Return To Cookie Mountain
4AD/Self

La vera arma vincente dei TV On The Radio, ciò che li rende una delle band – anche se loro preferiscono il termine “famiglia” – più originali in circolazione è la loro capacità di incorporare elementi musicali dei più disparati. In una società in cui gli stimoli di ogni tipo si succedono a ritmo serrato senza la minima soluzione di continuità, la formazione di Brooklyn riesce nel difficile compito di far proprie culture e istanze di ogni tipo dando vita a qualcosa di nuovo. Un’operazione di sintesi, quindi, ancor prima che di sovrapposizione: un compendio di art-rock, soul, jazz cosmico, elettronica, post-punk e cultura hip hop che non si limita ad accostare detti – e altri – elementi, ma li ibrida, li accorpa, li concatena fino a ottenere un risultato mai scontato.
Se però ascoltando l’ep di esordio “Young Liars” (2003) l’impressione di trovarsi di fronte a uno stile inedito era stata entusiasmante, un minimo di delusione ci aveva colto di fronte a un primo album (“Desperate Youth”, “Blood Thirsty Babes” del 2004) più involuto. A rimettere le cose a posto ci pensa ora “Return To Cookie Mountain”: un lavoro complesso, stratificato, ambizioso forse, ma anche tremendamente sincero e “sentito”. Un’esplosione di creatività di fronte alla quale il rischio è quello di trovarsi impreparati visto come, all’apparenza, lasci pochi punti di riferimento, ma che sarebbe sbagliato considerare come un mero prodotto intellettuale. Certo, ci sono più idee nell’iniziale “I Was A Lover” o in “Province” (con ospite David Bowie) che in intere discografie, ma ogni nota vibra di una fisicità innegabile, di una tensione che a volte pare insostenibile, in tutto e per tutto figlia dei tempi difficili che stiamo vivendo. E tuttavia, anche quando gli scenari si fanno più cupi e inquietanti (“Wash The Day Away”), ecco che a offrire una scialuppa di salvataggio ci pensa la voce di Tunde Adebimpe: calda e ricca di sfumature nere come quelle dei “soulmen” d’altri tempi, ma anche perfettamente calata nel contesto urbano e (post)industriale creato dagli strumenti. Un grido di dolore che dischiude le porte alla speranza.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...