Leggendo Modern Vampires Of The City e pensando di riflesso a immagini di vampiri urbani, la mente vola subito alle visioni apocalittiche di Richard Matheson e rifiuta a priori le love story conservatrici di Stephanie Meyer e orrida progenie. Fa sorridere che i Vampire Weekend abbiano in realtà scelto il titolo del loro terzo album rifacendosi semplicemente a un brano reggae, One Blood di Junior Reed. Vampire Weekend che in ogni caso hanno sempre messo in mostra canini ben affiliati nel mordere al collo l’indie pop e succhiare al contempo molteplici influenze, dallo stesso reggae a qualsivoglia contaminazione etnica.
Se nell’omonimo esordio del 2008 e nel successivo, finanche superiore Contra del 2010 il giovane quartetto poteva dirsi vicino a colleghi come Yeasayer e Animal Collective, stavolta il brio cede il passo all’attenzione rivolta al songwriting e le tendenze terzomondiste sono depotenziate per dare risalto a sonorità sempre più globalizzate.
Un cambiamento forse inevitabile, visto che la policromia è smorzata dallo smog che nella foto in bianco e nero di copertina, scattata nel 1966 da Neal Boenzi, uccise un sacco di persone in quel di New York, città che funge proprio da base operativa per Ezra Koenig e compagni. Per alcuni potrebbe essere un trampolino di lancio verso la maturità, ma a nostro avviso si tratta al contrario di un piccolo passo indietro in quanto a freschezza e riconoscibilità: sebbene non manchino episodi dalla vivacità infettiva (Unbelievers, Diane Young) oppure ballate dall’ispirata, avvolgente morbidezza (Step, Don’t Lie), la produzione cristallina non esalta canzoni sin troppo perfettine, in media tanto gradevoli quanto innocue. Sempre una pacchia per gli amanti delle melodie ben rifinite e mai banalmente ammiccanti, intendiamoci. Per appagare tutti e sfatare il sospetto che certi vampiri di oggi entrino comodamente in azione soltanto nel fine settimana, sarebbe bastata per ironia della sorte appena qualche goccia di sangue in più.

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...