Unkown Mortal cop
Unknown Mortal Orchestra

II

JAGJAGUWAR/GOODFELLAS
8

Un disco che prende il via sulle lisergiche, stranianti note di From The Sun, dove ricorre l’avvertimento “Isolation can put a gun in your hand”, non può che partire alla grande. Seguono due magistrali brani tra folk, pop e rock, il singolo Swim And Sleep (Like A Shark) e So Good At Being In Trouble: pensate a un esperimento ordito da Grizzly Bear, Tame Impala e Black Mountain, neocompagni di scuderia. One At A Time farebbe invidia ai Black Keys in un dinamitardo frullato di elettriche, groove e fiati, mentre The Opposite Of Afternoon è slow garage che richiama certi Flaming Lips e No Need For A Leader è macchina del tempo per un Mac DeMarco proiettato nell’era di riff alla Black Sabbath. Che dire, poi, dei sette e passa minuti di Monki, coacervo di psichedelia e soul da leccarsi i baffi? C’è spazio persino per lo sfizio sintetico di Dawn, prima della tirata Faced In The Morning e della ballad Secret Xtians.

Tutto questo ben di dio è il secondo album della Unknown Mortal Orchestra, semplicemente numerato dopo il più sdrucito debutto omonimo del 2011, già capace di destare attenzioni. Non di orchestra in senso letterale stiamo ovviamente parlando, dato che i responsabili sono solo Ruban Nielson (songwriting, voce e chitarra), Jake Portrait (basso) e Greg Rogove (batteria). Un album forse leggermente dispersivo ma senz’altro divertentissimo, a tratti geniale nell’impossessarsi di materiale risaputo e trasformarlo in qualcosa di sensato ed eccitante per i tempi correnti. Materiale che nelle mani sbagliate diviene spesso abuso con la data di scadenza, ma nelle mani giuste rivela un rinnovamento del passato tendente a una sorta di eternità espressiva. La differenza, insomma, non la fa la fuga dai generi di riferimento, bensì lo stravolgimento personale degli stessi, come in un sortilegio benedetto dalla famosa teorica della stregoneria Janet Farrar, ritratta in copertina. Ecco perché il trio, operativo a Portland, potrebbe divenire con ogni merito sempre più conosciuto.

Pubblicato sul Mucchio 703

 

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...