ty
Ty Segall

Manipulator

Drag City
8.5

Ventisette anni e circa nove di carriera, sette album da solista, uno con la band, un altro con White Fence, il progetto Fuzz e svariati con Mikal Cronin, apparizioni in formazioni disparate tra cui i Sic Alps – tutti mai meno che buoni (checché ne dicano i puristi garage, che lo considerano ancora “il surfista svenduto all’indie”): la tentazione di fare i conti in tasca a Ty Segall è sempre alta, ma stavolta ha un significato simbolico. Dopo una serie di uscite “a tema” – quello psych, quello folk, quello hard rock – è arrivato il disco che i mood li contiene tutti. È arrivato l’album doppio, se non quello della consacrazione, avvenuta ormai nel 2011 con Goodbye Bread, sicuramente il più completo e multiforme. E forse, ad oggi, anche il migliore. Dedicarsi per più di un anno a uno stesso album, metterci dentro viole e violini senza che suoni folk, scrivere e limare i pezzi come mai prima d’ora: Manipulator è il check off record di Ty Segall, il disco con cui sfoltire la lista degli esperimenti da provare.

Dopo un mese di fila in studio, il biondastro dalla doppia personalità (Twins, non a caso) di Laguna Beach ne esce con un album sbronzo di suoni e intossicato di chitarre, un’ora per diciassette pezzi dove trova sempre la melodia, il trick giusto per tenerci appesi fino alla fine. Organo, sirene e synth deviati (Manipulator e The Connection Man), grunge pop alla Cronin (Tall Man Skinny Lady), blues muovi-chiappe (Feel), raw power (The Crawler), fiumi di elettricità garage e scomposta o hard e possente, Black Keys senza lustrini (The Faker), funk e falsetti (Mister Main), chitarre acustiche e falsetti (The Hand, The Singer): il Manipolatore e i suoi scagnozzi – perché di personaggi, come chiaro fin dai titoli, questo album ne ha parecchi – passano in rassegna (quasi) tutto lo scibile del r’n’r. Dopo essersi abbuffato delle buone e cattive azioni di Ozzy e Tony, Iggy e Neil, Arthur e Keith, Ty “il riffomane” le rigurgita a modo suo. E la pietanza, nella sua nuova forma, ha un sapore misteriosamente gustoso e inedito.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...