ty
Ty Segall

Manipulator

Drag City
8.5

Ventisette anni e circa nove di carriera, sette album da solista, uno con la band, un altro con White Fence, il progetto Fuzz e svariati con Mikal Cronin, apparizioni in formazioni disparate tra cui i Sic Alps – tutti mai meno che buoni (checché ne dicano i puristi garage, che lo considerano ancora “il surfista svenduto all’indie”): la tentazione di fare i conti in tasca a Ty Segall è sempre alta, ma stavolta ha un significato simbolico. Dopo una serie di uscite “a tema” – quello psych, quello folk, quello hard rock – è arrivato il disco che i mood li contiene tutti. È arrivato l’album doppio, se non quello della consacrazione, avvenuta ormai nel 2011 con Goodbye Bread, sicuramente il più completo e multiforme. E forse, ad oggi, anche il migliore. Dedicarsi per più di un anno a uno stesso album, metterci dentro viole e violini senza che suoni folk, scrivere e limare i pezzi come mai prima d’ora: Manipulator è il check off record di Ty Segall, il disco con cui sfoltire la lista degli esperimenti da provare.

Dopo un mese di fila in studio, il biondastro dalla doppia personalità (Twins, non a caso) di Laguna Beach ne esce con un album sbronzo di suoni e intossicato di chitarre, un’ora per diciassette pezzi dove trova sempre la melodia, il trick giusto per tenerci appesi fino alla fine. Organo, sirene e synth deviati (Manipulator e The Connection Man), grunge pop alla Cronin (Tall Man Skinny Lady), blues muovi-chiappe (Feel), raw power (The Crawler), fiumi di elettricità garage e scomposta o hard e possente, Black Keys senza lustrini (The Faker), funk e falsetti (Mister Main), chitarre acustiche e falsetti (The Hand, The Singer): il Manipolatore e i suoi scagnozzi – perché di personaggi, come chiaro fin dai titoli, questo album ne ha parecchi – passano in rassegna (quasi) tutto lo scibile del r’n’r. Dopo essersi abbuffato delle buone e cattive azioni di Ozzy e Tony, Iggy e Neil, Arthur e Keith, Ty “il riffomane” le rigurgita a modo suo. E la pietanza, nella sua nuova forma, ha un sapore misteriosamente gustoso e inedito.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...