KNOWLE WEST BOY
Domino/Self

E anche per Tricky venne il momento del pop senza ripensamenti. Non quello abbozzato di inizio millennio: in Knowle West Boy, Adrian Thaws abbraccia canzoni classiche, nella loro struttura, a cominciare da Puppy Toy, piccola dichiarazione di intenti dell’ex-diavolo di Bristol. Le melodie sono affilate, c’è l’immancabile voce femminile (che sia di Veronica, Lubna o Alex Mills importa relativamente) a fare da contrasto, i ritmi rimangono oppressivi, ma si delinea un orizzonte diverso. C’è innanzitutto l’esigenza di raccontare se stessi, fuori da ogni facile via di fuga. Le storie del cd sono vere, nel senso che il protagonista, l’io narrante, le ha vissute o viste direttamente. Non è un caso che Knowle West sia il nome del quartiere in cui è cresciuto: “un posto“ – ricorda – “dove non c’era nessun pregiudizio razziale. Eravamo tutti ugualmente poveri”. Stridono le chitarre, nella cover di “Slow” di Kylie Minogue, bruciano le voci, nel patchwork fra hip hop e rock di Coalition, dura fino all’osso, arrivano tocchi oscuri e intensissimi, in “Past Mistake”; ma è soprattutto l’idea di un soul moderno e contaminato con il presente a essere portata avanti con un piglio credibile e contagioso (per esempio, in “Far Away”, atto d’amore per altri mondi ed epoche, eppure ben piantato nel presente). Se, insomma, nello stesso disco possono convivere i ritmi della giungla urbana e quelli della scena indie britannica, il merito è di un’inquietudine che ha portato Tricky a rifare pezzi e ambientazioni, per più di un anno, e a negarsi alla sala di incisione per un po’, il tempo giusto per arrivare fino a questo: se non un punto di svolta, un perno su cui far ruotare una carriera rinnovata. Già immaginiamo la diffidenza di chi ritiene il personaggio oramai bruciato dal suo imponente passato. Qui però c’è una voglia di andare avanti e ribaltare le attese che farà ricredere gli scettici. Cinque anni di estenuanti ricerche, oltre che di altre vite, che si ritrovano in un fiume sonoro in piena, difficilmente arginabile, nato stavolta fra le strade prive di misericordia di Los Angeles.

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...