KING OF CARDS
V2/Edel

Facciamo un salto indietro di qualche anno. Era il 2000, e in pieno boom del New Acoustic Movement il nome sulla bocca di tutti era quello di Nick Drake, spesso scomodato a sproposito come inarrivabile termine di paragone per questo o quell’artista. Tra i tanti che sono stati avvicinati al menestrello di Tanworth-In-Arden chi forse più di tutti meritava un simile accostamento era Tom McRae: non solo per ragioni strettamente musicali, ma soprattutto perché i momenti più riusciti del suo debutto omonimo parevano impregnati della stessa disperata malinconia, talmente vera e lancinante da lasciare senza parole. Un capolavoro minore che l’inglese non ha più saputo eguagliare, pur mantenendo la sua produzione su livelli sempre più che buoni e, nel frattempo, riempiendo progressivamente un suono che inizialmente si presentava spoglio ed essenziale.
In tal senso, King Of Cards – il suo album numero quattro – rappresenta un felice punto di arrivo, perché le canzoni al suo interno, tanto le ballad quanto le più movimentate, hanno una rotondità nuova, una corposità che ne solidifica le fondamenta e al tempo stesso ne mette in mostra le melodie scintillanti. Inutile quindi cercare qui tutta la intensa fragilità delle varie You Cut Her Hair e The Boy With The Bubblegum, ché non la si troverà se non a sprazzi; al suo posto, invece, il pop-rock luminoso di Bright Lights e Sound Of The City, il crepuscolo prima minimale e poi elettrificato di Keep Your Picture Clear, la drammaticità controllata di Set The Story Straight, gli intrecci acustici e il crescendo di una On And On che non dispiacerebbe affatto ai migliori I Am Kloot. Uno scambio forse non proprio alla pari, ma tutt’altro che svantaggioso, specie se al termine della trattativa ci si ritrova tra le mani una meraviglia come The Ballad Of Amelia Earhart, in cui la mitica aviatrice statunitense si fa metafora di un amore perduto per sempre e conduce artista e ascoltatori verso vette di purezza semplicemente celestiali.

(Recensione tratta dal Mucchio n.634 – Maggio 2007)

 

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...