Return To Cookie Mountain
4AD/Self

La vera arma vincente dei TV On The Radio, ciò che li rende una delle band – anche se loro preferiscono il termine “famiglia” – più originali in circolazione è la loro capacità di incorporare elementi musicali dei più disparati. In una società in cui gli stimoli di ogni tipo si succedono a ritmo serrato senza la minima soluzione di continuità, la formazione di Brooklyn riesce nel difficile compito di far proprie culture e istanze di ogni tipo dando vita a qualcosa di nuovo. Un’operazione di sintesi, quindi, ancor prima che di sovrapposizione: un compendio di art-rock, soul, jazz cosmico, elettronica, post-punk e cultura hip hop che non si limita ad accostare detti – e altri – elementi, ma li ibrida, li accorpa, li concatena fino a ottenere un risultato mai scontato.
Se però ascoltando l’ep di esordio “Young Liars” (2003) l’impressione di trovarsi di fronte a uno stile inedito era stata entusiasmante, un minimo di delusione ci aveva colto di fronte a un primo album (“Desperate Youth”, “Blood Thirsty Babes” del 2004) più involuto. A rimettere le cose a posto ci pensa ora “Return To Cookie Mountain”: un lavoro complesso, stratificato, ambizioso forse, ma anche tremendamente sincero e “sentito”. Un’esplosione di creatività di fronte alla quale il rischio è quello di trovarsi impreparati visto come, all’apparenza, lasci pochi punti di riferimento, ma che sarebbe sbagliato considerare come un mero prodotto intellettuale. Certo, ci sono più idee nell’iniziale “I Was A Lover” o in “Province” (con ospite David Bowie) che in intere discografie, ma ogni nota vibra di una fisicità innegabile, di una tensione che a volte pare insostenibile, in tutto e per tutto figlia dei tempi difficili che stiamo vivendo. E tuttavia, anche quando gli scenari si fanno più cupi e inquietanti (“Wash The Day Away”), ecco che a offrire una scialuppa di salvataggio ci pensa la voce di Tunde Adebimpe: calda e ricca di sfumature nere come quelle dei “soulmen” d’altri tempi, ma anche perfettamente calata nel contesto urbano e (post)industriale creato dagli strumenti. Un grido di dolore che dischiude le porte alla speranza.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...