Return To Cookie Mountain
4AD/Self

La vera arma vincente dei TV On The Radio, ciò che li rende una delle band – anche se loro preferiscono il termine “famiglia” – più originali in circolazione è la loro capacità di incorporare elementi musicali dei più disparati. In una società in cui gli stimoli di ogni tipo si succedono a ritmo serrato senza la minima soluzione di continuità, la formazione di Brooklyn riesce nel difficile compito di far proprie culture e istanze di ogni tipo dando vita a qualcosa di nuovo. Un’operazione di sintesi, quindi, ancor prima che di sovrapposizione: un compendio di art-rock, soul, jazz cosmico, elettronica, post-punk e cultura hip hop che non si limita ad accostare detti – e altri – elementi, ma li ibrida, li accorpa, li concatena fino a ottenere un risultato mai scontato.
Se però ascoltando l’ep di esordio “Young Liars” (2003) l’impressione di trovarsi di fronte a uno stile inedito era stata entusiasmante, un minimo di delusione ci aveva colto di fronte a un primo album (“Desperate Youth”, “Blood Thirsty Babes” del 2004) più involuto. A rimettere le cose a posto ci pensa ora “Return To Cookie Mountain”: un lavoro complesso, stratificato, ambizioso forse, ma anche tremendamente sincero e “sentito”. Un’esplosione di creatività di fronte alla quale il rischio è quello di trovarsi impreparati visto come, all’apparenza, lasci pochi punti di riferimento, ma che sarebbe sbagliato considerare come un mero prodotto intellettuale. Certo, ci sono più idee nell’iniziale “I Was A Lover” o in “Province” (con ospite David Bowie) che in intere discografie, ma ogni nota vibra di una fisicità innegabile, di una tensione che a volte pare insostenibile, in tutto e per tutto figlia dei tempi difficili che stiamo vivendo. E tuttavia, anche quando gli scenari si fanno più cupi e inquietanti (“Wash The Day Away”), ecco che a offrire una scialuppa di salvataggio ci pensa la voce di Tunde Adebimpe: calda e ricca di sfumature nere come quelle dei “soulmen” d’altri tempi, ma anche perfettamente calata nel contesto urbano e (post)industriale creato dagli strumenti. Un grido di dolore che dischiude le porte alla speranza.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...