Leggendo Modern Vampires Of The City e pensando di riflesso a immagini di vampiri urbani, la mente vola subito alle visioni apocalittiche di Richard Matheson e rifiuta a priori le love story conservatrici di Stephanie Meyer e orrida progenie. Fa sorridere che i Vampire Weekend abbiano in realtà scelto il titolo del loro terzo album rifacendosi semplicemente a un brano reggae, One Blood di Junior Reed. Vampire Weekend che in ogni caso hanno sempre messo in mostra canini ben affiliati nel mordere al collo l’indie pop e succhiare al contempo molteplici influenze, dallo stesso reggae a qualsivoglia contaminazione etnica.
Se nell’omonimo esordio del 2008 e nel successivo, finanche superiore Contra del 2010 il giovane quartetto poteva dirsi vicino a colleghi come Yeasayer e Animal Collective, stavolta il brio cede il passo all’attenzione rivolta al songwriting e le tendenze terzomondiste sono depotenziate per dare risalto a sonorità sempre più globalizzate.
Un cambiamento forse inevitabile, visto che la policromia è smorzata dallo smog che nella foto in bianco e nero di copertina, scattata nel 1966 da Neal Boenzi, uccise un sacco di persone in quel di New York, città che funge proprio da base operativa per Ezra Koenig e compagni. Per alcuni potrebbe essere un trampolino di lancio verso la maturità, ma a nostro avviso si tratta al contrario di un piccolo passo indietro in quanto a freschezza e riconoscibilità: sebbene non manchino episodi dalla vivacità infettiva (Unbelievers, Diane Young) oppure ballate dall’ispirata, avvolgente morbidezza (Step, Don’t Lie), la produzione cristallina non esalta canzoni sin troppo perfettine, in media tanto gradevoli quanto innocue. Sempre una pacchia per gli amanti delle melodie ben rifinite e mai banalmente ammiccanti, intendiamoci. Per appagare tutti e sfatare il sospetto che certi vampiri di oggi entrino comodamente in azione soltanto nel fine settimana, sarebbe bastata per ironia della sorte appena qualche goccia di sangue in più.

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...