Fuochi fatui d’artifico
Radiofandango/Edel

Tre anni e oltre, tanto abbiamo dovuto attendere per un nuovo disco in studio dei Virginiana Miller, mentre intorno a noi la scena musicale cambiava gusti e dimensioni. Se “La verità sul tennis” faceva i conti con il tempo perduto, i rimpianti che divengono requiem definitivi, “Fuochi fatui d’artificio” accende – scusate – attenzione, immaginazione e rabbia andando su e giù per gli anni, incrociando citazioni poetiche e asciugando il più possibile la trama strumentale. Al servizio dello spaesamento contemporaneo, ovviamente.
C’è sempre la melodia, ma viene violentata di continuo. A una maggiore brillantezza dei suoni si accompagna la complessità dei contenuti. A un mondo che brucia in fretta si oppone la memoria (“Libertà”, dove inquietudine e alienazione di oggi approdano verso un ironia tanto tragica e poco comica), la storia (il petrolio che unisce Enrico Mattei all’epopea di Alessandro Magno, in “La sete delle anime”), la consapevolezza di uno scempio continuo (“Re Cocomero”), a cui la natura, in qualche modo, si associa (“L’onda”). Si arriva a un pop aspro, malinconico a volte, maturo, che ingloba la wave e un modo impressionistico, quasi lacerante, di usare gli strumenti, siano chitarre (Antonio Bardi e Marco Casini), tastiere ed effettistica varia (Giulio Pomponi), o una macchina ritmica che non mostra mai cedimenti (Valerio Griselli, batteria, e Daniele Catalucci, basso). La voce e le parole di Simone Lenzi, poi, vagano fra tensione narrativa, lirica (il fantasma di “Dispetto”), e lo sconforto contemporaneo con un’eleganza che rimane riconoscibile e forte, dopo tanti anni – quindici , per l’esattezza – di avventure con la band. Così, “Fuochi fatui d’artificio” appare come uno dei dischi più importanti di quest’anno, senza dubbio. Inventivo, coraggioso, anche divertito nel suo rapporto con miti giovanili che si sgretolano facendo un discreto rumore: mostra che il rock, in Italia, si può sposare alla letteratura senza più l’ombra di un complesso di inferiorità.

Recensione tratta dal Mucchio 627 (ottobre 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...