No Line On The Orizon
Island/Universal

Il tempo passa per tutti: accettarlo e farne una poetica dignitosa è un grande pregio, oggi, degli U2. Dopo un’attesa fatta di molte chiacchiere e supposizioni, il loro nuovo album è arrivato. Si credeva che lo avrebbe prodotto Rick Rubin, poi si è saputo che sarebbe ritornato Brian Eno, convenientemente assieme a Daniel Lanois, e infine ai due si è affiancato pure Steve Lillywhite. Nomi pronti a garantire continuità e profondità artistica ai pezzi (dei quali sono spesso indicati addirittura come coautori), ma pure, per molti versi, ripetizione del passato, all’infinito.
“No Line On The Horizon” è invece almeno una sorpresa spiazzante, se non del tutto bella. Il singolo – “Get On Your Boots” – fa parte del rock più fratturato di questi tempi, arriva a riecheggiare persino i Muse, e insinua qualche dubbio sul ritorno, in grande stile, dell’elettronica fra le passioni di Bono e soci. Accade però esattamente il contrario: siamo di fronte a un lavoro tornito, che ha momenti di assoluta poesia (“Breathe”, per esempio), sempre a un passo dalla stucchevolezza, e momenti di pop esemplare (“White As Snow”, “Moment Of Surrender)”, che mescolano soul, r’n’r e le radici della band. La chitarra abbandona volentieri il tintinnio a cui siamo stati abituati per decenni (in verità lo aveva già fatto, ma con risultati barocchi e poco incisivi), la voce riesce, quasi incredula lei per prima, a volare alto. Non c’è la temuta maniera, insomma: piuttosto, c’è un gruppo che ribadisce le sue appartenenze e il lusso di non aver fretta, di farsi produrre con un’attenzione ai dettagli sempre meno invalsa, nei tempi del digitale, che lega il disco ai Beatles, per la dedizione mostrata in studio. “Magnificent”, “Unknown” “Caller”, “I Go Crazy If I Don’t Go Crazy Tonight” possiedono lo smalto per non farsi discutere; la dolorosa “Cedars Of Lebanon” apre le porte a qualsiasi congettura sulla vita privata di Paul; il tutto non si può accusare di particolari furbizie o compiacenza nei confronti delle attese dei fan. Semmai, una mancanza di quella verve che solo i ventenni possiedono, quando scappano da casa.

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...