IL PRIMO LUNEDÌ DELMONDO
Zahr

Ogni disco dei Virginiana Miller sorprende, e sempre per motivi differenti. Se con Fuochi fatui d’artificio, tre anni or sono, il gruppo livornese sembrava essere arrivato a una “perfetta” armonia fra musiche e testi, allontanandosi progressivamente dai suoi temi cardine (l’adolescenza perenne di una generazione, i ricordi che diventano mitologie, l’ironia, anche crudele, come forma di resistenza più efficace), oggi Il primo lunedì del mondo sposta e innalza ulteriormente il piano di volo. Scarne tracce della nostalgia che ha segnato alcune canzoni memorabili della band: per festeggiare, in qualche modo, i vent’anni tondi di attività, le dieci canzoni inedite (e una cover sfiziosa) accentuano la ricercatezza del linguaggio, la sua ambivalenza e la tensione verso il rinnovamento. Una luce fioca di speranza che si intravede in Lunedì e che ha fatto superare ai sette musicisti anche la dissoluzione dell’etichetta (la Radiofandango) per cui era uscito il precedente cd. Caparbiamente, i Virginiana affidano all’indipendente Zahr Records il compito di ben servire una serie di spunti in cui il tessuto sonoro si apre ancora, attraversa l’elettrico e il sintetico, vibra e racconta di alienazione, di stabilità faticosa e di instabilità cronica, divertendosi pure con il suono delle parole. Arduo scegliere fra il Frequent Flyer che apre il sipario, vorticoso viaggio intorno al mondo che plana su Acque (nemmeno troppo) sicure, e L’angelo necessario, Oggetto piccolo (a), Cruciverba, La carezza del papa. Ognuno troverà la sua favorita: chi scrive si limita a sottolineare, ancora una volta, che è difficile scovare un suono così avventuroso e testi così cesellati, in qualsiasi scena contemporanea, e non solo. La sorpresa, stavolta, è semplicemente la forza di alcune melodie e l’impenetrabilità di alcuni versi. Sempre riconoscibili e sempre sfuggenti, i Virginiana Miller dimostrano che si può sopravvivere e rimanere in ottima salute di fronte a qualsiasi avversità. Non perdeteli di vista, per favore.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...