Fuochi fatui d’artifico
Radiofandango/Edel

Tre anni e oltre, tanto abbiamo dovuto attendere per un nuovo disco in studio dei Virginiana Miller, mentre intorno a noi la scena musicale cambiava gusti e dimensioni. Se “La verità sul tennis” faceva i conti con il tempo perduto, i rimpianti che divengono requiem definitivi, “Fuochi fatui d’artificio” accende – scusate – attenzione, immaginazione e rabbia andando su e giù per gli anni, incrociando citazioni poetiche e asciugando il più possibile la trama strumentale. Al servizio dello spaesamento contemporaneo, ovviamente.
C’è sempre la melodia, ma viene violentata di continuo. A una maggiore brillantezza dei suoni si accompagna la complessità dei contenuti. A un mondo che brucia in fretta si oppone la memoria (“Libertà”, dove inquietudine e alienazione di oggi approdano verso un ironia tanto tragica e poco comica), la storia (il petrolio che unisce Enrico Mattei all’epopea di Alessandro Magno, in “La sete delle anime”), la consapevolezza di uno scempio continuo (“Re Cocomero”), a cui la natura, in qualche modo, si associa (“L’onda”). Si arriva a un pop aspro, malinconico a volte, maturo, che ingloba la wave e un modo impressionistico, quasi lacerante, di usare gli strumenti, siano chitarre (Antonio Bardi e Marco Casini), tastiere ed effettistica varia (Giulio Pomponi), o una macchina ritmica che non mostra mai cedimenti (Valerio Griselli, batteria, e Daniele Catalucci, basso). La voce e le parole di Simone Lenzi, poi, vagano fra tensione narrativa, lirica (il fantasma di “Dispetto”), e lo sconforto contemporaneo con un’eleganza che rimane riconoscibile e forte, dopo tanti anni – quindici , per l’esattezza – di avventure con la band. Così, “Fuochi fatui d’artificio” appare come uno dei dischi più importanti di quest’anno, senza dubbio. Inventivo, coraggioso, anche divertito nel suo rapporto con miti giovanili che si sgretolano facendo un discreto rumore: mostra che il rock, in Italia, si può sposare alla letteratura senza più l’ombra di un complesso di inferiorità.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...