IL PRIMO LUNEDÌ DELMONDO
Zahr

Ogni disco dei Virginiana Miller sorprende, e sempre per motivi differenti. Se con Fuochi fatui d’artificio, tre anni or sono, il gruppo livornese sembrava essere arrivato a una “perfetta” armonia fra musiche e testi, allontanandosi progressivamente dai suoi temi cardine (l’adolescenza perenne di una generazione, i ricordi che diventano mitologie, l’ironia, anche crudele, come forma di resistenza più efficace), oggi Il primo lunedì del mondo sposta e innalza ulteriormente il piano di volo. Scarne tracce della nostalgia che ha segnato alcune canzoni memorabili della band: per festeggiare, in qualche modo, i vent’anni tondi di attività, le dieci canzoni inedite (e una cover sfiziosa) accentuano la ricercatezza del linguaggio, la sua ambivalenza e la tensione verso il rinnovamento. Una luce fioca di speranza che si intravede in Lunedì e che ha fatto superare ai sette musicisti anche la dissoluzione dell’etichetta (la Radiofandango) per cui era uscito il precedente cd. Caparbiamente, i Virginiana affidano all’indipendente Zahr Records il compito di ben servire una serie di spunti in cui il tessuto sonoro si apre ancora, attraversa l’elettrico e il sintetico, vibra e racconta di alienazione, di stabilità faticosa e di instabilità cronica, divertendosi pure con il suono delle parole. Arduo scegliere fra il Frequent Flyer che apre il sipario, vorticoso viaggio intorno al mondo che plana su Acque (nemmeno troppo) sicure, e L’angelo necessario, Oggetto piccolo (a), Cruciverba, La carezza del papa. Ognuno troverà la sua favorita: chi scrive si limita a sottolineare, ancora una volta, che è difficile scovare un suono così avventuroso e testi così cesellati, in qualsiasi scena contemporanea, e non solo. La sorpresa, stavolta, è semplicemente la forza di alcune melodie e l’impenetrabilità di alcuni versi. Sempre riconoscibili e sempre sfuggenti, i Virginiana Miller dimostrano che si può sopravvivere e rimanere in ottima salute di fronte a qualsiasi avversità. Non perdeteli di vista, per favore.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...