WHERE DID THE NIGHT FALL
Surrender All/Goodfellas

Il tragitto si è compiuto. Alla fine James Lavelle è arrivato definitivamente là dove si sapeva sarebbe arrivato, ed è esattamente l’opposto rispetto alla posizione da cui è partito. Se qualcuno ha ancora ricordo del ventenne fighetto che gioca con l’house assieme a Tim Goldswothy e con l’hip hop assieme a Dj Shadow, bene, è giunto il momento di cancellarlo per sempre. Lavelle è rimasto fighetto – anche per Where Did The Night Fall si è curato di chiamare fotografi di grido per accompagnare visualmente il progetto – ma ormai con l’hip hop non c’entra più nulla e con l’house neppure. James Lavelle è Jason Pierce, spanna più spanna meno, e con questo ultimo lavoro è in lizza, anzi, probabilmente ha già vinto il titolo di “miglior album degli Spiritualized assieme a Ladies And Gentlemen We’re Floating In Space”. Che Pierce non ci sia, fra queste tracce, è quasi una coincidenza secondaria. Una coincidenza non secondaria è invece che Lavelle deve aver definitivamente abbandonato la tentazione della collezione di figurine famose: mai come questa volta un album degli UNKLE non è una parata di nomi famosi per catturare l’attenzione dei media e la soddisfazione del proprio ego. Riappare Lanegan, ok, ma per il resto sono nomi abbastanza minori, tipo Autolux e Gavin Clark (che tra l’altro erano nel già buono War Stories: apprezzabile segno di continuità, per uno che invece era famoso per litigare più o meno con tutti dopo un po’). Il risultato è che l’attenzione è puntata sulle canzoni, e dobbiamo dire che sono quasi tutte buone e alcune davvero belle belle belle, nelle loro striature tra brit rock e psichedelia declinate sotto la chiave dell’intensità corposa. Insomma, il disco meno pretenzioso di Lavelle, sicuramente quello meno spettacolare e più normale, quello che (in teoria) meno gli farà guadagnare le copertine dei giornali molto mondani, ma a occhio e croce rischia di essere il migliore e soprattutto quello che più facilmente vi capiterà di ascoltare dall’inizio alla fine, senza stare in impaziente attesa di quando arriva finalmente la traccia con Thom Yorke o Richard Ashcroft.

tratto dl Mucchio n°670

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...