KNOWLE WEST BOY
Domino/Self

E anche per Tricky venne il momento del pop senza ripensamenti. Non quello abbozzato di inizio millennio: in Knowle West Boy, Adrian Thaws abbraccia canzoni classiche, nella loro struttura, a cominciare da Puppy Toy, piccola dichiarazione di intenti dell’ex-diavolo di Bristol. Le melodie sono affilate, c’è l’immancabile voce femminile (che sia di Veronica, Lubna o Alex Mills importa relativamente) a fare da contrasto, i ritmi rimangono oppressivi, ma si delinea un orizzonte diverso. C’è innanzitutto l’esigenza di raccontare se stessi, fuori da ogni facile via di fuga. Le storie del cd sono vere, nel senso che il protagonista, l’io narrante, le ha vissute o viste direttamente. Non è un caso che Knowle West sia il nome del quartiere in cui è cresciuto: “un posto“ – ricorda – “dove non c’era nessun pregiudizio razziale. Eravamo tutti ugualmente poveri”. Stridono le chitarre, nella cover di “Slow” di Kylie Minogue, bruciano le voci, nel patchwork fra hip hop e rock di Coalition, dura fino all’osso, arrivano tocchi oscuri e intensissimi, in “Past Mistake”; ma è soprattutto l’idea di un soul moderno e contaminato con il presente a essere portata avanti con un piglio credibile e contagioso (per esempio, in “Far Away”, atto d’amore per altri mondi ed epoche, eppure ben piantato nel presente). Se, insomma, nello stesso disco possono convivere i ritmi della giungla urbana e quelli della scena indie britannica, il merito è di un’inquietudine che ha portato Tricky a rifare pezzi e ambientazioni, per più di un anno, e a negarsi alla sala di incisione per un po’, il tempo giusto per arrivare fino a questo: se non un punto di svolta, un perno su cui far ruotare una carriera rinnovata. Già immaginiamo la diffidenza di chi ritiene il personaggio oramai bruciato dal suo imponente passato. Qui però c’è una voglia di andare avanti e ribaltare le attese che farà ricredere gli scettici. Cinque anni di estenuanti ricerche, oltre che di altre vite, che si ritrovano in un fiume sonoro in piena, difficilmente arginabile, nato stavolta fra le strade prive di misericordia di Los Angeles.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...