KING OF CARDS
V2/Edel

Facciamo un salto indietro di qualche anno. Era il 2000, e in pieno boom del New Acoustic Movement il nome sulla bocca di tutti era quello di Nick Drake, spesso scomodato a sproposito come inarrivabile termine di paragone per questo o quell’artista. Tra i tanti che sono stati avvicinati al menestrello di Tanworth-In-Arden chi forse più di tutti meritava un simile accostamento era Tom McRae: non solo per ragioni strettamente musicali, ma soprattutto perché i momenti più riusciti del suo debutto omonimo parevano impregnati della stessa disperata malinconia, talmente vera e lancinante da lasciare senza parole. Un capolavoro minore che l’inglese non ha più saputo eguagliare, pur mantenendo la sua produzione su livelli sempre più che buoni e, nel frattempo, riempiendo progressivamente un suono che inizialmente si presentava spoglio ed essenziale.
In tal senso, King Of Cards – il suo album numero quattro – rappresenta un felice punto di arrivo, perché le canzoni al suo interno, tanto le ballad quanto le più movimentate, hanno una rotondità nuova, una corposità che ne solidifica le fondamenta e al tempo stesso ne mette in mostra le melodie scintillanti. Inutile quindi cercare qui tutta la intensa fragilità delle varie You Cut Her Hair e The Boy With The Bubblegum, ché non la si troverà se non a sprazzi; al suo posto, invece, il pop-rock luminoso di Bright Lights e Sound Of The City, il crepuscolo prima minimale e poi elettrificato di Keep Your Picture Clear, la drammaticità controllata di Set The Story Straight, gli intrecci acustici e il crescendo di una On And On che non dispiacerebbe affatto ai migliori I Am Kloot. Uno scambio forse non proprio alla pari, ma tutt’altro che svantaggioso, specie se al termine della trattativa ci si ritrova tra le mani una meraviglia come The Ballad Of Amelia Earhart, in cui la mitica aviatrice statunitense si fa metafora di un amore perduto per sempre e conduce artista e ascoltatori verso vette di purezza semplicemente celestiali.

(Recensione tratta dal Mucchio n.634 – Maggio 2007)

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...