AIR_cover
Toro Y Moi

Anything In Return

CARPARK/GOODFELLAS
6.5

Disco molto godibile, disco molto insopportabile. Siamo impazziti? No, solo esasperati dalle esagerazioni da hype 2.0, quelle che da quando le informazioni girano assai più velocemente e assai copiosamente ma fanno pure le opinioni, sono un attore molto, troppo ingombrante. Ci hanno fatto una capa tanta con la faccenda chillwave e glo-fi, ricordate? Bene. Di tutta quell’ondata, Chaz Bundick alias Toro Y Moi ci è sempre sembrato uno dei più dignitosi e al tempo stesso perfettamente rappresentativo dei pregi e difetti del genere. Anything In Return, invece di portare sorprendenti cambi di rotta o particolari maturazioni, conferma in toto questa convinzione. Non puoi volergli male: non ha l’aria di essere un furbetto che cerca di andare dove tira il vento, lui fa onestamente la sua musica e in realtà a tratti ci prende pure. È gradevole, sa azzeccare certe linee melodiche, cita con cortesia e deferenza vari generi musicali di qualità: cosa chiedergli di più?

Ad esempio, di non essere solo un gradevole dilettante. Il problema è che nella corsa alla new sensation dei prossimi cinque minuti, si è deciso che in fondo essere bravi non è così importante. Lo è, invece, essere interessanti in quel momento, in quella frazione di anno, in tinta con quel vestito o con quel tipo di scarpe. Colpa di Chaz? No. Cioè, ni, perché quando leggi sue dichiarazioni tipo “Non voglio guardare solo alla nicchia, voglio guardare al pop, a ciò che funziona tra la gente, dandone la mia interpretazione”, da un lato pensi che sia sincero e accetti l’aumento di dosi di house e R&B in filigrana, dall’altro rimugini sul fatto che prima di dare “la sua interpretazione” dovrebbe studiare ancora un po’ come si usano macchine e software e voce. Non è però solo quello, non ne facciamo una questione di tecnica: fateci piuttosto capire perché ascoltare gli Shakatak è da sfigati mentre ascoltare Toro Y Moi ? (era?) hip. Le differenze son proprio poche. E gli Shakatak, come sottofondo, non sono per niente male.

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...