Goodbye Bread
Drag City/Self

Con gli altri membri della vivacissima scena di San Francisco di cui fa parte (Thee Oh Sees, Sic Alps, The Fresh & Onlys, Sonny & The Sunsets, Kelley Stoltz), il ventitreenne Ty Segall condivide sia la passione per il pop-rock degli anni 60 (e in misura minore 70) che l’iperproduttività. In pochi anni di carriera discografica, infatti, lo statunitense ha prodotto da solo o in compagnia un numero decisamente alto di album, ep, singoli e cassette, rendendo operazione improba tentare di tracciarne un percorso. Tanto vale allora partire da questo esordio su Drag City, perfetta porta d’ingresso per un mondo di canzoni semplici quanto riuscitissime nella loro orecchiabilità: acidule caramelle di psichedelia lo-fi a tinte garage, in cui robuste dosi di quelle distorsioni sature e di quelle sonorità sporchissime tanto care – senza allontanarci troppo nel tempo – anche a Wavves e irregolari aperture acustiche degne del Beck degli esordi sono protagoniste insieme a efficaci melodie di stampo lennoniano di uno scalcinato quanto vivace menage a trois, a cui ben presto ci si ritrova assuefatti. Al punto che il disco in questione non solo si è conquistato già da settimane un posto fisso nel lettore di chi scrive, ma sembra aver tutte le intenzioni di conservarlo ancora a lungo.

tratto dal Mucchio n° 684/685

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....