Fuochi fatui d’artifico
Radiofandango/Edel

Tre anni e oltre, tanto abbiamo dovuto attendere per un nuovo disco in studio dei Virginiana Miller, mentre intorno a noi la scena musicale cambiava gusti e dimensioni. Se “La verità sul tennis” faceva i conti con il tempo perduto, i rimpianti che divengono requiem definitivi, “Fuochi fatui d’artificio” accende – scusate – attenzione, immaginazione e rabbia andando su e giù per gli anni, incrociando citazioni poetiche e asciugando il più possibile la trama strumentale. Al servizio dello spaesamento contemporaneo, ovviamente.
C’è sempre la melodia, ma viene violentata di continuo. A una maggiore brillantezza dei suoni si accompagna la complessità dei contenuti. A un mondo che brucia in fretta si oppone la memoria (“Libertà”, dove inquietudine e alienazione di oggi approdano verso un ironia tanto tragica e poco comica), la storia (il petrolio che unisce Enrico Mattei all’epopea di Alessandro Magno, in “La sete delle anime”), la consapevolezza di uno scempio continuo (“Re Cocomero”), a cui la natura, in qualche modo, si associa (“L’onda”). Si arriva a un pop aspro, malinconico a volte, maturo, che ingloba la wave e un modo impressionistico, quasi lacerante, di usare gli strumenti, siano chitarre (Antonio Bardi e Marco Casini), tastiere ed effettistica varia (Giulio Pomponi), o una macchina ritmica che non mostra mai cedimenti (Valerio Griselli, batteria, e Daniele Catalucci, basso). La voce e le parole di Simone Lenzi, poi, vagano fra tensione narrativa, lirica (il fantasma di “Dispetto”), e lo sconforto contemporaneo con un’eleganza che rimane riconoscibile e forte, dopo tanti anni – quindici , per l’esattezza – di avventure con la band. Così, “Fuochi fatui d’artificio” appare come uno dei dischi più importanti di quest’anno, senza dubbio. Inventivo, coraggioso, anche divertito nel suo rapporto con miti giovanili che si sgretolano facendo un discreto rumore: mostra che il rock, in Italia, si può sposare alla letteratura senza più l’ombra di un complesso di inferiorità.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...