IL PRIMO LUNEDÌ DELMONDO
Zahr

Ogni disco dei Virginiana Miller sorprende, e sempre per motivi differenti. Se con Fuochi fatui d’artificio, tre anni or sono, il gruppo livornese sembrava essere arrivato a una “perfetta” armonia fra musiche e testi, allontanandosi progressivamente dai suoi temi cardine (l’adolescenza perenne di una generazione, i ricordi che diventano mitologie, l’ironia, anche crudele, come forma di resistenza più efficace), oggi Il primo lunedì del mondo sposta e innalza ulteriormente il piano di volo. Scarne tracce della nostalgia che ha segnato alcune canzoni memorabili della band: per festeggiare, in qualche modo, i vent’anni tondi di attività, le dieci canzoni inedite (e una cover sfiziosa) accentuano la ricercatezza del linguaggio, la sua ambivalenza e la tensione verso il rinnovamento. Una luce fioca di speranza che si intravede in Lunedì e che ha fatto superare ai sette musicisti anche la dissoluzione dell’etichetta (la Radiofandango) per cui era uscito il precedente cd. Caparbiamente, i Virginiana affidano all’indipendente Zahr Records il compito di ben servire una serie di spunti in cui il tessuto sonoro si apre ancora, attraversa l’elettrico e il sintetico, vibra e racconta di alienazione, di stabilità faticosa e di instabilità cronica, divertendosi pure con il suono delle parole. Arduo scegliere fra il Frequent Flyer che apre il sipario, vorticoso viaggio intorno al mondo che plana su Acque (nemmeno troppo) sicure, e L’angelo necessario, Oggetto piccolo (a), Cruciverba, La carezza del papa. Ognuno troverà la sua favorita: chi scrive si limita a sottolineare, ancora una volta, che è difficile scovare un suono così avventuroso e testi così cesellati, in qualsiasi scena contemporanea, e non solo. La sorpresa, stavolta, è semplicemente la forza di alcune melodie e l’impenetrabilità di alcuni versi. Sempre riconoscibili e sempre sfuggenti, i Virginiana Miller dimostrano che si può sopravvivere e rimanere in ottima salute di fronte a qualsiasi avversità. Non perdeteli di vista, per favore.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...