KING OF CARDS
V2/Edel

Facciamo un salto indietro di qualche anno. Era il 2000, e in pieno boom del New Acoustic Movement il nome sulla bocca di tutti era quello di Nick Drake, spesso scomodato a sproposito come inarrivabile termine di paragone per questo o quell’artista. Tra i tanti che sono stati avvicinati al menestrello di Tanworth-In-Arden chi forse più di tutti meritava un simile accostamento era Tom McRae: non solo per ragioni strettamente musicali, ma soprattutto perché i momenti più riusciti del suo debutto omonimo parevano impregnati della stessa disperata malinconia, talmente vera e lancinante da lasciare senza parole. Un capolavoro minore che l’inglese non ha più saputo eguagliare, pur mantenendo la sua produzione su livelli sempre più che buoni e, nel frattempo, riempiendo progressivamente un suono che inizialmente si presentava spoglio ed essenziale.
In tal senso, King Of Cards – il suo album numero quattro – rappresenta un felice punto di arrivo, perché le canzoni al suo interno, tanto le ballad quanto le più movimentate, hanno una rotondità nuova, una corposità che ne solidifica le fondamenta e al tempo stesso ne mette in mostra le melodie scintillanti. Inutile quindi cercare qui tutta la intensa fragilità delle varie You Cut Her Hair e The Boy With The Bubblegum, ché non la si troverà se non a sprazzi; al suo posto, invece, il pop-rock luminoso di Bright Lights e Sound Of The City, il crepuscolo prima minimale e poi elettrificato di Keep Your Picture Clear, la drammaticità controllata di Set The Story Straight, gli intrecci acustici e il crescendo di una On And On che non dispiacerebbe affatto ai migliori I Am Kloot. Uno scambio forse non proprio alla pari, ma tutt’altro che svantaggioso, specie se al termine della trattativa ci si ritrova tra le mani una meraviglia come The Ballad Of Amelia Earhart, in cui la mitica aviatrice statunitense si fa metafora di un amore perduto per sempre e conduce artista e ascoltatori verso vette di purezza semplicemente celestiali.

(Recensione tratta dal Mucchio n.634 – Maggio 2007)

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...