Return To Cookie Mountain
4AD/Self

La vera arma vincente dei TV On The Radio, ciò che li rende una delle band – anche se loro preferiscono il termine “famiglia” – più originali in circolazione è la loro capacità di incorporare elementi musicali dei più disparati. In una società in cui gli stimoli di ogni tipo si succedono a ritmo serrato senza la minima soluzione di continuità, la formazione di Brooklyn riesce nel difficile compito di far proprie culture e istanze di ogni tipo dando vita a qualcosa di nuovo. Un’operazione di sintesi, quindi, ancor prima che di sovrapposizione: un compendio di art-rock, soul, jazz cosmico, elettronica, post-punk e cultura hip hop che non si limita ad accostare detti – e altri – elementi, ma li ibrida, li accorpa, li concatena fino a ottenere un risultato mai scontato.
Se però ascoltando l’ep di esordio “Young Liars” (2003) l’impressione di trovarsi di fronte a uno stile inedito era stata entusiasmante, un minimo di delusione ci aveva colto di fronte a un primo album (“Desperate Youth”, “Blood Thirsty Babes” del 2004) più involuto. A rimettere le cose a posto ci pensa ora “Return To Cookie Mountain”: un lavoro complesso, stratificato, ambizioso forse, ma anche tremendamente sincero e “sentito”. Un’esplosione di creatività di fronte alla quale il rischio è quello di trovarsi impreparati visto come, all’apparenza, lasci pochi punti di riferimento, ma che sarebbe sbagliato considerare come un mero prodotto intellettuale. Certo, ci sono più idee nell’iniziale “I Was A Lover” o in “Province” (con ospite David Bowie) che in intere discografie, ma ogni nota vibra di una fisicità innegabile, di una tensione che a volte pare insostenibile, in tutto e per tutto figlia dei tempi difficili che stiamo vivendo. E tuttavia, anche quando gli scenari si fanno più cupi e inquietanti (“Wash The Day Away”), ecco che a offrire una scialuppa di salvataggio ci pensa la voce di Tunde Adebimpe: calda e ricca di sfumature nere come quelle dei “soulmen” d’altri tempi, ma anche perfettamente calata nel contesto urbano e (post)industriale creato dagli strumenti. Un grido di dolore che dischiude le porte alla speranza.

Recensione tratta dal Mucchio 624/625 (luglio/agosto 2006)

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...